Passa ai contenuti principali

hamburger o svizzera per palati misti

Da bambini la mamma ogni tanto ci faceva le "svizzere". Ne eravamo golosi. Anni dopo abbiamo scoperto che non si trattava di semplici bistecchine di carne trita ma del simbolo gastronomico di un'intera Nazione, e che nonostante noi lo pensassimo come svizzero in realtà era un piatto americano dal nome tedesco...

Ce ne racconta la definizione esatta lo chef statunitense Marcel Desaulniers, citando il Dictionary of Food and Drink di John Mariani (autori americani dai nomi francesi ed italiani... ma quanto internazionale è questo cibo?!): 

Hamburger - anche "burger" - E' una polpetta di manzo tritato alla piastra, saltata in padella o cotta alla brace, normalmente servita su un "hamburger bun" (panino da hamburger...) e completata con ketchup, cipolle o altri condimenti. Gli hamburger, come gli hot dog, sono identificati come i più americani tra i cibi.[...]

La prima testimonianza scritta degli "Hamburg" è del 1903 [...] e ben presto il suffisso "-burger" fu utilizzato per ogni genere di prodotto, come agnello, pollo, vongole [...]. Con gli anni '40 l'hamburger si è definitivamente radicato nell'immaginario collettivo con un piatto tipicamente americano.

Mentre l'idea che abbiamo qui degli hamburger americani è quella tristissima versione da fast-food, un dischetto di carne piatto e rinsecchito annegato in un panino al latte con sottilette di plastica e salse dozzinali, negli Stati Uniti esistono veri cultori del genere, sia tra i grigliatori casalinghi sia nei ristoranti specializzati.

Molti grandi chef ne danno spesso colte interpretazioni personali nei menù dei locali più rinomati... diciamo un po' come a casa nostra molti appassionati e professionisti si cimentano  nel cercare la perfezione, la tradizione o l'innovazione assolute con la pasta.

E la dignità di un vero e proprio piatto che non ha niente del takeaway ha l'hamburger, preparato come si deve. Baracchini da streetfood a parte, nei locali viene quasi sempre servito sul piatto con tanto di posate, appoggiato sopra il panino aperto ed affiancato da contorni e salse che l'avventore consuma nell'ordine che preferisce, non per forza impilando tutto e chiudendo il panino... 

Proprio perché si tratta di un main course, un piatto da gustare con calma e dedizione in tutti i suoi dettagli, ovviamente esistono diatribe accesissime su ogni particolare: il taglio di carne di manzo da utilizzare, le modalità e la dimensione della sua macinatura, quanti e quali ingredienti si possono miscelare o meno alla carne trita perché si possa continuare a definire hamburger e non degeneri in meatball (polpetta), il peso e le dimensioni di ogni hamburger, quale è il tipo di pane più adatto, e così via all'infinito anche per la cottura, le salse,  la temperatura di servizio, le verdure di accompagnamento...

Per concentrarci ora su uno solo dei temi, quello della carne, innanzi tutto c'è da capire a che tagli corrispondono quelli americani. In America i puristi usano spesso tagli "nobili" come scamone (rumpsteak) o controfiletto (sirloin), oppure dei tagli di pancia come la bavetta (flanksteak) o quello che noi utilizziamo per il roastbeef. 

Il trucco però, dicono altri, sta nel miscelare tagli diversi, qualcuno più succoso e magro e qualche altro un pochino più venato... Ho provato a seguire questa indicazione osando però direttamente un unico taglio, "povero" e particolarmente venato. 

L'ho tritato al coltello per poterne selezionare ogni boccone e mondato con un po' di attenzione in fase di taglio, lasciandone la grana un po' grossa, miscelata ad un paio di aromi "classici" statunitensi. 

Non so se ai puristi americani o agli specialisti italo-franco-statunitensi l'esperimento piacerebbe e se ne classificherebbero  il  risultato come hamburger, come polpetta o come svizzera. Ma l'esperimento al mio palato di famiglia italo-franco-svizzera sembra andato a buon fine...



Country bacon & onion burger
per 2 persone:
300 gr. di carne "mista" di manzo (qui spuntatura di lombo)
30 gr. di bacon originale in una sola fetta (o pancetta tesa morbida)
1/2 cipolla (circa 40 gr.)
1/2 cucchiaio di olio
pepe nero al mulinello
sale

Tritare la carne insieme al bacon al coltello non finissima, eliminandone le parti eccessivamente grasse; tritare a parte la cipolla, più o meno finemente in base al gusto (a me piace non troppo fine, che resti un po' "rustica", come l'aspetto generale del mio hamburger decisamente "country").

Scaldare l'olio e saltare la cipolla per un paio di minuti a fuoco medio, in modo che si ammorbidisca e cominci appena a cambiare colore ma senza arrivare a doratura, salare leggermente e spegnere.

Quando è fredda unire la cipolla ben scolata alla carne, salare leggermente e pepare con decisione, quindi formare due polpette tonde e piatte dal diametro di una decina di cm. e spesse un paio di cm. 

Con le mani bagnate premerle molto decisamente, perché rimangano ben compatte, di forma regolare e con la superficie liscia. Tenere gli hamburger in frigo ben coperti una mezz'oretta prima dell'utilizzo.

Scaldare una griglia, una piastra rigata o una padella antiaderente, salare e pepare abbondantemente gli hamburger in superficie e cuocerli a fuoco medio-alto circa 5 minuti per lato, salando se serve ancora un po' in superficie a fine cottura.

Servire nel piatto con senape francese, ketchup e un'insalata di lattuga, pomodori, cetrioli e crostini di pane, condita con un cucchiaio di maionese ed una presa di aneto fresco.


  • rivoli affluenti:
  • la citazione è tratta da: Marcel Desaulniers, Burger Meisters. America's best chefs Give Therir Recipes for America's Best Burgers, Plus the Fixin's, New York, Simon & Schuster, 1993, ISBN 0-671-86538-2.

Commenti

  1. ma per la senape, secondo te è più adatta quella forte o una media? Ovviamente ognuno sceglie quella che gli piace di più , ma secondo te la più adatta qual è?

    RispondiElimina
  2. io ho usato senape di Digione, quella forte che profuma un po' di rafano, perchè mi piace il suo contrasto con il dolce del bacon e l'affinità con l'aneto che condisce l'insalata.

    Usualmente negli Stati Uniti usano la "French's mustard", che non è di origine francese ma è il nome di una marca. Sarebbe in realtà la "yellow mustard", più cremosa rispetto a quelle europee e di sapore decisamente "mild".

    E adesso sono curiosa di sapere cosa preferisci tu...

    RispondiElimina
  3. Ma due begli anelli di onion rings vicino come li vedresti?!

    RispondiElimina
  4. @virò: soprattutto quelli allo zafferano, dici?!

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!