Passa ai contenuti principali

all'inseguimento di Uffizi da mangiare 12: Willem Van Aelst e il cramique

In questa tappa di Inseguendo l'arte da mangiare torniamo nella Firenze di metà '600 ma attraverso un giro strano...
Sono infatti dipinti in Italia ma da pittore fiammingo i dipinti di oggi,  di  cui uno è stato scelto come simbolo del progetto di Uffizi da mangiare.
Parliamo di Willem Van Aelst, conosciuto come Guglielmo il Fiammingo poiché lavorò in Italia tra il 1649 ed il 1656, quando realizzò questa coppia di dipinti datati tra il 1652 ed il 1656, intitolati il primo Natura morta con vaso di cristallo
ed il secondo che abbiamo imparato a conoscere bene, Natura morta con frutta.
Specializzato in nature morte, viaggiò a lungo in Francia oltre che in Italia e fu anche a Firenze presso la corte del Granduca Ferdinando II de' Medici. Forse per questo troviamo nelle sue opere non solo i classici soggetti fiamminghi come formaggi, carni salate, cacciagione, pesci e pasticci, ma molto più spesso tripudi di frutta e di fiori che, come risulta evidente nei due dipinti di oggi, hanno una qualità vitale molto coinvolgente ed un gioco sapiente di luci decisamente poco nordiche.

I suoi dipinti sono stati di ispirazione per lo chef Mario Consolati che ha servito un carré di cervo al vino rosso assieme ad alcuni dei frutti dei dipinti, uva susine e melone, saltati in burro e aceto balsamico, come racconta in questo video
Ciò che mi sono chiesta io invece, guardando i dipinti, è quanto dovesse essere affascinante la frutta fresca per un fiammingo che in patria ne vedeva poca e, di conseguenza, che importanza avesse la frutta nella cucina fiamminga di metà '600.

I frutti più coltivati nel Nord Europa erano quelli utilizzati per produrre sidro ed altre bevande: mele, pere, ciliegie, prugne, sorbe acide e cotogne, ed ovviamente erano presenti anche sulle tavole dei contadini, in stagione, così come frutti di bosco mentre sulle tavole dei ricchi si trovavano anche frutti di importazione e primizie fuori stagione. 

Sia i contadini che i cuochi dei palazzi conservavano la frutta essiccandola od affumicandola: i contadini li usavano come nutrimento alternativo anche nei periodi di pausa dai raccolti, quindi più diffusamente nelle aree dove scarseggiavano i cereali, almeno fino all'a diffusione delle patate. Composte e confetture, che prevedevano miele o zucchero, erano invece riservate prevalentemente ai più abbienti, tra cui solo la frutta fresca era consumata di per sé e le conserve si usavano di solito come contorni o salse di accompagnamento ad altre pietanze.

Oltre che dalle patate, l'uso della frutta fu condizionato a partire dal '600 anche dalla maggiore diffusione dello zucchero, che dilagò nel '700 dopo che gli Stati coloniali avevano impiantato coltivazioni di canna da zucchero nei territori climaticamente più adatti. 

Riflettendo su questi aspetti viene quasi da sé la scelta della ricetta da dedicare a Van Aelst: un  dolce dalla lunga evoluzione, che parte dal XIII secolo, sembra nella cittadina belga di Nivelles come pane dolce al latte detto cremmicha, prende poi il nome fiammingo di kramiek, arricchito di uova zucchero e burro come pane devozionale offerto ai sacerdoti, per arrivare infine alla brioche attuale, con uvetta (ma in origine erano ribes secchi) e perle di zucchero conosciuta oggi come cramique.

Il cramique oggi, declinato spesso antistoricamente nella versione al cioccolato, viene venduto dal panettiere, non nelle pasticcerie, e serve prevalentemente a colazione e merenda, spalmato di burro, ma anche come accompagnamento a formaggi, salumi e paté, che in Belgio hanno sapori spesso intensi, molto salati od affumicati. 

Interessantissime le dispute sull'origine del nome, che lascerei per il momento da parte per provare a ricostruirne una ricetta credibile per l'epoca del nostro pittore. I ribes secchi a quanto pare entrano nell'impasto solo con l'800, così come le perle di zucchero che lo rendono croccantino ai denti. Prima questo pane dolce non prevedeva ne' frutta, ne' le perle di zucchero ma in omaggio al sontuoso grappolo di uva ed alle prugne scure ritratti da Van Aelst decido di tralasciare le perle ma inserire uva passa e prugne secche, spostandomi così per l'epoca decisamente nello stile "pane di lusso".

