Passa ai contenuti principali

strudel chiari e scuri, dolci ma non troppo

Sarà il mese di febbraio a renderci più dolci? L'anno scorso di questi tempi si lavorava alla red velvet cake, per questa volta per l'MTC di febbraio ecco lo strudel di mele di Mari Lasgnapazza

Per la verità gli strudel sono due: uno 
dolce da cuocere al forno e uno salato da lessare... Ma oggi che ho poco tempo mi occupo solo di quello dolce. Perché di fatto è una ricetta davvero veloce da preparare: nel tempo in cui riposa la pasta si confeziona il ripieno. 

E poi, incredibile ma vero, per lo strudel dolce ho già pronta una ricetta "di ex famiglia". Nel senso che me l'ha insegnata la mia ex-suocera, di cui mi ho sempre apprezzato il sapore non troppo "dolce" ed il contrasto cromatico tra la sfoglia chiara e lo scuro del ripieno. 

Vista la ricchezza degli ingredienti che compongono il ripieno non si può affermare che si tratti propriamente di uno strudel di mele... Rispetto alla ricetta della mia ex-suocera ho sostituito la sfoglia, che contemplava anche uova e latte, con la pasta matta di Mari ed ho apportato al ripieno qualche piccola variante, sostituendo ai pinoli  le noci e al profumo di limone quello dell'arancia, che ho poi ripreso nella salsa di accompagnamento.

La mia ex suocera serviva lo strudel caldo di forno fiammeggiandolo con rum bollente. Era buonissimo in effetti, ma non credo che il fuoco possa essere definito "una salsa di accompagnamento", così ho preferito lasciar intiepidire il dolce e servirlo con uno sciroppo caldo all'arancia dal leggerissimo retrogusto amaro.


Strudel di mele noci fichi eccetera (!) al profumo di arancia e rum, con sciroppo di arancia e pepe

ingredienti per la pasta:
150 g di farina Manitoba (+ 1 pugno per stendere la pasta)
100 ml di acqua calda
20 g di strutto morbido * (+ 5 g per spennellare)
1 pizzico di sale

ingredienti per il ripieno:
3 mele un po' asprigne
50 g di uva passa
50 g di fichi secchi
30 g di mandorle sgusciate
30 g di gherigli di noci
100 g di confettura di prugne
40 g di zucchero
4 cucchiai di rum
la scorza di 1/2 arancia
1/2 cucchiaino di cannella in polvere

ingredienti per lo sciroppo:
100 g di zucchero
1 arancia
3 grani di pepe nero
1 pizzico di cannella in polvere

Per la sfoglia setacciare la farina con il sale, lavorarla con lo strutto in punta di dita per amalgamarlo bene, versare poi l'acqua a filo e lavorare con energia qualche minuto fino ad ottenere un impasto elastico (con queste dosi risultava un filo appiccicoso ed ho aggiunto 2 cucchiaini di Manitoba). 

Mentre la sfoglia riposa sotto una ciotola capovolta per 40 minuti preparare il ripieno: mettere a mollo per 10-15 minuti l'uvetta e i fichi tagliati a pezzettini in 2 cucchiai di acqua tiepida miscelata al rum.

Tagliare a pezzettini le mele sbucciate, tritare grossolanamente noci e mandorle e mettere tutto in un tegamino.

Unire uvetta e fichi con la loro acqua, la confettura di prugne, lo zucchero e la cannella e il nastro di scorza d'arancia e cuocere una decina di minuti a fuoco medio fino a che si è tutto insaporito ed il fondo si è asciugato. Rovesciare la farcia in una ciotola e lasciarla intiepidire.

Stendere la pasta su una tovaglia ben infarinata, prima con le mani e poi con il mattarello, fino ad ottenere un ampio quadrato, quindi inserire le mani sotto la pasta e, con il retro dei pugni, allargarla delicatamente fino ad ottenere un quadrato sottilissimo di circa 40 cm di lato.

Sciogliere una nocina di strutto e spennellare la sfoglia lasciando liberi i bordi; distribuirvi sopra il ripieno in uno strato uniforme, piegare 3 bordi della pasta sopra il ripieno ed arrotolarla delicatamente, con l'aiuto del telo, verso il bordo libero, fino ad ottenere un salsicciotto rettangolare.

Trasferire lo strudel sulla placca del forno leggermente unta di strutto, spennellarlo con lo strutto rimanente e cuocere a 180° in forno statico per 40 minuti.



Nel frattempo preparare lo sciroppo: spremere l'arancia e filtrarne il succo (se ne ottengono circa 85 ml) e grattugiare finissima metà della scorza.

