Passa ai contenuti principali

vedere rosso

No, va be', giusto per dire: se per caso mi trovo a disposizione del colorante rosso io, dopo averne diligentemente usato un po' per la torta rossa a cui era destinato, che ci faccio di quello rimasto?! Ovviamente una ricetta etnica. E ovviamente salata...

Perché ognuno ha un modo diverso di vedere rosso, in cucina. E nel mio caso quel che mi viene subito in mente sono delle morbide fettine di maiale dal bordo scarlatto. La ricetta ricorda molto da vicino il char sui o char siu cinese, che si chiama chāshū in Giappone e muu daeng o moo daeng in Tailandia.

Il nome cinese (e quello giapponese da esso derivato) significa "abbrustolito sulla forchetta", quello thai "maiale rosso"; entrambi raccontano la storia di questa ricetta, che nasce da un'antica abitudine asiatica di marinare la carne selvatica dei cinghiali e di cuocerla poi direttamente sulla fiamma infilzandola con degli spiedini disposti a ventaglio.

La marinata tradizionale cinese prevede salsa di soia, salsa hoisin, miele, vino di riso ed il classico mix di 5 spezie cinesi. La versione giapponese non usa ne' colorante ne' spezie, mentre quella tailandese, secondo me la più complessa ed aromatica (quindi la più interessante...), profuma il tutto anche con nam pla e olio di sesamo.

Secondo alcune teorie della percezione dei colori, che attribuiscono alla persona le caratteristiche rappresentate dai colori preferiti, il rosso viene interpretato come simbolo di una persona ricca di energia e dinamismo, che ama la fisicità, estroversa, che vive ed esprime intensamente le emozioni, sia positive che negative.

A livello personale non sono esattamente una persona rossa però è un colore che apprezzo e di cui mi circondo volentieri... Mi serve, credo, ad assorbire un pochino di quelle caratteristiche. Ed in cucina devo dire che mi piace tutto quello che è naturalmente rosso.

Per i coloranti è un'altra storia ed oggettivamente la ricetta di oggi sarebbe ottima anche senza questa tinta decisa. Però perderebbe il fascino del sottile legame con la tradizione, che in Oriente identifica il rosso con la forza positiva, la felicità, la fortuna e la festa...

Così capisco che, soprattutto in questo momento di personali energie al lumicino, una sferzata di energia occidentale e di fortuna orientale non può che fare bene e vedere rosso diventa assolutamente positivo, quasi proprio terapeutico... Ecco: questa è la fine, allegra e simil-tailandese, che fa il resto del mio colorante rosso per torte...
MUU DAENG - MAIALE ROSSO ALLA TAILANDESE 
ingredienti per 4 persone:
500 gr. di lonza di maiale ben nettata da nervi e grasso superficiale
1 cucchiaio di nam pla (o colatura di alici)
1 cucchiaio di salsa di soia
1 cucchiaino di colorante alimentare rosso in polvere
1 cucchiaio di sake (o whisky, o sherry)
1 cucchiaio di zucchero di canna compatto (o di miele)
2 spicchi di aglio, schiacciati ma non spappolati
1 cucchiaio di zenzero fresco grattugiato finissimo
1 cucchiaino di mix cinque spezie cinesi in polvere
5 cucchiai di olio di sesamo
1 cucchiaio salsa hoisin
1/2 cucchiaino di amido di mais

per servire:
2 cetrioli
1/2 cucchiaio di olio di sesamo
sale

Dividere la carne in 4 blocchetti rettangolari da circa 3x5 cm. e lunghi 10 cm.

Sciogliere il colorante in un paio di cucchiai di acqua e spennellare la carne su tutti i lati, massaggiandola con vigore.

Miscelare bene tutti gli altri ingredienti tranne 1 cucchiaio di olio e l'amido, immergere i blocchi di carne nella marinata ottenuta in modo che siano ben coperti e lasciar riposare in frigo da 3 a 24 ore, a seconda di quanto si vuole spesso il bordino rosso che caratterizza le fettine di carne dopo la cottura.

Scolare la carne, appoggiarla su una griglia con sotto una leccarda che ne raccolga i succhi e cuocere in forno a 200°C per una ventina di minuti, spennellando un paio di volte con la marinata. La carne deve risultare ben dorata fuori ma ancora morbida e succosa al centro. In alternativa la si può cuocere a fiamma alta in una padella antiaderente per una decina di minuti, rivoltandola da tutti i lati.

Levare dal forno, spennellare con l'olio di sesamo rimasto, avvolgere in carta di alluminio e lasciar riposare una decina di ;minuti, così che la carne termini di cuocersi dolcemente anche al centro.

