Passa ai contenuti principali

progetto di pere

La giovane donna alla guida della vecchia station wagon è evidentemente distratta e si volta spesso a guardare la griglia verticale che separa il bagagliaio dall'abitacolo. Forse ha lasciato il cane dal veterinario ed è preoccupata per lui. Sul sedile posteriore un seggiolino da bambini. Forse per sbrigare questo impegno ha dovuto affidare suo figlio piccolo a qualcuno di cui non si fida completamente ed ha fretta di tornare a casa.

La signora anziana sul marciapiede è evidentemente distratta: legge da vicino un cartellone pubblicitario e parlotta tra sé. Indossa un cappello di feltro bordeaux di foggia vintage e cammina a piccoli passi, reggendo con una mano la sporta della spesa ed appoggiandosi con l'altra al bastone. Nonostante il cappotto color cammello le stia largo ha un bel taglio, leggermente retrò. Si capisce che è sempre stata una signora di classe e anche in età avanzata ha conservato un'eleganza innata.

La signora anziana scende sulle strisce pedonali nel momento in cui la station wagon della ragazza volta l'angolo dell'incrocio. Non c'è urto per fortuna: la signora riesce a fare un piccolo salto indietro e il faro destro dell'automobile si bocca a pochi centimetri dal suo cappotto cammello. La borsa della spesa le cade a terra, delle pere rotolano sulle strisce pedonali. Tutto il resto invece è immobile, come in un attimo di trance collettiva. Anche i motori delle macchine che continuano a passare nell'altra direzione sembra non facciano più rumore.

Poi la signora anziana si scuote lentamente e si ricompone. Ignorando la spesa a terra gira attorno all'auto e bussa al finestrino della guidatrice, che lo abbassa in silenzio. Ancora incredula di ciò che è appena successo, probabilmente la giovane è pronta a difendersi dalle giuste accuse di incoscienza da parte di un pedone quasi investito sopra le strisce.

Invece la signora anziana sorride con timidezza e poi le chiede scusa. "Ero distratta... - sussurra in tono sereno e dimesso - signorina mi perdoni se l'ho fatta spaventare. Da un po' di tempo non so più dove ho la testa! Spero lei non si sia fatta male..."

Rassicurata dal cenno di negazione della ragazza la saluta garbatamente, poi torna sui suoi passi e ringrazia il passante che nel frattempo le ha raccolto le pere e le sta porgendo la sporta. "Appena mi passa lo spavento ci preparo un budino con queste pere... Sa, oggi viene a trovarmi il mio nipotino ma per la torta che avevo in mente si sono troppo ammaccate..."

La signora anziana ringrazia ancora e si allontana con il suo bastone, il suo sorriso, il suo progetto di pere. La giovane donna resta seduta, inebetita, ancora più spaesata di prima, non sa  più staccare le mani dal volante. Il passante si avvicina al suo finestrino e chinandosi le dice con un sorriso: "Certo che nella vita ogni occasione è buona per imparare qualcosa!" Poi se ne va anche lui.

Io c'ero, alla guida dell'auto dietro alla station wagon. Ed ero davvero incavolata per gli affari miei, fino ad un attimo prima. Poi ho assisitito a questa scena: i miei guai sono rimasti, la mia rabbia no. Una strana pace nel cuore, un istante di vita profondo. Uno di qui piccoli fantastici miracoli che ti fermano e ti insegnano.

Una volta a casa ho anche provato (inevitabilmente) a preparare un budino di pere, ma il mio sorriso non era davvero dovuto a quello...


Budino dei piccoli miracoli alle pere, un po' speziato
ingredienti per 4 persone:
2 pere e mezza (nel mio caso Abate), per un totale di 250 gr. di polpa al netto di bucce e torsoli
1/2 litro di latte intero
60 gr. di zucchero
40 gr. di amido di mais
3 cm. di baccello di vaniglia
1 chiodo di garofano
1 bacca di cardamomo
1 piccola foglia di alloro
1 pizzichino di sale

Tagliare la polpa delle pere a piccoli dadini; incidere la vaniglia per il lungo e aprirla a libro; pestare leggermente la bacca di cardamomo.

