Passa ai contenuti principali

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico streetfood nipponico, mai sono stati organizzati tutti insieme giochi, workshop, attrazioni e spettacoli come succede davvero nei matsuri giapponesi...

Il programma milanese è fittissimo e mi piace ripercorrerlo ancora una volta, nonostante l'abbia imparato praticamente a memoria:

sul palco:
alle 11:00 showcooking BABY BENTO: la sig.ra Higuma Kyoko spiega a mamme e bambini come preparare un bento speciale ma anche facile e divertente.

alle 12:00 KAMISHIBAI: due favole narrate da un cantastorie giapponese attraverso il tradizionale teatrino di immagini di carta.

alle 12:30 KAGAMIWARI: Cerimonia di apertura ufficiale durante la quale il Console del Giappone presenzierà alla tradizionale apertura benaugurante della botte di sakè, con conseguente degustazione e brindisi comune.

alle 13:00 STORIA DEL SAKE': l'associazione culturale Via del Sakè racconta origini, storia, tipologie e curiosità di questa bevanda dalle mille sfumature.

alle 13:30 show cooking ARMONIA E BELLEZZA DELLA CUCINA GIAPPONESE: lo chef kaiseki Ikeda Osamu mostra, aiutato dall'espertissima commentatrice Graziana Canova Tura, il significato profondo del concetto di armonia tra uomo e natura attraverso la preparazione e la presentazione di un piatto di stagione.

alle 14:10 TAIKO: affascinante concerto/danza di tamburi giapponesi di varie dimensioni, tipico del matsuri.

alle 15:00 MOCHITSUKI: non tutti sanno che dietro i golosissimi dolcetti mochi esiste un metodo di preparazione tradizionale del riso che necessita forza, perizia e sincronia. Eccone la dimostrazione in diretta...

alle 15:45 CHANOYU: assistere in diretta alla celeberrima "cerimonia del tè" giapponese è raro, sentirsela anche spiegare per poter davvero partecipare con anima e sentimento è un'occasione pressoché unica. L'Associazione Culturale Urasenke si è resa disponibile a ripetere la cerimonia anche fuori dal palco in privato per piccoli gruppi di persone, che potranno degustare il matcha tradizionale accompagnato da un dolcetto wagashi; è richiesta una piccola quota ad offerta libera, a favore dell'associazione Orto dei Sogni che si prende cura dei bambini vittime di Fukushima.

alle 16:30 show cooking Confronto e legami tra Cucina Giapponese e Cucina Italiana: una riflessione in cucina e due piatti ispirati alla cultura dello streetfood, presentati nientepopodimenoche... dagli chef Shinohara Hide e Claudio Sadler!!!

alle 17:00 show cooking TAGLIO DEL TONNO: interessantissima collaborazione tra il più anziano maestro di sushi di Milano Hirazawa Minori e lo chef nippobrasiliano più "fusion” della città Roberto Okabe, che ci spiegheranno come da un gigantesco tonno intero si possono ricavare tagli diversi in funzione dei piatti a cui sono destinati; li coadiuva nel commento di nuovo la sig.ra Canova Tura.

alle 17:45 VESTIZIONE DI KIMONO: le signore dell'Associazione culturale Giappone in Italia sfileranno in kimono raccontandocene i riti di vestizione ed i significati, come il legame con la stagione, con l'età e lo stato sociale di chi li indossa, cosa significano i diversi modi di annodare la cintura o di acconciare i capelli. Ci sarà in un camerino a parte la possibilità per il pubblico di indossare personalmente un kimono e sentirsi per un po' ancora più giapponese...

alle 18:30 showcooking IL GUSTO UMAMI: lo chef Tanaka, insieme alla immancabile sig.ra Canova Tura, illustra non solo cosa si intende per "gusto umami", tanto presente nel cibo giapponese, e da quali ingredienti si ricava, ma spiega anche come preparare un perfetto brodo dashi, alla base di moltissime specialità giapponesi.

alle 19:00 CONCERTO:  la cantante tradizionale KIKUCHI SHINOBU esegue dal vivo alcuni brani di musica popolare giapponese tipici del matsuri. Musica popolare sarà diffusa anche durante tutto il corso della giornata.

nel parco:
alle13 prende il via nella porzione di parco di piazza Carbonari riservato al matsuri un vero undoukai: si tratta di una serie di giochi a squadre organizzati per i bambini secondo una tradizione giapponese antica ed originalissima, molto ben illustrata qui. E tiro alla fune, corsa ad ostacoli e palle nel canestro saranno proprio i giochi presenti al Milano Matsuri...

