Passa ai contenuti principali

un Paese ospitale, e poi agnello e fagiolini alla cinese

L'autobus oggi è gremito. Feng lo prende ogni mattina per raggiungere la lavanderia in centro dove lavora da quando, a dodici anni, è arrivata in Italia al seguito della sua numerosa famiglia da un piccolo paesino rurale dell'altopiano del Gansu, regione della Cina vicina al Tibet.

Il viaggio in pullman ogni mattina dura più di un'ora ma, salendo lei in estrema periferia, di solito trova facilmente il posto per sedersi e dunque viaggia comoda. Invece ogni tanto, specie quando in città si svolgono grandi eventi e ovunque si riempie di gente, anche gli hotel più fuori dal centro registrano il tutto esaurito ed i mezzi pubblici sono sempre molto affollati. Come oggi.

Lei per fortuna è riuscita lo stesso a prendere posto, di fianco ad una ragazza di colore più o meno della sua stessa età, con un incredibile vestito giallo arancione e nero uguale al turbante che le mette in risalto la carnagione di velluto. Feng si perde ad ammirare i decori del tessuto, che è di tela buona e che ci vorrebbe un attimo a stirare, pensa.

Così non fa troppo caso alle persone in piedi che sono già pigiate come sardine prima ancora che il mezzo raggiunga la fermata della circonvallazione. Meno male che non deve farsi tutto il viaggio in piedi fino al centro, come spesso le capita in queste occasioni: già sono sufficienti le nove ore in piedi senza stacco al tavolo da stiro! E rimette gli occhi sul turbante colorato.

Proprio lì, alla fermata della circonvallazione, di solito sale un signore che lei vede spesso: una persona mite, taciturna, di mezza età, cicciottello e un po' calvo, sempre con la sua cartellina di pelle logora sotto braccio, che da qualche tempo quando la riconosce le sorride. Un brav'uomo, le sembra, e lei ricambia volentieri quell'accenno di sorriso con simpatia.

A volte passa il tempo del viaggio immaginando la sua tranquilla vita da impiegato tutto casa e lavoro, e quanto sarebbe buffo raccontagli della casetta nel freddo altipiano della sua infanzia, delle sabbie che ogni tanto il vento soffia fino a lì dal deserto oltre le montagne, della grande muraglia che una volta ha visto accompagnata dal nonno, che aveva radunato tutti i suoi cuginetti per quella gita speciale e unica.

E vorrebbe raccontargli del proprio nome, Feng, che significa "profumo", come l'aria profumata di primavera che soffiava quando lei è nata, poco prima che il padre morisse in miniera e l'economia della famiglia cominciasse ad andare a rotoli. E vorrebbe chiedergli se davvero lui fa l'impiegato, e cosa gli piace della sua città, e se h visitato altri posti.

Oggi però il signore non le sorride. Entra, guarda sgomento la calca sull'autobus e già comincia a sudare prima ancora che le porte si siano chiuse. Sgomitando nella calca riesce ad avvicinarsi ai sedili dove si è sistemata e lei, mossa quasi da simpatia per quell'ometto pacioso, decide di alzarsi ad offrirgli il posto. Comincia a sorridergli ma, prima che lei possa muoversi, l'uomo apostrofa la sua vicina di sedile: "Ehi tu, io sono più anziano, invece di scaldare inutilmente il posto vedi di alzarti e fammi sedere!".

A Feng si spegne il sorriso sulle labbra ed assiste sconvolta alla scena: la ragazza dal vestito sgargiante si alza senza fiatare, il signore si siede soddisfatto, alcuni astanti gli sorridono apertamente, altri si voltano e fingono di nulla. La ragazza con turbante si asciuga una lacrima. Adesso che è in piedi si vede chiaramente che è incinta. se ne accorge pure il signore, che però non fa una piega. Addirittura si gira verso di lei e le sorride, come se la cosa avesse un senso.

Feng questa volta non ricambia: "Cos'è, la pelle chiara vale di più di quella scura nonostante gli occhi a mandorla?" si chiede. Ma non osa dirlo ad alta voce. E per questo si odia. Poi si alza , vuole cedere il proprio posto alla ragazza dai vestiti colorati ma non serve: un altro signore, grassoccio e pelato pure lui, anche più anziano dell'omino di prima, nel frattempo l'ha già invitata ad accomodarsi sul sedile che le lascia libero.

