Passa ai contenuti principali

like a kiss without a squeeze...

No: non mi sono persa nei meandri dei dessert, anche se negli ultimi tempi qui dentro i post a tema dolce sono aumentati in maniera esponenziale! E' questo autunno che mi fa un effetto strano...

Sarà l'umido della pioggia che invita al forno acceso, sarà il ritorno dell'ora solare che porta la sera già di pomeriggio, sarà che la compagnia in autunno sembra fare ancora più bene e ultimamente è composta prevalentemente da golosi. Sarà che è un periodo un po' complicato e le coccole dolci hanno d'improvviso un perché gigante anche per me.

Sarà che guardo ogni giorno fuori dalla finestra le scie degli aerei che si infilano nelle nuvole, fiera di riuscire a mantenere la posizione ma indubbiamente tentata dal prendere il volo. E per resistere una delle soluzioni è il tuffo nelle gastronomie lontane da casa, così da riempire questo autunno di profumi inconsueti e scoprire di essere partita comunque almeno un po'.

Anche nelle ricette non italiane trovo però sempre una certa sensibilità ai legami con la nostra stagione. Non è solo il buonsenso di sapori migliori, prezzi più proporzionati od elementi nutritivi più adatti al clima. Mi rendo conto che per me rappresenta pure una rassicurante forma di controllo: so che non sto scappando del tutto se anche nei sogni mantengo una certa coerenza di pensiero...

Quindi mele fresche e succose + costumi stranieri + coccola dolce ma non scontata: eccoci quasi automaticamente a Boston. Patria dell'apple pie americana come tutto il New England, a Boston, guarda un po', amano servire la torta di mele calda con sopra una fetta di Vermont cheddar, che non è il tipico formaggio americano industriale arancione un po' plasticoso che personalmente non so apprezzare, ma un vero e proprio formaggio stagionato di quelli come si deve.

La torta di mele calda nel New England si mangia con il formaggio sia a colazione che come dessert. Servirla "nuda" pare talmente strano che si dice: "Apple pie without cheese is like a kiss without a squeeze!" (...traducibile, a preferenza, con: "la torta di mele senza il formaggio è come un bacio senza un abbraccio" oppure "come un bacio senza una strizzatina"...

Questa è la mia versione di Boston apple pie con crosta neutra, che in casa finisce sempre al volo. Per una visione più bostoniana andrebbe sostituito un terzo della farina con un mix di 180 gr. di zucchero a velo e 70 gr. di formaggio grattugiato piccante, con l'aggiunta eventualmente di un tuorlo che aiuti a legare. E' una versione che a me piace da matti ma al resto della comunità locale un po' meno, e che vede la luce dunque meno spesso...

Mi sono resa conto però di non averla mai fotografata. Quella in foto è infatti un bieco rimedio dell'ultimo minuto con una pasta sfoglia pronta, da consegnare al volo ad amici che avevano fretta (ragione per cui ho tagliato le mele più piccole ed ho spostato pure la torta a dorare all'ultimo momento troppo vicino alla serpentina del forno!). Non l'ho in realtà assaggiata dunque non so se al gusto resta interessante lo stesso... l'aspetto è di certo meno goloso di quella vera!



Italo-bostonian apple & scamorza pie

per la crosta:
750 gr. di farina 00 (più un pizzico per lo stampo)
250 gr. di burro (più una noce per lo stampo)
sale
2 cucchiai di latte
1 cucchiaio di zucchero

per il ripieno:
6 mele (c.a 900 gr.)
150 gr. di scamorza affumicata
1 limone
3 cucchiai di zucchero semolato
3 cucchiai di zucchero di canna
1/2 cucchiaino di cannella in polvere
noce moscata
sale
(1 o 2 cucchiai di farina)

Preparare l'impasto per la crosta riducendo il burro in 16 pezzetti e poi lavorandolo in punta di dita con la farina e un pizzico di sale fino a che forma delle bricioline minute ed uniformi. In America i più tradizionalisti usano lo strutto invece che il burro, i più superficiali usano margarina. Diciamo che qui ci si tiene nel mezzo e con il burro si ottiene un giusto compromesso.