Utilizzo però, come all'epoca proprio per il pane, del lievito liquido naturale, cui aggiungo una punta di lievito "di birra" in omaggio alla tradizione locale (e per aiutare, visto che di manitoba ai tempi nemmeno l'ombra). Addirittura la semplice farina totalmente bianca era rara all'epoca, quindi la rendo un filo più rustica con una manciata di integrale, e lo zucchero bianco nemmeno era conosciuto, ecco il perchè del più scuro zucchero di canna. 

E restando a cavallo della storia di questa ricetta, non cuocio più solo delle pagnottine dolci ma con burro uova e frutta, ne faccio un vero e proprio dolce da credenza, cotto intero in uno stampo in modo che la presentazione risulti più elegante per una tavola di riguardo. Va servito poi a fette, con uva fresca e, volendo, del burro morbido leggermente salato.

CRAMIQUE IN VERSIONE SEICENTESCA
Ingredienti per uno stampo rettangolare da 22x11 cm o per 8-12 pagnottelle:
200 g di farina bianca
50 g di farina integrale
75 g di licoli
5 g di lievito fresco
130 g di uova (3 piccole o 2 grandi più un pochino di latte)
85 g di burro leggermente salato, a temperatura ambiente
60 g di zucchero di canna
80 g di uvetta
20 g di prugne secche, a pezzettini
latte per spennellare

Ammollare la frutta in 45 g di acqua bollente per almeno mezz’ora, in modo che la assorba per bene, quindi scolare eventuale liquido residuo e strizzare delicatamente.

Mescolare le farine con licoli e lievito fresco sbriciolato nella planetaria con il gancio per 1 minuto a velocità bassa; unire poi lo zucchero e le uova e lavorare altri 3 minuti a velocità bassa, poi per 5 minuti alla velocità subito superiore.

Ridurre il burro morbido a pomata, unirlo all’impasto e lavorare altri 5-10 minuti, sempre alla seconda velocità, fino a che l’impasto si incorda. E' normale che sia molto morbido e appiccicoso.

Unire la frutta, sgocciolata e appena strizzata, mescolare delicatamente con le mani o una spatola per incorporarla in modo uniforme, quindi coprire e mettere a lievitare in luogo tiepido per 2 ore e mezza. Dovrà più che raddoppiare.

Dare qualche piega all’impasto, che ovviamente si sgonfierà, lasciarlo riprendere per una mezz’ora quindi stagliarlo delicatamente in palline da distribuire su una placca rivestita di carta forno oppure formare un unico cilindro e inserirlo in uno stampo, sempre rivestito di carta forno. e far lievitare altre due ore e mezza circa.
Spennellare molto delicatamente con il latte e infornare a 180 °C statico per 20 minuti, quindi coprire la superficie con alluminio e cuocere altri 15-20 minuti a 150 °C. Sformare e raffreddare su una gratella. Affettare solo quando è ben freddo.
  • rivoli affluenti:
  • l'immagine del dipinto con Vaso di cristallo viene da qui, quello con Frutta da qui; la foto dello chef è presa qui.
  • Flandrin Jean-Louis, "L'alimentazione contadina in un'epoca di sostentamento" in Flandrin, Montanari (cura), Storia dell'alimentazione, Laterza, 1997, ISBN 88-420-5347-3

Commenti

  1. Congratulations to all those who ensure the smooth running of this magnificent blog !!

    voyance gratuite par mail

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

a tu per tu con il Fleischkäse svizzero, questo sconosciuto di famiglia

Nel curioso elenco dei cibi svizzeri che hanno caratterizzato la mia infanzia mi rendo conto che, fatto strano, sul blog non ho ancora parlato del  Fleischkäse, una via di mezzo tra un polpettone ed un würstel gigante di cui da bambini venivamo spesso nutriti. Ma un episodio di vita vera me lo ha messo sotto il naso proprio l'altro giorno, ed eccomi qui con il mio reportage storico-familiare. Alcuni Svizzeri, come quelli di casa mia, vivono il   Fleischkäse come un salume, da comprare pronto, intero o affettato sottile in buste, da servire in tavola come fosse prosciutto cotto o da infilare nei panini per merenda con maionese, senape e cipolline sottaceto (Be'... che c'è?! Se mia mamma per evitare che noi figli mangiassimo troppa Nutella la teneva in frigo ad indurire, così era più difficile da spalmare e sul pane se ne metteva di meno, perché stupirsi di quella che lei invece considerava una merenda "sana"?!) Altri amanti del  Fleischkäse  lo compran

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!