Passa ai contenuti principali

il pranzo elegante di Natale secondo MTC: conciati per le feste!


A differenza dell'occasione precedente, che immaginava un menù, una tavola ed una serata della Vigilia dal clima sobrio e delicato, a ruotare attorno al tema sereno dell'attesa, oggi ci si immerge nel Natale elegante.

E' infatti il pranzo del 25 dicembre ad essere protagonista della lezione odierna di Conciati per le Feste, il master dell'MTC che ci parla di bon ton e dell'arte del ricevere attraverso le autorevoli voci della maestra di cerimonie Caterina Reviglio Sonnino e delle sue valide co-tutor Alessandra Van Pelt Gennaro ed Elisa Baker.

Anche gli inviti della Vigilia erano rivolti a famiglia ed amici intimi, ma in questo caso ho pensato di condividere con loro non il sentimento di intimità ma l'emozione della creatività. Per come sono fatta, le emozioni trovano sempre la strada di casa partendo dalla cucina, quindi è dalla cura con cui costruisco il menù che poi deriva il tono della serata e dell'ambiente.

La scelta di un tema di base legato alle emozioni è stato un po' laborioso da individuare: ero partita con la "voglia di neve", con menù tutto di pietanze candide e una tavola giocata sul bianco e cristallo. Poi ho pensato che nella mia famiglia "multiculturale" la neve non per tutti fosse associata alle emozioni del Natale. Sono così passata ad un menù tradizionale che però accogliesse memorie di diversa provenienza e li condisse con tocchi innovativi, per cui sarebbe stata perfetta una tavola molto classica con decorazioni raffinate ma di tono contemporaneo.

E invece poi ha preso forma l'dea di un menù decisamente più legato all'emozione della creatività: sviluppato sul fil rouge della frutta invernale, con questo tema avrei potuto coinvolgere le emozioni di tutti, perchè ciascuno ha il suo "frutto d'elezione", e al contempo condividere le mie emozioni personali visto che io "a prescindere" a-d-o-r-o la frutta nei piatti salati!

Il coup de théâtre è riservato al dessert, in cui la frutta è quella tradizionalmente contenuta nel panettone ma il vero protagonista è l'ingrediente principe dei menù eleganti, quello che nessuno di certo si aspetta a fine pranzo...

Come conseguenza la tavola vuole una eleganza moderna, non troppo formale, con piccoli tocchi vintage e un pizzico di ironia, con la frutta protagonista delle decorazioni e una presenza di vetro e cristallo per sottolineare il tema invernale.


titolo: Natale di Frutta


tema: i colori dell’inverno attraverso le emozioni della frutta di stagione.

invito: stampato in verde scuro su carta smerlata, fissata poi a cartoncino, con disegno a mano di candele e frutta.



palette colori: avorio, rosa e verde, con tocchi di rosso e blu.



tovagliato: tovaglia e tovagliolo classici in  fiandra bianco latte con orlo à jour, con cui preferisco non usare il sottopiatto. Lascio i tovaglioli senza decorazione perchè la tavola nel suo insieme è già sufficientemente personale.

piatti: porcellana avorio con decoro moderno sul bordo in leggero rilievo. Per i vari servizi in tavola utilizzo le stesse stoviglie, con antipasto su piatto piano piccolo, primo su piatto piano grande, secondo con contorno su piatto piano grande, dessert su piatto piano piccolo.

piattino pane: piattini in acciaio vintage (volutamente nudi, per sottolinearne la luminosità)

bicchieri: modelli fantasia in vetro di Murano coordinati nei colori degli steli; in tavola il calice per il vino bianco, il balloon per il vino rosso e il tumbler per l'acqua. Il bicchiere per il vino da dessert sarà aggiunto al momento del servizio. 

posate: in acciaio, di design contemporaneo. E' un servizio alla tedesca, non prevede quindi il cucchiaio da dessert, qui sostituito da un ampio cucchiaino da tè.



segnaposto: bottigliette di sciroppo homemade di pere, rabarbaro e cannella, con nastri di raso verde scuro (uomini) e chiaro (donne) a reggere il cartoncino, inciso con fustella a motivo natalizio  e con nome scritto a mano in verde scuro.



centrotavola: vasi di epoche diverse su vassoio anni '60 in acciaio, riempiti con frutta fresca e decorati con pigne e ghiande di vetro Boemia argento e oro rosa (a impreziosire mantenendo il tema della frutta) e nastri di raso avorio e rosa.


A completare le note "di costume":

abbigliamento mio: tubino avorio con scollo quadrato e manica ¾; décolleté in velluto col. melagrana con cinturino; ampi orecchini chandelier in  oro bianco, agata e ametista; bracciale rigido oro bianco. Trucco occhi smoke leggero grigio-prugna, bocca neutra.

abbigliamento se fossi un'invitata: tubino sangue di piccione con leggero ricamo sulla manica (corta) in rosa e terracotta; décolleté chanel blu scuro; doppio giro di perle rosa, piccolo orologio vintage in oro.

regalo se fossi invitata: sapendo che la padrona di casa ha un bel terrazzo, invio il giorno prima una pianta di sinforicarpo bianco in un vaso bianco con una robbiana di frutta in rilievo.

Ed eccoci, ultimo ma non ultimo, al menù!