In mezzo bicchiere di latte stemperare l'amido di mais e portare appena a bollore il resto del latte con le spezie (tranne l'alloro), 40 gr. di zucchero ed appena un pizzico di sale.

Nel frattempo distribuire il resto dello zucchero sul fondo di un tegame antiaderente e quando comincia a sciogliersi, anche se non completamente fuso, unire le pere e l'alloro e saltare a fuoco vivo per un paio di minuti.

Filtrare il latte bollente per eliminare le spezie, versarvi l'altro latte miscelato all'amido e riportare a leggera ebollizione, quindi spegnere ed unirvi 2/3 delle pere con il loro fondo, rimestando bene ed eliminando la foglia di alloro.

Versare il composto in 4 stampini  e fare intiepidire, quindi coprire con pellicola e lasciar rassodare in frigorifero per almeno un'oretta.

Sformare i budini su dei piattini individuali e servire decorando con le pere rimaste mantenute a temperatura ambiente oppure leggermente riscaldate.


In questo caso mi sono divertita a servire i budini su piatti a forma di pera...

  • rivoli affluenti: 
  • la base di questa idea è presa da una ricetta trascritta qualche anno fa da un numero di La Cucina italiana che non so più identificare

Commenti

  1. Annalena, sono emozionata, e un ibro quando? Buon fine settimana :-)

    RispondiElimina
  2. @libera: pensa a quanto lo ero io assistendo dal vero ad una scena così... VìMi veniva quasi voglia di essere vecchia! Buona domenica a te.

    @enrico: buono sul serio! Che dici, mi sto rovinosamente convertendo al dolce od ho ancora qualche speranza di salvarmi?!

    RispondiElimina
  3. Delizioso questo budino, davvero speciale con le pere, è un piacere conoscerti!!!! Mi aggiungo ai tuoi lettori, passa a trovarmi.... Buona domenica!

    RispondiElimina
  4. Perdonami se dopo una storia raccontata cosi' bene sono esplosa in una risata arrivata al tuo "hem... al momento non riesco a caricare le foto da blogger..."

    A proposito, io ho risolto e l'ho spiegato velocemente sul blog, ma se hai bisogno di una mano non esitare a chiedere!

    RispondiElimina
  5. @muscaria: allora non posso abbandonare neanche per un momento la ricerca di un marito che mi spieghi cos'è flikr e come funziona!

    RispondiElimina
  6. Eccoti un mini tutorial su flickr (non vorrei mai investissi su un marito per una cosa che poi risulta essere semplice, e magari poi te la prendi con me!)

    Vai sul sito
    http://www.flickr.com/
    Clicca sul bottone "Registrati gratis"
    A quel punto ti chiederà di introdurre il tuo indirizzo di posta elettronica e la password.
    Attenzione, la password dovrà essere quella della mail e non una password che ti inventi per questo account come spesso capita.
    Altra cosa: ho notato che gmail fa a cazzotti con blogger (forse perché appartiene tutto a google?) boh, comunque se io sono loggata su blogger non posso aprire la mia posta su gmail, quindi in questo caso ho inserito una mail di yahoo.

    Riepilogando: occorre solo che tu entri in flickr con un tuo indirizzo di posta elettronica, a quel punto sei pronta per caricare le foto.

    Poi, una volta salvate nel tuo album, vai su "Condividi" (in alto a sinistra) e scegli Codice HTML, a quel punto e fai copia e incolla del codice sulla pagina del post.
    Ora che sei sul blog, salvi, e fai la prova anteprima per vedere se la dimensione della foto va bene. Ci sono diverse opzioni.
    E' un modo un po' diverso da quello al quale siamo abituate, e fa perdere un po' di tempo, ma funziona.

    Un bacione!

    RispondiElimina
  7. @muscaria: grazie carissima, domenica, giorno in cui posso fingere di essere libera, provo a capire che mi hai detto!
    Ti ringrazio tantissimo, soprattutto per la fiducia!

    RispondiElimina
  8. Oh! Il cappello bordeaux, foggia vintage, dell'anziana signora mi ha fatto sussultare!

    Conoscevo un'adorabile, furba vecchina che ne aveva uno proprio uguale!

    RispondiElimina
  9. @virò: il cappello, un po' pelosetto, era proprio quello...

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!