Passa ai contenuti principali

zuppa di udon profumata al miso... non tutta giapponese!

Serpeggia in casa un'influenzina di quelle svogliate. Domenica pomeriggio. Fuori pioviggina, in tivù solo film di guerra, la lampadina della lampada da lettura del divano è fulminata. Insomma: giornata da "gnagera":..

Sai che c'è? Preparo una zuppetta washoku con quei due cespi di bok choy che ho sul davanzale (sì, anche il frigorifero è morto e l'assistenza impiegherà una settimana ad arrivare...). Niente di meglio per tenersi piacevolmente occupati: ci si ristora il fisico ed il morale.

Washoku, ovvero giapponese con influenze straniere, perché in realtà sia ingredienti che procedimento sono a cavallo tra la cucina giapponese e quella cinese. Nonostante i due Paesi non si siano mai particolarmente amati, tra monaci erranti e scambi commerciali nei millenni in realtà il Giappone ha imparato un sacco di cose dalla Cina, tra cui molte basi di cucina.

Quindi con degli udon freschi (questi qui sono comprati ma per farli in casa se ne parla qui e qui), bok choy, funghi shijtake e soia, sostanzialmente presenti con nomi diversi in entrambe le tradizioni, preparo una zuppa sinonipponica. 

Vi compaiono ingredienti sovranazionali come zenzero, sesamo o tacchino (anche se questo latita decisamente più in Giappone di quanto accada in Cina), appartenenti a gran parte della cucina asiatica, e ingredienti neutri, come carota, porro e aglio. Tutti lasciano al dashi il ruolo di ingrediente tipicamente giapponese.

Riservo invece al miso la parte di narratore della pratica, tutta della regione asiatica, di far fermentare legumi e cereali per ricavarne insaporitori di facile conservazione, di ampio utilizzo e dall'aroma caratteristicamente umami.

A seconda di come e con cosa vengono preparati assumono nomi diversi, ma la grande famiglia in Corea prende il suffisso -jang e in Cina -jiang. Diventa miso in Giappone, tauco in Indonesia, tuong in Vietnam e prende altre mille nomi per preparazioni affini, magari non notissime ai palati occidentali (quelli normali, intendo, non per quelli deviati tipo il mio...) come il natto giapponese o il kinema indiano.

Per restare un po' più vicina ai gusti del mio palato uso miso: questa volta aka-miso, un miso rosso giapponese ricavato da fermentazione lunga di fagioli di soia e una parte di orzo. Il suo sapore è abbastanza deciso: di solito per le zuppe si usano lo shiromiso, il "miso bianco" ricavato da fagioli di soia e riso e dall'aroma molto delicato, oppure, più di frequente, il shinshumiso, il miso giallo, di media fermentazione e dal gusto decisamente più delicato. 

Ma qui l'influenza intorpidiva le papille e chiudeva le vie nasali: serviva una bella scossa! Anche per questo, in mezzo a tutto il mix di sapori molto calibrati, non ho esitato ad utilizzare un guizzo di peperoncino. 

Le foto, come (quasi) sempre per me, non rendono giustizia al piatto. Ma questa volta ho pure la scusa pronta: era sera, pioveva, l'influenza e la fame reclamavano... 



Zuppa nippocinese con udon e bok choy profumata al miso rosso

ingredienti per 2 megazupponi all inclusive o per 4 persone a dose normale:
400 g di udon freschi
200 g di fesa di tacchino
2 bok choy, in tutto circa 360 g
1 bella carota
1/2 porro
4 funghi shijtake secchi
1 spicchio di aglio
1 pezzo di zenzero grosso due volte l'aglio
1 l di brodo dashi
1 cucchiaio di miso (io qui rosso)
1 cucchiaio e 1/2 di salsa di soia
1 cucchiaio di mirin
1 cucchiaino di semi di sesamo tostati
1 cucchiaino di olio di sesamo tostato
1 pizzico di sichimi togarashi (mix di spezia jap a base di peperoncino)

Ammollare gli shijtake in 200 ml di acqua calda per 15 minuti, quindi tagliare via il gambo e ridurne le cappelle a fettine. Filtrare l’acqua di ammollo con un telo fino.