Sciogliere lo zucchero in un pentolino con 1 cucchiaio di acqua e i grani di pepe senza mescolare. Quando è trasparente e leggermente dorato unire a filo il succo d'arancia, quindi la cannella e la scorza e lasciar cuocere, sempre a fiamma bassissima, fino a che si forma uno sciroppo fluido e dorato.



Filtrare lo sciroppo e servirlo caldissimo insieme allo strudel a fette.

 00000000000000000000000000000000000000000000000000

...Ma non è finita qui! Mentre cuocevo il ripieno del primo strudel ho pensato come sarebbe stato, senza alterare troppo i sapori, provare anche un ripieno "a crudo", creando una pasta di frutta, addolcendola con il miele e colorandola con vino rosso invece che con la marmellata di prugne. E di conseguenza, anche come salsa, una riduzione di vino...



Strudel di pasta di frutta al vino rosso con riduzione di vino al rosmarino

A parità di sfoglia, per il ripieno e la salsa è andata così:

ingredienti per il ripieno:
4 mele asprigne
200 g di gherigli di noci
6 prugne secche morbide
40 g di uva passa
60 ml di vino rosso
4 cucchiai di miele di rosmarino
1 cucchiaino di cannella in polvere

ingredienti per la riduzione di vino:
250 ml di vino rosso
3 cucchiai di miele di rosmarino
1/2 cucchiaino di aghi di rosmarino

Preparare la sfoglia come sopra.

Ammollare l'uvetta nel vino per una decina di minuti quindi versare tutto nel bicchiere del frullatore insieme alle mele a dadini ed al resto degli ingredienti.

Frullare tutto fino ad ottenere una pasta consistente, spalmarla (senza strutto) sulla sfoglia tirata, arrotolare, spennellare e cuocere come sopra. Qui ho steso la pasta un filo meno sottile: ha assorbito meno il colore del ripieno ed il gioco chiaro-scuro è più evidente.



Per la salsa mettere tutto in un tegamino e cuocere a fuoco bassissimo fino a che il vino si è ridotto a circa 1/4 del volume e risulta uno sciroppo denso. Ci vorrà un'ora e venti. Filtrare e servire con lo strudel a fette.



Due strudel chiari e scuri. Ricette intuitive e salsine semplicissime, una chiara e una scura, per questa prima puntata dedicata allo strudel dolce dell'MTC di febbraio... 


La versione salata, da cui sono purtroppo più ingolosita, è inevitabilmente più meditata, quindi mi occorre più tempo. Per fortuna alla scadenza del 25 febbraio manca ancora un pochino...

(* per strudel totalmente vegetariani basta sostituire lo strutto con olio di mandorle)
  • rivoli affluenti:
  • la ricetta della ex suocera è una fotocopia di non so quale manuale anni '60 con le sue personali variazioni appuntate ai margini. Le dosi erano grossomodo doppie e ne usciva uno strudel lunghissimo, che si disponeva in teglia piegato a ferro di cavallo. Non so se perché le famiglie di allora fossero più numerose o semplicemente... golose il doppio!

Commenti

  1. Due in un colpo solo... ma complimenti!! E meno male che avevi poco tempo altrimenti non so cosa avresti prodotto :)
    Due strudel con la mela alla base ma arricchiti con tante altre cose buone. Davvero brava!
    Ciao, Vale

    RispondiElimina
  2. La presenza della confettura di prugne secondo me dà quel " in più " che mi riporta un po' vagamente alla pinza che faceva la mia nonna! Comunque a giudicare dall'aspetto un applauso alla ex suocera, baci, Flavia

    RispondiElimina
  3. La prima versione mi ricorda tanto il primo strudel che ho mangiato e cucinato, certo che poi tu riesci sempre a volare alto aggiungendo di là, limando di qua e tirando fuori due versioni incredibili.
    Proverei molto volentieri quella riduzione al vino rosso ;)

    RispondiElimina
  4. I "miti" come te non si smentiscono mai! Inutile dirlo. :-)

    RispondiElimina
  5. Sono bellissimi entrambi, difficile scegliere!!
    Devo dire che anche le salse potrebbero competere da sole!!!

    RispondiElimina
  6. Tu e i tuoi post siete da incorniciare!!! Ti amo, sappilo! E amo la scelta di ogni singolo ingrediente per il ripieno di questi strudel. E sorvolo sugli accompagnamenti che altrimenti non mi fermo più...
    Aspetto la versione salata, ma so già che sarà immensa!!

