Passa ai contenuti principali

un ragù da compagnia

Prendere confidenza con una casa nuova non è automatico. 

Il cibo aiuta parecchio. Ti costringe a riscoprire gesti che devi sospendere nel periodo in cui sono gli scatoloni a dettare legge, ad importi quali oggetti trovare o meno, quali pezzi di vita quotidiana poter ricostruire subito oppure tenere in sospeso. 

Sembra diventata un'abitudine cenare a pizze e cartocci, appoggiarsi su un carrello tra pareti foderate di pacchi, sotto la luce anonima di lampadine nude, nel silenzio di radio e cd persi chissà dove. 

Poi, nel marasma delle aperture al mondo, un pacco ti regala un tegame, un altro una bottiglia di salsa, da un altro fanno capolino vasetti di spezie. E tu torni a pensare che una vita normale in fondo sia possibile. 

Per questo esci di casa, infagottata come sei nei vestiti da fatica, ed entri nel primo negozio di macellaio che ti capita, che anche la città è nuova, non ti da suggerimenti espliciti, va provata per quello che offre.

Il cibo aiuta innegabilmente, praticamente irrompe. L'aroma del ragù che sobbolle si spande piano nei locali spogli. Si sovrappone al sentore di pittura fresca dei muri, a quello di polvere che continua ad alzarsi dai pavimenti nonostante i lavaggi, a quello onnipresente del cartone da imballo. 

Il profumo del ragù popola di normalità stanze che fino ad ora sembravano estranee, che ti eri immaginata semplicemente arredate ed in poco tempo piene di te e delle tue persone ed invece ti sei ritrovata invase di scatole ed involti, inaspettati ingombranti coinquilini.

Giri il ragù, di tanto in tanto, mentre fai mille altre cose insieme, e con l'aggiunta di quel gesto tutto assume di nuovo il senso che aveva quando ancora vivevi in una casa senza misteri, con gli oggetti al loro posto e dei ritmi dettati dal buon senso. 

Probabilmente anche questa nuova casa, grazie al profumo del cibo, comincia a capire che hai bisogno di un pochino di stabilità per recuperare il lume della ragione. E ti restituisce come per magia una pila di tovaglie (perché ci fosse scritto sopra la scatola "documenti ufficio" non è dato di sapere), qualche piatto e persino delle posate, finalmente non di plastica.

Non importa se tutto il resto non torna ancora come vorresti. Per stasera la cena è una roba vera. In una città nuova, in un quartiere sconosciuto, in una casa di cui devi conquistare la confidenza questa piccola certezza ti da una incredibile sensazione di quasi onnipotenza. 

Un ragù che fa tutto da solo, cuoce per ore, in silenzio, e crea il miracolo. Senza altre terapie, senza dover aspettare di aver sistemato tutto. Quasi come capita a volte con certi animali, che accogli in casa e ti restituiscono al mondo. Ecco, questo di oggi è una specie di ragù da compagnia. 

E stasera, tra pile di scatoloni sotto lampadine smunte, si cena comunque finalmente "a casa".


Ragù alle spezie ritrovate

ingredienti per 4 persone:
400 g di macinato di manzo
200 g di salsiccia
700 g di passata di pomodoro
1/2 cipolla
1 piccola carota
1/4 di bicchiere di vino (meglio rosso, io avevo bianco)
3 bacche di ginepro
1 chiodo di garofano
1 cucchiaino di aghi di rosmarino
1 cucchiaino di origano
1/4 di cucchiaino di cannella in polvere
1/4 di cucchiaino di curry in polvere
1 grattata di noce moscata
1 pizzico appena di peperoncino in fiocchi
1 cucchiaio di olio extravergine
sale
zucchero

Tritare carota e cipolla; spellare la salsiccia e mescolarla alla carne trita.

Struggere le verdure tritate nell'olio a fuoco basso per una decina di minuti, fino a che la cipolla è trasparente e morbida.

Alzare la fiamma, unire le carni e rosolare a fuoco vivo mescolando spesso, in modo che la carne cambi colore completamente.

Sfumare con il vino, salare leggermente ed aggiungere erbe e spezie; mescolare con cura e lasciar insaporire un minuto.

Unire la passata, mescolare bene, regolare se serve di sale, correggere eventualmente l'acidità con un pizzichino di zucchero, e portare a leggero bollore.

Coprire, abbassare la fiamma al minimo e lasciar sobbollire per circa 3 ore, mescolando di tanto in tanto. E' pronto quando l'olio è tornato il superficie e si distribuisce in modo uniforme.


Mangiarselo a cucchiaiate, anche tiepido insieme a pezzi di pane, oppure condirci della pasta fresca o delle fette di polenta, oppure confezionarci della lasagne o qualsiasi altra cosa possa far sentire perfettamente a casa...


  • rivoli affluenti:
  • inevitabile la citazione delle tre giornate di vita del rraù di Eduardo (anche se si tratta proprio di un altro piatto... questo per lui sarebbe solo carne c' ' a pummarola!), raccontate  in: Eduardo De Filippo, Sabato, Domenica e Lunedì, 1959.

Commenti

  1. quello del ragù cotto lentamente è l'odore di casa anche per me...Quando mia madre, durante una delle sue visite da me, l'ha preparato, ero quasi commossa: rientrare dal lavoro, aprire la porta e sentire l'odore di casa, quella casa a mille e rotti km...
    Buona "nuova vita", nuova casa e nuove cose :)

    p.s. adesso per me è di casa il riso pilaf, grazie a te :)

    RispondiElimina
  2. Bel racconto per arrivare alla sostanza di un ragù splendido solo a guardarlo viene l'acquolina in bocca favoloso e quel pezzetto di pane...quasi quasi lo mangiavo da qui.
    Buona nuova vita nella nuova città e nella nuova casa che poi in fondo è già creata la "CASA" come l'intendi tu.
    Buona fine settimana.

    RispondiElimina
  3. Bellissimo post.
    Ti auguro di trovare al più presto altre pentole e padelle per ritrovarti completamente in questa nuova vita.

    RispondiElimina
  4. Una delle foto più belle che tu abbia mai pubblicato...pensa che si sente il profumo!...

    RispondiElimina
  5. P.s. Nei rivoli affluenti citerei anche "Miracolo napoletano", l'ho rivisto di recente e i due fratelli che riversano nel ragu' tutta la loro ragione di vita non possono non essere citati!

    RispondiElimina
  6. I tuoi post sono sempre così belli da leggere! x terminare poi con il "food" + comfort che ci sia!...rassicurante ragù x una casa che ancora rassicurante non è , ma che presto ci diventerà! Felice vita nella nuova casa!

    RispondiElimina
  7. @valentina: bello avere un "odore di casa" gastronomico come il tuo! Ho tanti bellissimi ricordi di famiglia in effetti, però mia madre non credo abbia mai preparato un ragù in vita sua...

    @edvige: sinceramente devo dire che ho faticato pure io a non finirmelo tutto con il pane già così, dal tegame...

    @mari: stesse pentole e stessa vita ma da qui devo dire molti nuovi spunti!

    @virò: una soddisfazione, quando un piatto esprime l'amore che ci hai messo. In questo poltre che citazioni napoletana (che ci stanno perfette!) aggiungerei il film "ramen girl" ambientato in giappone...

    @ilaria: pian piano prendo le misure e tornano tutte le mie varie anime gastronomiche, ma qui il senso del comfort era un profumo indispensabile...

    RispondiElimina
  8. This post is really fantastic! Thanks for all the effort that you do to make this blog succeed.
    voyance gratuite

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!