Passa ai contenuti principali

cucina come preghiera

La cucina è una forma di omaggio. Che sia offerto a degli esseri umani, a degli dei o allo spirito di chi ci ha lasciati, in tutte le civiltà e tutte le epoche il cibo ha rappresentato dedica, accoglienza e  rispetto.

Ci pensavo nel rispondere nello scorso post ad un commento che sottolineava come una ricetta sappia esprimere uno stato d'animo. Mi è venuto infatti istintivo raccontare che ero appena stata a pranzo da una persona giapponese. Sì, il giorno del terremoto, lei attaccata ad internet cercando notizie di amici e parenti in Giappone, io sulla via di un sentito funerale italiano.

Tra occhi lucidi e gesti silenti, moti di rabbia e parole di rassegnazione abbiamo reciprocamente condiviso emozioni e cucina. E lei, partita anni fa dal Giappone per imparare a cucinare italiano e rimasta invece in Italia a cucinare giapponese, mi ha spiegato come i suoi movimenti in cucina siano semplici espressioni di amore verso la cultura del Paese di appartenenza e verso gli ospiti che si riuniscono alla tavola del cuoco.

Dicono essere tante le cose che dividono i popoli e le culture. In questi giorni a me sembra invece che siano molte di più quelle che uniscono. Sopra a tutte l'amore (leggi affetto, stima, solidarietà... insomma: il "moto verso") e la conoscenza (leggi curiosità, scambio, interesse, accettazione e ancora rispetto: il "moto dentro").

Non avrò molto tempo per postare nei prossimi giorni. La conoscenza e l'amore per le persone e la cultura giapponesi mi stanno tenendo occupata. Se avrò tempo racconterò come, perché la parola che riassume forse amore e conoscenza è proprio "condivisione". Ed anche una scarna cronaca in certe circostanze lo può diventare.

E in questo post cucino yoshoku, fondendo cioè Giappone con Occidente. Una ricetta veloce per il poco tempo che ho, che va quasi tutto dedicato ad altro. Quasi tutto, perché, come si diceva prima, la cucina è stato d'animo, è omaggio, è dedizione ed è rispetto. E' amore, come dice la cuochina gipponese.

Oggi per me più che mai la cucina è una forma di condivisione. E soprattutto di preghiera.

(Katsushika Hokusai, 1834:
non immagini agghiaccianti dei disastri ma l'idea del sentimento giapponese per la potenza della natura)

Mi scuso per la forma irregolare dei bocconcini di pesce, che non sta a testimoniare poco rispetto nei confronti degli ospiti ma semplicemente tutta l'emotività di chi sta cucinando del cibo mentre il mondo che lo ha ispirato è letteralmente crollato.


Salmone in salsa di burro, limone e soja
ingredienti per  4 fingerfood (o porzioni giapponesi) o per 2 porzioni occidentali:
300 gr. di polpa di salmone
1 cucchiaio di salsa di soja
3 cucchiai di sakè
1/2 cucchiaio di mirin
1 cucchiaio e 1/2 di succo di limone
1 cucchiaino di zucchero
15 gr. di burro
1/2 cucchiaio di olio di arachidi
4 o 5 gocce di olio di sesamo
1 pizzico di sichimi togarashi (o peperoncino in polvere)

Eliminare pelle e lische del salmone e tagliarlo a cubetti uniformi.

Scaldare olio di arachidi e di sesamo in una ampia padella antiaderente e scottarci i dadi di salmone in un solo strato, girandoli delicatamente appena si sono schiariti e levandoli dal tegame non appena hanno assunto un colore uniforme e spolverando con un pizzico di togarashi. Ci vorranno meno di due minuti in totale.

Nel fondo rimasto nella padella unire il burro, la salsa di soja, lo zucchero, il sakè, il mirin ed il succo di limone e cuocere a fuoco vivace fino a che lo zucchero si è sciolto, quindi abbassare leggermente e cuocere due o tre minuti, finché la salsa risulta leggermente ristretta ed un po' lucida.

Rimettere il pesce nel tegame, rigirarlo delicatamente fino a che si è ben rivestito della salsa e distribuirlo in piatti o ciotoline individuali. Se si usa come secondo accompagnare con riso bianco e verdure cotte a vapore, condite eventualmente con qualche goccia della salsa del salmone.
    • rivoli affluenti:
    • approfondimenti sul pittore giapponese "filo-occidentale" Hokusai qui
    • del rapporto di odio/amore dei Giapponesi oramai in via di superamento con il burro/Occidente avevo parlato qui

    Commenti

    1. Sai che a volte l'unica cosa che divide le culture e il senso dell'umorismo, il perché si ride, per il resto nel dolore e nel dubbio siamo tutti uguali,,,,,Un abbraccio, Simonetta

      RispondiElimina
    2. Mi piaceva preparare gli omogeneizzati per mia figlia invece di comprare quelli già pronti: era un modo per amarla ancora un po' di più...