    RispondiElimina
  7. Bellissima la sfoglia che più sottile non si può! I tuoi post e le tue ricette, concordo con Arianna, sono da incorniciare.
    Ora poi, che ti ho pure conosciuta di persona... mi piacciono ancora di più.
    Complimenti e .... aspetto il salato!
    Nora

    RispondiElimina
  8. La prima sfoglia è davvero sottile!!! Complimenti all'ex suocera, ma soprattutto a te per averla declinata in due versioni!

    RispondiElimina
  9. Io rimango a bocca aperta: la tua pasta è tirata sottilissima, brava!

    RispondiElimina
  10. Se ve deliciosa y elegante super original el relleno me encanta,abrazos.

    RispondiElimina
  11. @vale: il secondo mi è venuto così, di getto, guardango gli ingredienti del primo che avevo sul piano della cucina... mi sa che ora passarà parecchio prima di preparare un altro dolce però!

    @flavia: ma sai che la mia ex suocera mi è pure rimasta simpatica? condivido i tuoi applausi per lei...

    @loredana: di strudel incredibili nell'MTC ne ho visti ben altri, dai...

    @giulietta: no no, si smentiscono eccome!

    @caris: ma perchè scegliere? qui ce li siamo pappati entrambi e sinceramente non si è nemmeno posto il problema di decretare il migliore...

    @saparunda e tatanora: non vi aspettate troppo, viste le proposte arrivate fino qui mi sta venendo voglia di cucinarmeli tutti e lasciar perdere la sfida...

    @fornostar: no no, complimenti alla TUA sfoglia gluten free!

    @elena: a dire la verità devo dire che seguendo la ricetta e i consigli di Mari è stato più facile del previsto, la sfoglia è diventata trasparente proprio quasi da sola già a livello mattarello...

    @rosita muchas gracias!

    RispondiElimina
  12. Carissima, che cosa ti posso dire se non grazie infinite per queste tue, addirittura due, proposte, una più bella dell'altra? Davvero non so quale mi piaccia di più, i ripieni di entrambi gli strudel sono carichi di gusto e personalità, fantastici entrambi. E poi gli accompagnamenti, che solo per quelli meriteresti un premio. Lo sciroppo di arancia al pepe è un'idea degna di un grande pasticcere e non è da meno la riduzione di vino al rosmarino. Bravissima come sempre, te l'ho detto anche di persona, mi inchino :)
    Grazie di cuore per queste meraviglie.
    Mari

    RispondiElimina
  13. la mia ex suocera mi ci avrebbe messo un mix di cianuro e curaro, in salsa di digitale... e comunque, lei era quella che si portava il pranzo da casa, quando la invitavo. tirava fuori tutti i tupperware, con DUE porzioni di tutto- per lei e per suo figlio. Pure i crakers, incellofanati, si portava da casa sua :-)
    L'ho adorata :-)
    senti, son due figate pazzesche questi strudel- e il secondo forse ancora più del primo: fra l'altro, in questo tripudio domenicale di arretrati delll'mtc, iniziavo a sentir la mancanza delle spezie, usate in modo bello fiero e non alla come-cavolo-viene.. lo sapevo, che per certe cose devo passare di qui :-)
    E se fossi in te, inizierei anche a smetterla di dire che coi dolci non sei a tuo agio: perchè prevedo la stessa fine della mapi, quando dice che non ha manualità...:-)

    RispondiElimina
  14. @mari: e pensare che a me sembravano davvero due cosine sciuè sciuè... mi sa che c'è da inchinarsi invece di fronte a ben altre ricette, questo mese davvero non ti invidio il ruolo di giudice!

    @alessandra: diciamo che sia la tua che la mia sono state suocere "esagerate", la mia riempiendomi di abiti rosa, ricami e peluche come per la figlia femmina che non ha mai avuto, la tua compensando nella direzione opposta...
    L'importante è che siamo entrambe sopravvissute, anche se con quali traumi profondi non è ancora ben chiaro...

    RispondiElimina
  15. sopravvivere alle suocere è un grosso lavoro.
    ma i traumi non vengono di lì :-)
    bellissimi i tuoi strudel, del primo mi ha colpito la sottigliezza della sfoglia, veramente dell'ordine di un atomo. e anche l'idea di cuocerlo prima.
    del secondo la bellezza della composizione e l'idea della riduzione.
    bellissimo tutto!

    RispondiElimina
  16. Seu site é maravilhoso e diversificado. Seja inválido e insone Estou sempre ocupado graças a você.
    Boa sorte !
    voyance gratuite par mail
    voyance gratuite par email

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!