Aggiungere a filo circa 100 ml. di acqua ghiacciata poca per volta fino a che l'impasto si uniforma, quindi stenderlo in due sfoglie tonde, una per foderare anche sui bordi uno stampo da 24 cm. e l'altra leggermente più piccola.

Imburrare ed infarinare leggermente lo stampo, disporvi la sfoglia più grande in modo che sbordi leggermente sul perimetro, lasciare l'altra su un vassoio e tenerle a riposare in frigo una mezz'oretta.

Sbucciare le mele, tagliarle a pezzetti da circa 1,5 cm. e metterle a marinare per una mezz'oretta con il succo di mezzo limone e tutta la sua scorza grattugiata finissima, i due zuccheri, un pizzico appena di sale, la cannella e una grattata abbondante di noce moscata.

Distribuire le mele leggermente sgocciolate sulla sfoglia nella teglia. Se le mele fossero particolarmente succose conviene miscelarle ad un cucchiaio o due di farina. Coprirle poi con fettine di scamorza tagliate al velo, in modo da formare uno strato uniforme.


Adagiare sopra la scamorza la sfoglia piccola, chiudere i bordi formando un cordoncino e forare la sfoglia in centro oppure bucherellare anch'essa con una forchetta in modo regolare, quindi spennellare con il latte e spolverizzare con il cucchiaio di zucchero (nella torta della foto non è stato fatto).

Cuocere la torta in forno a 200° per 20 minuti e poi 180°x altri 20 o 30 minuti fino a che la sfoglia è bella dorata e si sentono le mele del ripieno sobbollire. Coprire i bordi con alluminio se tendono a scurire troppo.

Trasferire la teglia su una gratella ad intiepidire prima di sformare la torta se la si vuole servire "formalmente", oppure tagliarla calda dalla teglia direttamente in fette scomposte se la si vuol presentare profumata e casalinga. In alcune famiglie si versano direttamente le mele nella teglia e si usa un solo strato di sfoglia per coprire il tutto. In questo caso dimezzare le dosi per la crosta ed aggiungere qualche fiocchetto di burro alle mele prima di coprirle.


La foto della torta tagliata non c'è perché se la sono portata via intera gli amici, in compenso si può ammirare l'artistico segno della serpentina che il mio forno ha voluto regalare alla sfoglia superiore...

Avendo preparato qui una torta piccola mi sono avanzati dei ritagli di pasta sfoglia. Ne ho fatto degli stick aromatizzati con parmigiano e pecorino grattugiati, poco curry e poca paprika, cotti a 180° per 10 minuti circa. Ne sono uscite delle sfogliatine da servire con l'aperitivo di un menù a tema formaggio, di cui questa torta potrebbe costituire il dessert.

  • rivoli affluenti:
  • qualche curiosità sulla classica apple pie americana in: AA.VV., Heritage of America Cookbook, Better Homes and Gardens Books.

Commenti

  1. I squeeze you.....anche tu dal lato dei dolci !!!

    RispondiElimina
  2. questa è senza dubbio la più insolita torta di mele che abbia mai visto! Anch'io ne ho appena pubblicato una, ma la mia è banalissima in confronto alla tua, complimenti per questa torta e anche per il blog, davvero molto carino! A presto e buona serata!

    RispondiElimina
  3. Ma quella serpentina a forma di "S" fusse-che-fusse un segno del cielo o del tuo inconscio per dire di Si a prendere quell'aereo...
    Non sapendo la questione non mi addentro oltre...ma sento una crepa nel tua posizione la stessa che (di certo!) ti ha portato a mettere della scamorza affumicata sopro la torta di mele. Ti voglio bene credimi, non è una affermazione decorativa, ma per quanto c'è stima ed affetto nei tuoi confronti credimi non è malizia o cattiveria...ma io la provola sulla torta di mele proprio nunglielafòòòòòòòòòò!!!! :D ahahahahahahah
    PS
    Se non vorrai parlarmi più capirò....

    RispondiElimina
  4. @glufri: vedi nella vita?! mai dire mai...

    @maria.pia: grazie, lo spunto viene proprio da questa (strana?) tradizione americana...

    @gambetto: e perchè mai non parlarti più?! tanto so già che hai un udito selettivo e mi ci sono rassegnata... Vorrà dire che quando riusciremo a pranzare insieme la scamorza te la lascio a fianco della torta!

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!