Passa ai contenuti principali

piccola goccia

Come molti, i primi giorni in cui si parlava in rete della catastrofe giapponese non ho osato pubblicare immagini dirette delle zone terremotate. Sostanzialmente per rispetto del pudore delle popolazioni colpite: i Giapponesi infatti già in quei primi momenti erano poco interessati a lamentarsi ed a suscitare pietà, quanto più impegnati a causare poco disturbo ai soccorritori e ad affrontare da subito il problema con grande risolutezza.

Come molti, al posto delle foto di allagamenti e devastazioni ho usato un'immagine decisamente evocativa, un'onda del pittore Hokusai che monta nell'oceano con il vulcano Fuji sullo sfondo. Ne ha dipinte tantissime, due secoli fa, tutte emozionanti.

Amo da sempre il suo modo di descrivere la natura come un vero "personaggio", non sfondo alle azioni umane ma piena protagonista della vita insieme all'uomo. E trovo perfetta l'armoniosa fusione tra lo stile descrittivo della pittura giapponese con quello occidentale ottocentesco, quasi un delicatissimo ispiratore per un certo successivo decò.

Ebbene: alcune delle sue opere saranno visibili dal vero a Milano! Un'altra piccola, indispensabile goccia di Giappone nella nostra vita occidentale, a ricordarci ancora una volta la costanza, la meraviglia e la malinconia attuale di quell'incredibile Paese.

Dal 5 al 15 maggio da Caiati, in via Gesù 17, saranno esposte una cinquantina di stampe originali tra quelle di Hokusai Katsushika e quelle di Hiroshige Ando, altro artista giapponese ottocentesco affascinato dalla rappresentazione della natura e dalla pittura occidentale.

La notizia mi ha talmente deliziato che per un attimo ho accantonato i travagli giapponesi ed ho preparato un dessert, in tema primavera, delicatezza ed armonia. Nonostante non sia affatto di ispirazione nipponica e non abbia un colore tra i miei preferiti (l'ho già detto: io odio il rosa!), questo dolcino ha espresso esattamente il mio stato d'animo del momento: una coccola per l'anima, come saranno senz'altro per me nei prossimi giorni le grandi onde di Hokusai in originale viste da vicino...


Crema di fragole con vaniglia e menta
ingredienti per 9/12 porzioni:
600 gr. di fragole
200 gr. di miele di acacia
400 gr. di panna da montare
200 gr. di yogurt greco
1 bacca di vaniglia
10 gr. di gelatina in fogli
1 rametto di menta
3 cucchiai di zucchero semolato
2 gocce di colorante alimentare rosso

Tenere da parte qualche fragola per la decorazione e ridurre le altre a dadini; metterle in un tegame con il miele, la vaniglia tagliata per il lungo con i suoi semi ben raschiati ed un paio di cucchiai di acqua.

Scaldare rimestando fino a che il miele è ben sciolto, quindi lasciar sobbollire una decina di minuti, fino a che le fragole si sono quasi disfate.

Nel frattempo mettere i fogli di gelatina a bagno in acqua fredda, montare ben soda la panna e tritare finemente la menta, tranne qualche fogliolina per la decorazione.

Spegnere le fragole e sciogliervi la gelatina ben strizzata, foglio per foglio, quindi levare la stecca di vaniglia e frullare il tutto un po' grossolanamente, in modo da ottenere una crema non troppo omogenea con qualche pezzetto di fragola ancora percepibile.

Lavorare un po' lo yogurt con una frustina fino a che è ben cremoso ed incorporarlo alla panna montata, quindi miscelare delicatamente al composto il frullato di fragole intiepidito ed il trito di menta.

Distribuire il composto in coppette singole, lasciar raffreddare, coprire con pellicola e tenere in frigo per almeno un paio d'ore (ma anche tutta la notte).