      Mi piace quando a casa dei miei cognati si prega prima di pranzare per ringraziare per il legame forte che unisce questa famiglia...

      Mi piace quando invece di andare al ristorante gli amici vengono a cena a casa, magari con un dolce preparato ad hoc, e si gode della compagnia reciproca...

      Credo che tu abbia ragione: la cucina è davvero amore e preghiera.

      RispondiElimina
    3. @glu.fri: verissimo! Il senso dell'umorismo è veramente difficilissimo da mettere in comune tra culture diverse. Sarebbe interessante capire come mai sia impossibile far rientrare la risata tra gli archetipi dei sentimenti comuni.

      @virò: non a caso probabimente ce la siamo scelta come passione...

      RispondiElimina
    4. Ti apprezzo per le bellissime parole che hai scritto, perché sei una persona speciale sempre e lo stai dimostrando ancora una volta!
      Ti abbraccio!

      RispondiElimina
    5. E' vero: la cucina è condivisione e amore e preghiera. Ma anche certi post, lo sono: specialmente quando manifestano con la stessa lezione di dignità che ci sta dando oggi il popolo giapponese il cordoglio per quel popolo, così dolorosamente colpito. Affido a queste tue parole tutti i miei sentimenti- di angoscia, di impotenza, di vicinanza ad un popolo che sento sempre più vicino, grazie a te e alla condivisione quotidiana del tuo amore per il Giappone, la sua cultura e la sua gente.
      Grazie
      ale

      RispondiElimina
    6. Condivido in toto tutto quanto hai scritto e quanto ha scritto Raravis, che sa esprimere i miei pensieri meglio di quanto riuscirei a fare io.

      Posso solo vagamente immaginare l'angoscia e il dolore di chi ha perso gli affetti, la casa e di chi è lontano e cerca disperatamente notizie dei propri cari. Posso solo vagamente intuire la paura per il presente e l'angoscia per il futuro.

      La mia preghiera in questo momento va a tutto il popolo Giapponese, in patria e fuori.

      Un abbraccio specialissimo a te, che hai scritto questo splendido post.

      RispondiElimina
    7. un piatto formidabile, ciao

      RispondiElimina
    8. @fantasie: grazie. Vediamo se dalle parole riesco anche a passare un po' ai fatti!

      @alessandra: grazie a te. Hai ragione, l'impotenza in questo momento è ciò che a me pesa di più.

      @mapi: ad ogni ora la situazione si evolve, catastrofe su catastrofe. Non sai più nemmeno da dove cominciare, forse davvero al momento l'unica risorsa è il raccoglimento.

      @flavio: è un piatto veloce, per i momenti in cui manca il tempo di cucinare ma l'anima ha bisogno comunque di un momento di ristoro.

      RispondiElimina
    9. Sono dei pensieri e delle riflessioni profonde che condivido totalmente.... Un abbraccio

      RispondiElimina
    10. sto vivendo con costernazione quello che sta accadendo al giappone. ed è stato inevitabile pensare a te. le preghiere uniscono.

      RispondiElimina
    11. Cara Annalena, sono d'accordo, il cibo è amore, è condivisione, è rispetto delle usanze di un popolo. E' unione tra popoli, culture e civiltà.
      Anch'io, in questi giorni sono affranta per il Giappone e il popolo giapponese.
      L'amore per il tè, è stato il veicolo per avvicinarmi ai giapponesi e alla loro cultura.

      Giovanna

      RispondiElimina
    12. Capisco perfettamente quel che intendi dire, ho provato le stesse cose quando l'Aquila è stata colpita dal terremoto...
      Ed è vero quel che dici, la cucina è tutto questo, è preghiera, ed è anche volontà di ricostruire, preservare, ricordare.

      Un grosso abbraccio!

      RispondiElimina
    13. @marifra79: un abbraccio a te.

      @silvia: le preghiere, le azioni ed ogni piccola o grande testimonianaza che impedisce di dimenticare troppo in fretta. Grazie anche per la tua.

      @giovanna: il mio problema è che io mi sono avvicinata non solo alla cultura ma anche alle persone, ed è lì che il coinvolgimento non ha più barriere possibili!

      @ muscaria: bravissima, è un forte gesto di volontà!!!

      RispondiElimina

    Posta un commento

    post più popolari

    MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

    Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
    A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

    Premessa...
    ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

    E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

    Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

    MTC giugno 2011... verso Oriente!

    Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

    Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

    Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

    riso Otello: un nero integral(ista)

    Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

    Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

    Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

    Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



    Si utilizza ridotto in farin…

    Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

    Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

    A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


    In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

    il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

    Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

    Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

    Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
    In generale ogni piatto condiviso su…

    acquaviva scorre... sciuè sciuè!

    Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

    Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

    Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

    Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

    precisazione:

    Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
    Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
    Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!