Tagliare a striscioline verticali il bianco di bok choy e sminuzzarne la parte verde, tenendoli separati; pelare e schiacciare delicatamente aglio e zenzero; ridurre a julienne la carota e il porro e a striscioline molto sottili la fesa di tacchino. 

Portare a bollore il dashi con l'acqua dei funghi, unire aglio e zenzero e sobbollire 10 minuti a fuoco basso, quindi levarli.

Intanto scaldare l'olio di sesamo in un tegamino e saltare velocemente il tacchino; unire alla fine 1/2 cucchiaio di salsa di soia, mescolare bene e spegnere.

Lessare gli udon a parte 2 minuti in acqua bollente, scolare sotto acqua corrente e disporre nelle ciotole individuali e disporvi sopra il tacchino con il suo fondo.


Unire al brodo i funghi, il porro, 1 cucchiaio di salsa di soia ed il  mirin e cuocere 5 minuti.

Unire al brodo le carote e i gambi del bok choy, cuocere 3 minuti, unire il verde e cuocere 1 minuto, fino a che diventa morbido ma ancora di un bel verde brillante. 

Sciogliere intanto il miso in 1 mestolo di brodo bollente: all'ultimo momento versarlo nella zuppa, insaporire con il peperoncino, mescolare e spegnere.

Distribuire il bordo e le verdure nelle ciotole individuali, decorare la superficie con una spolverata di sesamo e servire subito.


  • rivoli affluenti:
  •  accennavo meglio qui a cosa sia il miso

Commenti

  1. I funghi shitake che si trovano ora freschi in realtà sono un toccasana usato nella farmacia giapponese per tantissime cose..alcune... glicemia, colesterolo, antitimurale, abbassa il colesterolo cattivi LDL ecc. ecc. io lo prendo da tempo usando sempre e solo cose naturali non medicina allopatica di cui sono allergica. Bok choi lo adoro si trova ora anche da noi. I gambi non si mangiano, quelli freschi, perchè sono duri crescono infatti sulla corteccia di alberi. Mi permetto di darti questo link
    http://www.wikiwand.com/it/Lentinula_edodes
    Prendo nota mi piace solo che quella pasta non l'ho mai vista fresca proverò a cercare. Il resto ho tutto ma il tacchino proprio no metterò un pò di pollo :( scusa. Grazie cara e perdonami se ho scritto troppo. Buona serata bacione.

    RispondiElimina
  2. @edvige: grazie! Noi li conosciamo con il nome giapponese, ma anche nella cucina e nella medicina cinese, che li chiama dong-gu, sono apprezzatissimi (ne accennavo qui: http://acquavivascorre.blogspot.it/2010/03/la-cucina-come-scienza-e-come-arte.html) da millenni. E noi abbiamo solo da imparare. Freschi qui si trovano raramente, di solito solo verso novembre, ma quelli secchi sono ottimi sostituti, dal sapore anche più intenso. Per gli udon vanno bene anche quelli confezionati o essiccati, ovviamente seguendo le indicazioni di cottura del produttore. baci a te ;-)

    RispondiElimina
  3. Fatta stasera e apprezzata da tutti! Grazie

    RispondiElimina
  4. @cristiana: oh, ma che bello!!! Grazie a te!

    RispondiElimina
  5. Grazie a te, ho imparato molte cose interessanti. Spero di imparare ancora. Mi congratulo con voi per questa meravigliosa condivisione. Keep it!

    voyance gratuite en ligne

    RispondiElimina
  6. Sono davvero orgoglioso di trovare, il tuo blog è davvero grande! Mi piace la sua interfaccia, e troppo mi è piaciuto il contenuto troppo. Soprattutto così continuare!

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!