Intanto versare lo zucchero semolato in un sacchettino per alimenti insieme al colorante ed alla stecca di vaniglia ben sciacquata ed asciugata, chiudere e "stropicciare" bene fra le mani in modo che lo zucchero si colori uniformemente di rosa, quindi riaprire e lasciar asciugare completamente lo zucchero, "maneggiandolo" di tanto in tanto perchè non si formino grumi.

Levare le coppette dal frigo una mezz'oretta prima di servire, decorandole all'ultimo momento con le fragole intere, le foglioline di menta ed una spolverata di zucchero colorato.

  • rivoli affluenti:
  • informazioni pratiche su orari ecc. della mostra (ad ingresso libero!) qui

Commenti

  1. ....vacci anche con il mio cuore in tasca...e ti penseró rosa. Baci

    RispondiElimina
  2. Come vorrei andarci, e per Hokusai, ma soprattutto per Hiroshige Ando, precursore dell'impressionismo.
    Non credo che potro', peccato.
    Non essere riduttiva, non chiamarlo dolcino. E' fatto molto bene e dev'essere una vera coccola.
    CIAO :)

    RispondiElimina
  3. Che meraviglia!!!
    io un'onda di Hokusai l'ho vista al Mao di torino dove ci sono delle cose giapponesi molto belle e hanno anche un mare di stampe che espongono a rotazione, sempre che rimanga aperto perchè ovviamente non ci sono più dané
    La prossima settimana riprendo qualcosa su marco Polo.
    Ciao

    RispondiElimina
  4. Due post di fila con dolci veri: stento a crederci!

    So che forse non condividi pienamente ma anche questa è arte!

    RispondiElimina
  5. @glu.fri: terrò il tuo cuore all'altezzadegli occhi, altro che in tasca, così puoi "sentire" le onde anche tu!

    @corradoT: la galleria che espone è di Torino e magari organizza qualcosa anche in Toscana. Sul sito che segnalavo c'è il link: prova ad indagare, magari sei fortunato.

    @enrico: ok, pensiamo più a Marco Polo che alla cultura senza fondi, che forse è meglio...

    @sonia: devo dire che io sono poco predisposta per i dolci ma guesto me lo sono gustato volentieri. E' che in effetti mi piacciono molto i frutti di bosco...

    @virò: questo episodio dei due dolci di fila ti da l'esatta misura della mia attuale confusione mentale!

    RispondiElimina
  6. Che bella notizia! Conosco pochissimo l'arte giapponese e farei molto volentieri un salto a Milano...al solito non so quando ho qualche ora libera per me! Ma prometto che se riesco a venire su ti avviso! Che delicato e gentile il tuo dolce di Primavera! Ci sarà un motivo, al di là della confusione, se posti, e quindi cucini, tutte queste bontà zuccherine....:)
    Baci

    RispondiElimina
  7. Riesco ad immaginare la tua gioia, eventi del genere non è che capitino tutti i giorni...
    E' giusto quindi festeggiare con una coccola del genere! ;-)

    RispondiElimina
  8. acqua, prova il rosa carminio con l'arancio accanto, come Pontormo fa, pensa al rosa dei santi su fondo oro, i signori con la barba bianca vestiti di rosa, insomma il colore non è mai uno, è mille, dipende dipende dipende. e il rosa che accompagna la fragola è bello.

    RispondiElimina
  9. @patrizia: dai, vieni!
    PS: nulla accade per caso, quindi certamente c'è un motivo per tutto questo zucchero. Quando lo capirò...

    @muscaria: ni son fatta travolgere dalle onde, e che goduria!

    @artemisia: sagge parole, da assoluta artista. Ed in ogni caso so che sarebbe anche ora di superare certi traumi infantili...

    RispondiElimina
  10. Mi riprendo dal fatto di leggere una seconda ricetta dolce...e prometto di porgere la dovuta attenzione al prologo...!
    :D

    RispondiElimina
  11. @gambetto. ok, ok, mi avete preso in giro abbastanza... prometto che posterò due dolci di seguito solo in caso di assoluta emergenza!

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!