Feng non ci pensa neppure a risedersi di fianco al tizio con la cartelletta di pelle consunta. Resta in piedi, pigiata tra i pigiati, e torna a pensare alla gita alla muraglia, a quella volta che le caprette erano fuggite e lei ed i cuginetti avevano rincorso per riportarle nel recinto. E poi alla mamma e al nonno, che stasera la aspettano  nella casa qui in Italia, in un palazzone di periferia, sereni, orgogliosi di aver potuto procurare a lei ed ai suoi fratelli un lavoro ed un futuro in questo Paese così ospitale. Chissà se la mamma stasera cucina agnello...
---
Io qui improvviso uno spezzatino dai profumi cinesi, anche se, oggettivamente, a livello tecnico non lo sarebbe perchè in Cina la carne in questo genere di preparazioni viene tagliata a listarelle molto sottili, aggiunta nel wok quasi da ultimo e saltata non più di qualche minuto. Il sapore, anche cucinato così, è comunque buonissimo.
AGNELLO CON FAGIOLINI ALLA CINESE
ingredienti per 4 persone:
700 g di polpa di agnello
300 g di fagiolini
1 peperone rosso
1 cipolla
1 spicchio di aglio
1 cipollotto
4 cucchiai di salsa di soia
2 cucchiai di zucchero di canna
1/2 cucchiaio di amido di mais
1/2 peperoncino
1 foglia di alloro
1 cucchiaino di semi di anice (o una bella stella intera)
2 chiodi di garofano
4 o 5 grani di pepe di Sichuan
2 cucchiai di olio di arachidi
1/2 cucchiaino di zucchero
(riso bianco per accompagnare)

Ridurre l'agnello a dadotti da 2 cm. Tritare finemente la cipolla, l'aglio e il peperoncino privato dei semi; scaldare l'olio nel wok e rosolarvi il trito con l'alloro e le tre spezie per un minuto.

Unire le carne, sigillarla su tutti i lati per un minuto, quindi coprire con acqua (ne serve c.a 1/2 litro), aggiungere la salsa di soia e lo zucchero e far cuocere a fuoco medio-basso, semicoperto, per 20 minuti.

Tagliare a pezzetti peperone ed i fagiolini, versarli nel wok e cuocere  altri 15 minuti.

Addensare il fondo con l'amido, prima sciolto a parte in un cucchiaino di acqua fredda, fino a che il liquido si è ridotto e la carne risulta velata da una delicata patina lucida.

Unire il cipollotto tagliato a rondelle sottilissime, mescolare bene, spegnere e servire, eventualmente con riso bianco a parte.
  • rivoli affluenti:
  • lontani dall'estate la stessa ricetta è ottima anche con verdure diverse e per chi non amasse la carne ovina perfetto il vitello. In ogni caso è gluten free.

Commenti

  1. Bello il racconto e ottima ricetta semplice ma di sapore grande. Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, come vedi mi è ripreso il mood orientale!

      Elimina
  2. Thank you for this very good site, really a mix of good and interesting ideas. Especially continue as well. Good luck
    cordially

    voyance gratuite mail

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

a tu per tu con il Fleischkäse svizzero, questo sconosciuto di famiglia

Nel curioso elenco dei cibi svizzeri che hanno caratterizzato la mia infanzia mi rendo conto che, fatto strano, sul blog non ho ancora parlato del  Fleischkäse, una via di mezzo tra un polpettone ed un würstel gigante di cui da bambini venivamo spesso nutriti. Ma un episodio di vita vera me lo ha messo sotto il naso proprio l'altro giorno, ed eccomi qui con il mio reportage storico-familiare. Alcuni Svizzeri, come quelli di casa mia, vivono il   Fleischkäse come un salume, da comprare pronto, intero o affettato sottile in buste, da servire in tavola come fosse prosciutto cotto o da infilare nei panini per merenda con maionese, senape e cipolline sottaceto (Be'... che c'è?! Se mia mamma per evitare che noi figli mangiassimo troppa Nutella la teneva in frigo ad indurire, così era più difficile da spalmare e sul pane se ne metteva di meno, perché stupirsi di quella che lei invece considerava una merenda "sana"?!) Altri amanti del  Fleischkäse  lo compran

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!