Passa ai contenuti principali

dolce di riso e more... e tanta consapevolezza in più!


Spesso non scrivo nulla degli incontri a cui sono invitata da aziende produttrici di alimenti, bevande, utensili da cucina od elettrodomestici. I motivi sono diversi: argomenti arcinoti, filosofie aziendali ambigue, incontri superficiali... e a volte, ma è la minoranza dei casi, semplice mancanza di tempo.

D'altronde è una delle prime cose che ho chiarito all'apertura del blog, questa: che non si tratta di uno spazio pubblicitario in affitto ma che, al contempo, cito volentieri prodotti ed esperienze che mi insegnano qualcosa. Sono tutto il contrario di una persona in cerca di visibilità, anche se la cosa, come molti mi ripetono, non è "funzionale" al senso di un blog.

Quando di recente ho visto pubblicate foto del palco vuoto poco prima che iniziasse un evento a cui ho partecipato, per poi non trovare in sala chi si era vantato di essere presente, ho capito che il mondo è fatto di gente diversa. 

Chi evidentemente ha ritenuto più importante la propria visibilità ed un contentino all'organizzatore rispetto ad essere disponibile ad un ascolto vero ha perso parecchio, mentre io sono una persona che ha fatto dell'ascolto e dell'apprendimento di fatto il proprio stile di relazione con gli altri, nella vita come nel blog.

Collegando la mia "dichiarazione di indipendenza" alla mia altrettanto inevitabile necessità di imparare, arrivano ora una serie di post che tentano di riassumere in parole povere alcune delle esperienze più gratificanti di cui sono stata partecipe all'interno del multiforme mondo degli "eventi da blogger".

E' stato, ad esempio, un puro piacere assistere alla conferenza della dott.ssa Lila, direttrice dell'Istituto Murdock che studia l'importanza dei vegetali nella salute umana. In particolare ha illustrato le proprietà non solo nutrizionali ma anche terapeutiche dei frutti di bosco, partendo con le esperienze dei Nativi dell'Alaska per approdare ad esperimenti nutrizionali condotti su maratoneti e su anziani in una casa di riposo. 



Ci sarebbe da parlare per ore: la sostanza è che assumendo frutti rossi in abbondanza (nel caso dei detti esperimenti due bicchieri di mirtilli al giorno) e con continuità, gli atleti dopo un paio di settimane già vedevano migliorare sia prestazioni sportive che velocità di recupero post-esercizio, mentre gli anziani dopo sei mesi avevamo arrestato la perdita di memoria e di capacità di concentrazione, in alcuni casi addirittura migliorate.

Ideale sarebbe assumere frutti rossi freschi, interi o frullati al momento, mescolandoli il meno possibile a zucchero, panna, cioccolato e a tutti quegli ingredienti golosi che siamo abituati ad accoppiare ai frutti di bosco, in sé relativamente poveri di zuccheri, tanto da farci pensare di essere indispensabili.  

Invece, nonostante sia difficile pensare ad un dessert con "soli" frutti rossi come protagonisti principali, per motivi tecnici, estetici e anche di abitudine, come spiegava il pluripremiato pasticcere Domenico Spadafora, si possono utilizzare queste preziose bacche in moltissimi modi, sia dolci, come in questo suo "dessert d'autore",


che salati, come testimonia questa carrellata di fingerfood "fruttati", 



serviti con un bibite ed aperitivi, ovviamente anch'essi a base di frutti di bosco.



Ma anche la  cottura lenta e prolungata dei frutti di bosco, come con il sottovuoto, è corretta, anzi: migliora l'assorbimento delle sostanze benefiche. Da evitare solo le cotture veloci ad alta temperatura, come il salto in padella, e il consumo di frutti surgelati a diverse ore dallo scongelamento, che le disperdono, ma vanno bene se frullati ancora ghiacciati: si ottiene una bibita freschissima e molto salutare! 

Il vantaggio offerto da Dole, l'azienda promotrice dell'evento all'interno del loro programma My Energy, è che i frutti rossi vengono da loro coltivati in varie zone del Pianeta, dove la stagione è favorevole, in modo che con un efficace sistema di distribuzione siano sempre disponibili freschi e al meglio delle loro proprietà. In estate le coltivazioni sono anche italiane. Allegato alle confezioni di frutti di bosco Dole un libretto che ne riassume le proprietà, i metodi ideali di conservazione e qualche idea per il consumo.



