Passa ai contenuti principali

il pentolino magico

Mentre il mondo dei gourmet domenica scorsa si è dato appuntamento a Brà per Cheese, io molto più semplicemente ero alla Sagra Nazionale del Gorgonzola a, appunto, Gorgonzola, in provincia di Milano...



Sagra vera e quasi popolare, con tanto di street band, mercatino artigianale, dimostrazione di mungitura a mano e mostra di antichi attrezzi e giocattoli contadini, oltre che, naturalmente, un'apoteosi di formaggi erborinati.

Ho nutrito il mio stomaco con il risotto al gorgonzola cucinato nel tegame più grande del mondo (2.300 porzioni...),



ho nutrito i miei occhi (e la sporta) con bancarelle infinite di formaggi, ho nutrito il mio spirito con la pazienza dei formaggiai che hanno avuto la cortesia di rispondere a tutta la mia cascata di domande,
                                     

ed ho nutrito il cuore con la compagnia di un'amica che nel marasma della folla e nel mio vagare schizofrenico da una bancarella all'altra è riuscita a non perdermi mai di vista.



Questa carissima persona ed il suo degno marito qualche tempo fa hanno avuto la folle idea di regalarmi un favoloso tegame di rame, che in realtà si è rivelato un pentolino magico... 

Nella tradizione popolare a cui si sono ispirati i fratelli Grimm esiste la fiaba di una ragazza povera ma gentile che riceve in dono da una vecchia un pentolino magico a cui basta un ordine per cominciare a produrre cibo in abbondanza. 

La storia ha numerose varianti ma quasi tutte contemplano un momento di ammonimento moraleggiante in cui qualcuno dimentica la formula per fermare il pentolino ed il cibo trabocca, invade la casa e poi tutto il paese, creando non poche difficoltà anche a chi prima era invidioso della fortuna della fanciulla.



La magia del mio tegame di rame non è esattamente quella di produrre a comando polentina di miglio ma sta nell'effetto che provoca al mio cuore, che comincia inevitabilmente a traboccare di affetto e gratitudine nei confronti di quelle due adorabili anime ogni volta che il prezioso tegamino mi capita sott'occhio... 

Come non collegare quindi la gita di oggi a questo effetto dirompente e dedicare a mia volta un risotto al gorgonzola ai protagonisti della mia micro-favola personale? Magari un risotto un po' insolito, con una base rassicurante e l'optional di qualche piccolo dettaglio un filo sorprendente, come questa nostra relativamente recente ma decisamente importante amicizia... E, naturalmente, cucinato dentro al pentolino magico!



Risotto al gorgonzola con banane, funghi e crispy bacon

ingredienti per 4 persone:
300 gr. di riso vialone nano
80 gr. di gorgonzola dolce
1 banana
2 cucchiai di porcini secchi
10 g. di burro
40 g. di pancetta a fette spesse 2 o 3 mm.
1/2 cipolla
1 bicchierino di vino bianco
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
sale

Affettare la cipolla sottile, mettere a bagno i funghi in una tazza (250 cl.) di acqua tiepida, ridurre la pancetta a listarelle e tagliare 3/4 della banana a dadini grandi come piselli, conservando la parte rimanente avvolta nella pellicola perchè non annerisca.

In un padellino antiaderente saltare senza condimento la pancetta a fuoco vivace fino a che il grasso è colato e le fettine sono diventate belle dorate e croccanti, quindi sgocciolarle e tenerle in caldo, versando il fondo rimasto nel padellino in un tegame di rame stagnato.

Unirvi il burro e far fondere a fuoco medio, quindi versarvi le cipolle ed i dadini di banana, facendoli rosolare fino a che la cipolla è trasparente e le banane sono un po' disfatte e cominciano a caramellare il fondo.

Nel frattempo scolare i funghi e tritarli conservandone l'acqua di ammollo, che andrà filtrata attraverso carta da cucina e poi portata a bollore.

Versare il riso nel tegame insieme ai funghi tritati e far tostare per qualche minuto, fino a che tutti i chicchi sono belli lucidi e sgranati, quindi versarvi il vino e lasciar evaporare bene.

Versare sul riso l'acqua dei funghi, salare leggermente e cuocere a fiamma bassa, rimestando ogni tanto ed unendo quando serve qualche mestolo di acqua bollente leggermente salata (un po' meno di un'altra tazza).

Nel frattempo ridurre il gorgonzola a dadini ed il resto della banana a fettine sottilissime.