Ovvero:


aperitivo

  • bowl spumante ai litchees, melagranata e keffir lime
  • cucchiai di sedano e uva con bottarga
  • cucchiai di ananas con caviale e erba cipollina 
  • chips di cachi 


pranzo

  • insalata con finocchi, kiwi e briciole di salmone, in dressing al cardamomo
  • risotto allo zenzero, alloro e petali di mele rosse
  • faraona al tè nero con ripieno agli agrumi e anice stellato
  • purè di sedanorapa alle noci e "castagne del prete"
  • gelato al tartufo nero in coupelle croccanti di panettone
vini

  • Muscat Tradition 2010 AOC Alsace Hugel & Fils
  • Ducciochi 2009 Sagrantino di Montefalco Fontecolle
  • El Candado Pedro Ximénez Jerez NV Valdespino

Mi scuso di non aver scattato le foto di altri dettagli ma la luce non era più sufficiente. Se è il caso integrerò il post nei prossimi giorni, al momento mi limito a descrivere gli alti dettagli a parole!

Servo l'aperitivo in salotto, su un piccolo tavolo basso coperto con una tovaglietta che, come i tovagliolini da tè, è della stessa fiandra della tovaglia principale. La bowl del cocktail è in vetro ed è completata da un piccolo mestolo sempre in vetro; i bicchieri vuoti, dei tumbler bassi sono allineati su un vassoio moderno di acciaio, che ha fianco una verrine piena di forchettine da cocktail vintage: chi vuole può servirsene per pescare la frutta dal bicchiere.
Le chips di cachi sono in due ciotole di vetro sfaccettato, gli amouse-buche su cucchiai di porcellana bianca disposti a raggiera (il manico verso l'esterno) su piatti piani di vetro leggermente rigato. 

Sulla tavola principale, poi, ai lati del centrotavola, sono disposti il sottobottiglia per il vino rosso in cristallo scolpito vintage e la bottiglia dell'acqua, una bottiglia da rosolio della bisnonna con incisioni a festoni, privata del tappo. Il vino bianco resta in fresco in una glacette con piedistallo posta accanto al tavolo.

Al momento del dolce porto in tavola la bottiglia dello sherry insieme a piccoli bicchieri a stelo con calice a tulipano.



Aggiornamento:
le tutor mi hanno consigliato di:
1) aggiungere pignette luccicanti al centrotavola
2) scambiare il bicchiere dell'acqua con quello del vino bianco, visto che il primo non ha lo stelo... cosa per cui mi morderei le mani, visto che conoscevo la regola e l'ho pure applicata apparecchiando, tranne in un posto tavola... ma poi al momento dello scatto ho visto differenze e, tutta di fretta, ho corretto tutti i posti tavola gusti invece dell'unico sbagliato! Grrrr....
Appena ho un momento di tempo e di lucidità rifaccio tutto e pubblico le foto corrette!
  • rivoli affluenti:
  • l'idea del gelato di tartufo non è mia ma dell'allievo chef che ha vinto questo concorso sul tartufo nero. 

Commenti

  1. A proposito di gelato, ho avuto occasione di assaggiare gelato alla crema vaniglia contartufo bianco. Assolutamente delizioso. Meglio se la crema non è molto dolce. E complimenti per la tavola, essere invitati a casa tua è un vero privilegio!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quando vuoi, lo sai, ti aspetto a braccia aperte. E ora la strada è ancora più breve!

      Elimina
  2. tema stupendo!!
    e stupendo menù!!! amo anch'io organizzare cena con la frutta ad ogni portata!!!!
    grande!
    ciao e buone feste!!!!!
    elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. frutta nei piatti salati e tartufo nel dolce... sennò che pranzo speciale è?! Per fortuna tu mi capisci.

      Elimina
  3. tema davvero originale....e menu' organizzato alla perfezione! Che gran lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo è il genere di lavoro in cui mi piacerebbe trascorrere le giornate intere... renditi conto quanto bacata sono!

      Elimina
  4. Bravo ! Votre blog est l'un des meilleurs que j'ai vu !
    voyance sérieuse et gratuite

    RispondiElimina
  5. Belli i bicchieri così allegri. Delizioso solo a leggersi lo sciroppo segnaposto, anche il menu mi piace per non parlare della tua mise.
    Personalmente opterei per un trucco sul verde scuro, però dipende parecchio dal colore degli occhi! La cosa che credo proprio non riuscirei a mangiare è il gelato al tartufo col panettone: in genere mi vanto di amare gli esperimenti, ma il gelato è forse l'unica cosa che per me deve restare dolce e solo dolce! Questione di gusti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il trucc è più sui toni caldi perchè ho gli occhi verdegrigio, quindi preferivo sottolinearli con un contrasto che con un'esaltazione. Tra i gelati "di verdura" quello al tartufo può sembrare estremo in effetti, ma è questione di dosi, in realtà assaggi un gelato che miscela il profumo, più che il gusto, di tartufo e vaniglia. Comunque ok, se vieni a pranzo per te panettone da solo!

      Elimina
  6. Mi piace moltissimo il tuo tema e ancor di più il menù..Bellissima l'idea del segnaposto con la bottiglina di sciroppo fatto da te!! Complimenti e buone feste😘😘😘

    RispondiElimina
  7. ... ma anche che gola i tuoi menù ricchi di tocchi siciliani! Grazie e buone e golose feste pure a te

    RispondiElimina
  8. Congratulations on your great site! Congratulations and good continuation!

    voyance par mail gratuite

    RispondiElimina
  9. Grazie per averci portato a rilassarsi, il vostro sito è meraviglioso, io sono ogni giorno più e non vedo fine quindi non ci sono novità.

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!