Passa ai contenuti principali

eresia turco-rumena

Una certa necessità di impegnare la mente in qualcosa di "produttivo", una certa stanchezza da lasciarmi cadere dalle spalle, un certo desiderio di sperimentazione con il lievito di birra secco mai usato prima, un certo bisogno di un profumo dolce, magari di fiori.

Tutto ciò si somma ad un bell'acquazzone che in una notte ha abbassato la temperatura da 34 a 19 gradi e mi permette di accendere il forno senza alcun ritegno. E per prima cosa ne escono dei dolcetti...

Avevo in mente i fursecuri, dei biscottini rumeni cu untura, cioè allo strutto. E di unirci dei pezzettini di rahat, nome rumeno di una sorta di gelatina profumata un po' "amidosa" di origine turca, il lokum, che nasce come bonbon ma che in Romania si introduce spesso in altri dolci, un po' come in Italia si usiamo i canditi.

Chissà da quale meandro del mio cervello stanco mi è venuta la pensata di farne dei dolcetti lievitati... Devo dire che non si è trattato di un'idea geniale! E' uscito uno strano ibrido, che forse avrebbe dovuto essere più morbido (oppure più friabile) e più dolce, troppo "gnucco" come focaccina e troppo umido come biscotto. E decisamente poco dolce per qualsiasi ulteriore intenzione.

Almeno si è conservato il profumo di rosa, che fiorisce grandiosamente in bocca non appena si addenta il suo cuore rosso, cuore che la prossima volta farò di certo più grande. Perché, tra i tanti imprevisti di questo esperimento, nemmeno avrei pensato che i rahat/lokum andassero in forno, cambiando leggemente consistenza, perdendo quella loro componente "amidosa" ed intensificandosi nel sapore...

Lievito granulare da risperimentare meglio e dosi del dolcetto tutte da correggere ma rivalutazione assoluta della "delizia turca" (il turkish delight con cui è conosciuto il lokum in ambienti anglofoni) trattata come un ingrediente invece che come una dolcezza in sè. 

Chissà se per un pasticcere rumeno i fursecuri con il lievito di birra sono un'eresia e chissà che direbbe un pasticcere turco dei lokum al forno...


Dolcetti alla rosa di ispirazione rumena con cuore turco

ingredienti per circa 35 pezzi:
300 gr. di farina 00
100 gr. di strutto
120 gr. di zucchero semolato
130 ml. di latte
1 uovo
5 gr. di lievito di birra granulato
50 gr. di lokum (gelatina di rose turca)
5 gocce di acqua di rose
3 gocce di estratto di vaniglia
la scorza di 1/2 limone grattugiata finissima
2 cucchiai di zucchero a velo per decorare

Sciogliere il lievito in qualche cucchiaio di latte tiepido, unire 1 cucchiaio di zucchero e 2 di farina e lasciar riposare coperto per una decina di minuti.

Setacciare un paio di volte la farina e unirvi lo strutto a fiocchetti, lo zucchero, gli aromi di vaniglia rose e limone e l'uovo leggermente sbattuto, quindi versare tutto il latte tiepido e la miscela di lievito.

Miscelare bene e lavorare poi a lungo con le mani (o con l'impastatrice) fino a che si ottiene un impasto morbido, ben uniforme e leggermente appiccicoso.

Distribuire a palline su una placca rivestita di carta forno, schiacciare leggermente le palline al centro e disporvi i lokum tagliati a dadini  di mezzo centimetro.

Cuocere a 180° per circa 25 minuti o fino a che i dolcetti sono leggermente dorati, quindi disporre su una gratella, spolverizzare con lo zucchero a velo e lasciar raffreddare.


I lokum esistono in molte differenti varianti di aroma e sono
apprezzati in Turchia ma anche nei Paesi Arabi, nei Paesi balcanici e slavi e in Medioriente in genere; si trovano in Italia nei negozi di specialità alimentari orientali o slave. In questa ricetta si possono sostituire con una punta di confettura di rose su ogni dolcetto o con una goccia di miele profumata di acqua di rose.


E per essere precisi... in verità i lokum che ho usato qui sono di produzione greca, dove si chiamano loukoumi...
  • rivoli affluenti:
  • nota privata: in Brasile invece il lokum si chiama manjar turco o bala de goma arabe... Ma quanto è piccolo il mondo?!

Commenti

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

a tu per tu con il Fleischkäse svizzero, questo sconosciuto di famiglia

Nel curioso elenco dei cibi svizzeri che hanno caratterizzato la mia infanzia mi rendo conto che, fatto strano, sul blog non ho ancora parlato del  Fleischkäse, una via di mezzo tra un polpettone ed un würstel gigante di cui da bambini venivamo spesso nutriti. Ma un episodio di vita vera me lo ha messo sotto il naso proprio l'altro giorno, ed eccomi qui con il mio reportage storico-familiare. Alcuni Svizzeri, come quelli di casa mia, vivono il   Fleischkäse come un salume, da comprare pronto, intero o affettato sottile in buste, da servire in tavola come fosse prosciutto cotto o da infilare nei panini per merenda con maionese, senape e cipolline sottaceto (Be'... che c'è?! Se mia mamma per evitare che noi figli mangiassimo troppa Nutella la teneva in frigo ad indurire, così era più difficile da spalmare e sul pane se ne metteva di meno, perché stupirsi di quella che lei invece considerava una merenda "sana"?!) Altri amanti del  Fleischkäse  lo compran

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!