Passa ai contenuti principali

gli struffoli, come legante

Questo anno mi è sembrato infinito. In un tempo che pareva non scorrere mai, in una serie di giornate uguali, ciascuna chiusa in se stessa, come se fosse tutto immobile.

Invece mi accorgo che alla fine sono stati enormi i cambiamenti: nella vita, nelle relazioni, nelle abitudini. Arrivati piano piano, come niente. Almeno per me.

Senza accorgermi non sono stata ferma e ora mi trovo in un punto diverso, anche se da casa non mi sono spostata quasi mai. 

Sarà per quello che ho preparato durante queste feste cibo dai tempi lunghi, in forma di meditazione: per insaporire una pasta al forno le polpettine piccole come ceci sono quasi trecento, l'agnello si crogiola in forno per circa tre ore, per il dolce serve rotolare oltre 700 palline di impasto.

E per i regali alla famiglia vale altrettanto, visto che i cachi della confettura alla vaniglia ho addirittura aspettato che crescessero sugli alberi, oltre il muro del generoso vicino. 
Tutto questo tempo dedicato a piccole cose silenti è stato un muro di pace a separarmi dalle brutture di un periodo assurdo per tutti, doloroso per moltissimi. 

Non è questa la sede per elencare le tristezze personali, ne' credo che il cambiare anno sul calendario possa modificare nulla. Per la prima volta però, nonostante non sia mia abitudine tirare bilanci alle date prestabilite, mi ritrovo a considerare i mesi passati.

Mi appare tutto ovattato. Sarà il bianco della neve che in questi ultimi giorni decora i tetti. Sarà il silenzio tranquillo cui la zona rossa costringe la città. Sarà la convinzione assoluta che tutto cambia ed anche paura e dolore si attutiscono, con il tempo.
Tutto passa, non per le scaramantiche speranze che alcuni ripongono in un nuovo anno ma per i cicli naturali in cui siamo avviluppati e che ci trasportano, nostro malgrado, per nostra fortuna.

Se devo concludere questo post con una ricetta scelgo il legante degli struffoli, composti da tanti piccoli attimi di serenità distinti e inseparabili. I loro colori allegri e confettati sono solo il tocco finale, un dettaglio esterno. La loro sostanza, centrale, dolce e densa, non si lega all'occhio ma al cuore.
I MIEI STRUFFOLI
ingredienti per 10/12 persone:
520 g circa di farina 00, più una manciata per la spianatoia
4 uova piccole (o 3 medie e poca meno farina)
70 g zucchero 
25 ml di liquore Strega 
86 g di strutto 
le scorze grattugiate fini di 1/2 limone e 1 arancia 
16 g (1 bustina) di lievito per dolci
sale 

500 g di miele di arancio
2 cucchiai di zucchero 
1 mandarino bio
olio x friggere 
150 g di scorze di cedro candite a dadini 
2 cucchiaiate in tutto di confettini vari: qui cannellini (pinoli confettati), anicini (semi di anice confettati), diavolilli (mompariglia fine) e confettini argentati.

Setacciare la farina con il lievito e disporla a fontana su una spianatoia; al centro disporre lo strutto a fiocchetti, lo zucchero e un pizzico di sale, le scorze grattugiate, il liquore, poi romperci le uova.

Lavorare prima con la forchetta, poi in punta di dita e poi impastare fino ad ottenere una massa uniforme e compatta, che abbia assorbito bene tutta la farina. Chiudere in un sacchetto di plastica e far riposare in  per circa mezz'ora a temperatura ambiente, oppure in frigo per un giorno.

Stendere la pasta in salsicciotti spessi poco meno di un dito e lunghi un paio di spanne, infarinare bene su tutti i lati, se serve, poi tagliare a pezzettini piccoli, sollevandoli con una spatola per arieggiarli e separarli; setacciarli molto bene se si è usata la farina e allargarli su vassoio pulito. Io non ho aggiunto farina ma ho lavorato ogni gnocchetto tra i palmi delle mani per dargli forma tonda.

Friggere in olio caldo in pentola a bordi alti,  un paio di manciate per volta, senza far troppo dorare o diventano duri (ma va a gusto), e scolare su carta assorbente. Attenzione che l'olio cresce e fa molte bolle, meglio sostituirlo a metà della frittura.

Scaldare il miele con lo zucchero e il mandarino tagliato in 8-10 spicchi con la buccia, portando quasi a bollore. Unire gli struffoli tutti insieme e quasi tutti i canditi e lasciar sobbollire per qualche minuto a fuoco bassissimo, mescolando sempre, in modo che assorbano completamente il miele.

Mettere da parte i mandarini, versare gli struffoli su un piatto da portata appena unto, e dare loro forma di ciambella aiutandosi con un limone tagliato a metà o con il dorso di un cucchiaio bagnato.

Decorare con i confettini ed il resto dei canditi, poi disporvi sopra gli spicchi di mandarino a raggiera e lasciar freddare , in modo che tutto si fissi e sia facile da trasportare. 

Il dolce è migliore dopo un bel riposo, anche di un paio di giorni, sotto una retina a campana, che eviti la polvere ma lo lasci respirare. Le dosi sono abbondanti ma dura anche una settimana e si consuma con gusto per tutto il periodo delle feste. 
  • rivoli affluenti:
  • la ricetta base per "uno dei dolci più cari al cuore dei napoletani perchè il rito vuole che non manchino il giorno di Natale" è quella di Valentina Gigli, con tocchi di Peppe Guida e preferenze della mia parte di famiglia napoletana, oltre a piccole citazioni tratte da: Jeanne Caròla Francesconi, La vera cucina di Napoli, Newton Compton, 2002, ISBN 88-8289-586-6.

Commenti

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

a tu per tu con il Fleischkäse svizzero, questo sconosciuto di famiglia

Nel curioso elenco dei cibi svizzeri che hanno caratterizzato la mia infanzia mi rendo conto che, fatto strano, sul blog non ho ancora parlato del  Fleischkäse, una via di mezzo tra un polpettone ed un würstel gigante di cui da bambini venivamo spesso nutriti. Ma un episodio di vita vera me lo ha messo sotto il naso proprio l'altro giorno, ed eccomi qui con il mio reportage storico-familiare. Alcuni Svizzeri, come quelli di casa mia, vivono il   Fleischkäse come un salume, da comprare pronto, intero o affettato sottile in buste, da servire in tavola come fosse prosciutto cotto o da infilare nei panini per merenda con maionese, senape e cipolline sottaceto (Be'... che c'è?! Se mia mamma per evitare che noi figli mangiassimo troppa Nutella la teneva in frigo ad indurire, così era più difficile da spalmare e sul pane se ne metteva di meno, perché stupirsi di quella che lei invece considerava una merenda "sana"?!) Altri amanti del  Fleischkäse  lo compran

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!