Con una manciata di more, dunque, mi dedico ad una ricetta "slow", di quelle con filosofia "easy", che se la prende comoda e si prepara quasi tutta da sola. Cerco di non venire meno alle indicazioni nutrizionali della dott.ssa Lila o quasi (pochi zuccheri, poche cotture), che in effetti coincidono anche con i miei gusti personali in fatto di frutti di bosco. Poi con un filo d'alcool e un pochino di latte trasgredisco. Ma sempre a fin di bene!

Dessert o merenda che sia, si rivela comunque goloso ma senza esagerare: dolcezza ed acidità stanno nella frutta e l'accogliente cremosità di riso e latte lo rende un dolce di soddisfazione. Che si chiama sformato solo perchè esce dalle formine... ma lentamente, 'che è un dessert calmo!



Dolce di riso e more al latte, con more marinate e zuccheri naturali
ingredienti per 4 stampini da 120 ml:
160 g di more fresche Dole
160 g di riso Originario
250 ml di latte parzialmente scremato
1/2 cucchiaio di miele
3 datteri
20 g di uvetta
100 ml di vino di prugne cinese
4 foglie di coriandolo fresco
1 cucchiaino di olio di mandorle (o olio di semi insapore)

In un giorno di relax portare a bollore il latte con 200 ml di acqua. Intanto tritare grossolanamente i datteri e l'uvetta e schiacciare con una forchetta 6 o 7 more. 

Mettere da parte metà dell'uvetta e unire il resto al latte in ebollizione insieme ai datteri sminuzzati e alle more schiacciate.

Appena il latte riprende bollore versarvi il riso e lessarlo a fuoco basso, mescolando ogni tanto, fino a che il liquido è quasi del tutto assorbito ed il tutto ha preso la consistenza di un risotto leggermente legato. Ci vorranno circa 20 minuti.

Distribuire il composto in 4 stampini individuali appena unti con olio di mandorle e lasciar intiepidire, quindi coprire e dimenticare in frigo: 15 minuti, un'oretta, un paio di giorni... tanto siamo in relax!

Nel frattempo tagliare a pezzi le more rimaste e metterle a macerare nel vino di prugne con il resto dell'uvetta e con il coriandolo tritato, tenendo il tutto coperto ma fuori dal frigo fino a che si decide di servire gli sformatini.

Rovesciare allora con calma gli stampini in piatti fondi o ciotole basse e ampie, versarvi sopra e intorno le more a pezzi con la loro marinata e servire.



Mangiare a cucchiaiate, lentamente, raccogliendo tutto insieme: Quando si impara qualcosa conviene fermarsi e rifletterci sopra... Gnam!



  • rivoli affluenti:
  •  Una versione più completa e scaricabile del "libretto di istruzioni" per i frutti rossi Dole: qui
  • Per approfondimenti e interazioni: il blog Dole Italia e la pagina facebook
  • mi scuso per le foto sfocate del "reportage" ma con il telefonino non ho ancora preso bene confidenza.

Commenti

  1. Molto interessante i frutti rossi mi piacciono ma non sempre si trovano almeno non da me. Poi quelli appena raccoltitutt'altra cosa.... buona serata e saluti dall'Austria sono in campeggio.

    RispondiElimina
  2. Io ti voglio proprio bene, mi è piaciuta l'introduzione, mi piaci perchè dici sempre quello che pensi con garbo. La "visibilità" è una brutta faccenda, io sto curando la "mia visibilità" (anche perchè quella col web me la sono giocata ;-) :-D ), voglio imparare ad essere visibile a me stessa, perchè se non mi "vedo" come posso vedere gli altri? Io sono risolatte dipendente, per me è proprio la coccola perfetta, la carezza e la tenerezza. Ciao Annalena

    RispondiElimina
  3. @edvige: ho memoria di spedizioni nei boschi da bambina in cerca di mirtilli... erano più quelli che mangiavamo che quelli che finivano nel cestino! Si tornava con la bocca e le mani viola... ma che soddisfazioni! Ora che il bosco non è più proprio a portata di mano, però, devo dire che qualche cestino acquistato me lo concedo volentieri.

    @libera: "visibile a me stessa"... una delle cose più difficili che mi sia mai impegnata a fare. Ed ancora non sono certa di avere una visione obiettiva, per quello mi sa che serviranno ancora anni. Con te mai discorsi banali, comunque...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amo parlare con chi sa interpretare le mie parole e leggere tra le pieghe del mio cuoricino bello <3

      Elimina
  4. Coucou, ton blog est trop ! Je viens tous les jours et cela me plait beaucoup
    voyance gratuite par mail

    RispondiElimina
  5. Sono davvero orgoglioso di trovare, il tuo blog è davvero grande! Mi piace la sua interfaccia, e troppo mi è piaciuto il contenuto troppo. Soprattutto così continuare!

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!