Dopo circa 15 minuti di cottura unire al riso il gorgonzola ed i petali di banane, se serve insieme ad ancora un goccio di acqua calda, regolare di sale, mescolare bene quindi coprire e spegnere la fiamma, per terminare la cottura del risotto con il proprio calore mentre sia le banane che il gorgonzola si sciolgono nel riso.

Al momento di servire dare un'energica rimescolata, spolverare con il prezzemolo tritato e decorare la superficie con la pancetta grossolanamente tritata.
  • rivoli affluenti:
  •  J. e W. Grimm, Le fiabe del focolare, Einaudi

Commenti

  1. Ricetta insolita per me. La banana ha un gusto dolce&incisivo che penso ben contrasta il bacon ed i funghi. Non amo molto l'agrodolce ma sapere l'effetto che fa il risotto al palato..questo si, mi rende più che curioso :-P
    Una domanda. La nota fruttata quanto tende a coprire i restanti sapori?
    Complimenti a prescindere per l'estro, felice giornata :-)

    RispondiElimina
  2. Eh no...oggi decisamente passo la mano!

    RispondiElimina
  3. @gambetto: in realtà la banana perde il sapore di banana... Resta un risotto "zola e funghi" con una nota delicata, cremosa e gentile difficile da individuare. I petali di banana finali creano delle piccole zone di sapore più intenso e riconoscibile ma senza una propria "consistenza" che personalmente mi divertono perchè sorprendono il palato, un po' come le "isolette" verdi che forma il gorgonzola; invece se si utilizzatutta la banana nel soffritto iniziale, come avevo provato in un esperimento precedente, davvero a fine cottura non è più riconoscibile come sapore di frutta a sè.

    @virò: mah... prova prima a parlarne in famiglia, magari qualcuno gradisce...

    RispondiElimina
  4. Se propendevo per la sola ammirazione di questo piatto...adesso comincio anche a pensarci :-P (non sai quanto sono lento per certe cose...). Grazie per l'ottima spiegazione sinestetica, che non solo non mi ha lasciato ma ha insinuato un piccolo tarlo...Ti farò sapere ;-)
    PS
    Per il pentolino magico, anche io ne ho uno di rame battuto a mano...non appena ne ho l'occasione quasi quasi ci faccio un bel piatto ed un post :-)

    RispondiElimina
  5. Incondizionatamente risotto-addicted, mi sono appuntata questa ricetta. Originalissima. Bella. Grazie! A presto

    RispondiElimina
  6. @gambetto:ma pensa... la mia tesi era sulla sinestesia applicata all'utilizzo dei colori!

    RispondiElimina
  7. @sabrine d'aubergine: grazie a te per la fiducia!

    RispondiElimina
  8. Ho un'amica di Gorgonzola (ora in svizzera per lavoro), amo il gorgonzola, amo il risotto (da mantovano come avrei potuto altrimenti?), amo i funghi ... mi sa che questa ricetta non me la lascio scappare !!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  9. @mais: ami il risotto?! non l'avrei mai detto...(!)

    RispondiElimina
  10. Quanti appuntamenti interessanti in giro! Anche la sagra del Gorgonzola a Gorgonzola solletica la curiosità e il palato :-)
    ps. Crispy bacon!?! irresistibile!

    RispondiElimina
  11. ho assaggiato zola con le mele , ho assaggiato zola con le pere.
    mi mancava lo zola con riso e banane.

    RispondiElimina
  12. mamma che goduria...
    quanto mi manca il gorgonzola, che sofferenza!

    RispondiElimina
  13. @twostella: totalmente d'accordo! Benvenuta...

    @pistacchietta: ma il segreto stava tutto nel pentolino...

    @viz: beh, hai un bel po' di altre specialità con cui consolarti... diciamo che ci invidiamo a vicenda!

    RispondiElimina
  14. ma dai ...
    poco sfottere noi pannocchiette mantovane ... :-PPP

    RispondiElimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  16. .... la prossima volta fai un fischio!

    RispondiElimina
  17. Molto interessante, infatti immaginavo che la banana avrebbe perso un po' della sua identità per dare un tocco dolce al risotto in contrasto con il bacon. Mi hai proprio conquistata soprattutto con l'idea dei petali brava! E invidio mooolto la tua gita formaggiosa :-) Buon week end

    RispondiElimina
  18. @mais: hehehe... (accontentati: non sono praticissima di tutti i simbolini delle faccine... e poi continua a piacermi la lingua italiana...)

    @babs: ok!

    @dada: devo dire che si tratta di un esperimento fortunato, ma non è che mi escono proprio tutti così... Buon weekend anche a te.

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!