nello Stand della Cultura:
giochi per bambini e adulti, in ordine sparso: yoyo tsuri (la pesca del palloncino), magia e megabolle di sapone, dimostrazione ed utilizzo di giocattoli tradizionali giapponesi, piccola mostra di giocattoli antichi...

workshop per adulti e bambini, in ordine sparso: origami (l'arte del piegare la carta), furoshiki (l'arte dell'annodare i fazzoletti di seta), nihonga (disegno in stile giapponese)...

sulle bancarelle:
gli yatai sono le coloratissime bancarelle dei matsuri giapponesi, dove si trova ogni sorta di cibo. Al Milano matsuri offriranno la possibilità di assaggiare gratuitamente, comprese nel prezzo d'ingresso, cinque degustazioni di tipico streetfood: gyoza (ravioli alla piastra), yakitori (spiedini di pollo), takoyaki (bocconcini di polipo in salsa), udon (spaghettoni in brodo) e karaake (pollo fritto), il tutto preparato al momento. 

Altri yatai offriranno invece a pagamento mochi e wagashi (dolcetti) di vario tipo, dorayaki (pancakes farciti di fagioli dolci), yakisoba (spaghettini saltati), onigiri (le polpette triangolari di riso rese tanto popolari in Italia dai cartoni animati giapponesi) ed un immancabile (anche se non proprio tipico del matsuri) banco di sushi. E poi bibite e snack giapponesi di tutti i tipi, birre e sakè... 

Ma anche libri sul Giappone la sua cultura e la sua gastronomia, un banchetto di Orto dei Sogni per sapere che sta succedendo ai bimbi di Fukushima colpiti da radiazioni e come li si può aiutare, una postazione di Greenpeace a testimoniare che la caccia alle balene non è condivisa dalla maggior parte dei Giapponesi, che invece ci sono un sacco di piccole realtà locali nipponiche altamente rispettose dell'ambiente e del mare e che abbattere i reciproci pregiudizi è alla base di ogni forma di dialogo costruttivo!

Che dire di più?! Spero sia evidente adesso perché io il 26 maggio non sarò reperibile per nessuno... Per trovarmi si dovrà venire qui... 


  • rivoli affluenti:
  • notizie ufficiali dal sito degli organizzatori, l'Associazione Italiana Ristoratori Giapponesi: qui
  • la pagina facebook dell'evento per aggiornamenti e domande in diretta: questa
  • la possibilità di acquistare da subito i biglietti d'ingresso (10 euro per gli adulti, 5 euro per i bimbi dai 5 ai 12 anni, gratis per i più piccoli... davvero poco!): qui

Commenti

  1. bello bellissimo!!!
    quanto mi piacerebbe esserci!
    attendiamo foto e racconti ;)

    Francesca

    RispondiElimina
  2. e' sotto casa mia!!! ti mando una mail che ci troviamo ok?
    che bellooooooo :)

    RispondiElimina
  3. @francesca: ... ovviamente!

    @cristina: ...ovviamente!!!

    RispondiElimina
  4. mi sembra che anche lo scorso anno avevi pubblicato una cosa simile dove mi ero ripromessa di non mancare. cavoli cavoli cavoli. ho babbo in convalescenza e non posso muovermi da bologna...
    però mi sa che ti disturberò nei prossimi giorni perchè ho comprato l'alga kombu e ho bisogno di te.
    buon divertimento!

    RispondiElimina
  5. vero Sabrina, ma questa volta è tutto molto più centrato sul cibo... come fai a mancare?! mannaggia...

    RispondiElimina
  6. Ciao, sono capitato per caso nel tuo blog... Cercavo informazioni su questa festa. Credo proprio sarà un'esperienza davvero bella... Sono rimasto affascinato dalla cultura giapponese da quando ho scoperto il whisky tipico di questo paese. Davvero buono.
    Sono sicuro che non mi deluderà negli altri aspetti!! Ciao a tutti e buon matsuri

    RispondiElimina
  7. @mario: grazie Mario, alloca ci vediamo lì!

    RispondiElimina
  8. Ciao, volevo così tatnto esserci a questa festa ma impegni di lavoro me lo hanno impedito,come è stata?? hai foto da mostrarci?? così chi non ha potuto esserci si consola guardando...
    ci conto...

    RispondiElimina
  9. @mara.cara: non ho avuto proprio tempo di scattare foto, ma appena riesco pubblico di certo il resoconto, magari con le immagini di alcune amiche che fotografano decisamente meglio di me

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!