Nella ricetta tradizionale la marinata si getta ma a me sembra un'interessante base per un salsa: eliminato l'aglio, ristretta sul fuoco insieme all'amido fino a che si è addensata, passata al colino e, se serve (nel mio caso era perfetta così), regolata di sapore con salsa di soia, miele o qualche goccia di succo d'arancia. Intiepidendosi la salsa tende ad addensarsi ulteriormente, quindi non va ristretta troppo in cottura.

Poco prima di servire sbucciare i cetrioli, tagliarli a rondelle e "stropicciarli" con una presa di sale tra le dita in modo che si ammorbidiscano, quindi sciacquarli e tamponarli con carta da cucina.

Condirli con poco olio di sesamo e qualche goccia della salsa ristretta, lasciandoli insaporire una decina di minuti, quindi distribuirli sul piatto da portata.

Tagliare la carne a fettine sottili e servirla tiepida o a temperatura ambiente sul letto di cetrioli, decorando con un filo di salsa e servendo il resto in una ciotola a parte.
La carne così preparata è buonissima anche servita fredda dopo qualche giorno, come piatto di carne in un menù orientale ma anche come antipasto o finger food, o magari dentro ad un panino, sempre con cetrioli oppure insalata fresca, per un picnic.

Va conservata spalmata con la salsa rimanente e ben chiusa in un contenitore ermetico, levata dal frigo almeno un'ora prima di servirla e tagliata a fettine all'ultimo.
Si presta anche ad essere servita calda, come piatto unico su un letto di riso a vapore, con qualche ciuffetto di coriandolo fresco, oppure alla giapponese per accompagnare dei ramen.
Con lo stesso procedimento si possono marinare anche delle costine di maiale, da cuocere poi alla griglia sempre ben spennellate con la marinata.
  • rivoli affluenti:
  • un buffo testo sull'interpretazione dei colori: Dorothee L. Mella, The Language of Color, Warner Comunication Company, 1988, ISBN 978-0446387811
  • un testo molto più poetico, tra scienza e filosofia: Johann Wolfgang Goethe, La teoria dei colori, Il Saggiatore, 1981 (prima edizione tedesca 1808), ISBN 880419477-4

Commenti

  1. Proprio bello,non sapevo proprio delle variazioni jap-thai del char siu.Geniale l'idea di usare la marinata!Ora sarai costretta a fare i pork buns....
    Un bacione.

    RispondiElimina
  2. Un cucchiaio di nam pla...l'ho letto come un cucchiaio di napalm...il rosso...l'ho letto come un suggerimento per le elezioni...i cetrioli pensavo che fossero solo quelli che ci dispensa il quotidiano...pensa come sto messo :P ahahhahahahaha
    Lo so che prima o poi mi ucciderai...e li si che vedremo il rosso :))))

    RispondiElimina
  3. L'ho mangiato in Cina è mi piacemolto, ma dalle tue foto, questa versione mi sembra molto più succulenta e gustosa, Slurp. Quando capita fammi una bella ricetta tanzaniana, che cominci ad avere nostalgia.

    RispondiElimina
  4. @edith.pilaff: ...li farei se ne fosse avanzato!!! In effetti è una vita che non preparo bao-zi, mi hai dato un ottimo spunto.

    @gambetto: no no, non sono una violenta... mi limiterò a farti assaggiare qualche mia specialità etnica e poi ne riparliamo!

    @enrico: bentornato! Perchè semel in anno non rinverdiamo gli antichi fasti e ci coordiniamo su un singolo post gastro-viaggioso tanzanese?!

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

a tu per tu con il Fleischkäse svizzero, questo sconosciuto di famiglia

Nel curioso elenco dei cibi svizzeri che hanno caratterizzato la mia infanzia mi rendo conto che, fatto strano, sul blog non ho ancora parlato del  Fleischkäse, una via di mezzo tra un polpettone ed un würstel gigante di cui da bambini venivamo spesso nutriti. Ma un episodio di vita vera me lo ha messo sotto il naso proprio l'altro giorno, ed eccomi qui con il mio reportage storico-familiare. Alcuni Svizzeri, come quelli di casa mia, vivono il   Fleischkäse come un salume, da comprare pronto, intero o affettato sottile in buste, da servire in tavola come fosse prosciutto cotto o da infilare nei panini per merenda con maionese, senape e cipolline sottaceto (Be'... che c'è?! Se mia mamma per evitare che noi figli mangiassimo troppa Nutella la teneva in frigo ad indurire, così era più difficile da spalmare e sul pane se ne metteva di meno, perché stupirsi di quella che lei invece considerava una merenda "sana"?!) Altri amanti del  Fleischkäse  lo compran

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!