Passa ai contenuti principali

le insospettabili armonie delle lenticchie all'ananas

Sulla tavola delle feste di questo periodo sono per me irrinunciabili le lenticchie. Non solo come popolare contorno al cotechino di capodanno o come simbolo portafortuna, ma proprio per il loro sapore che, grazie ai magici poteri della preistorica memoria gusto-olfattiva di cui siamo dotati, è per me un sapore, come quello dei mandarini, affettivamente legato alle feste trascorse in famiglia.

Questa volta volevo pensare le lenticchie in modo originale, che le portasse con grazia su una tavola invernale pur senza tradire la loro anima semplice. E mi è venuto subito istintivo andare a frugare nelle usanze della gastronomia indiana, maestra nell'utilizzo di lenticchie di ogni varietà e colore all'interno dei piatti più disparati.

In India e in genere in Medio Oriente è usanza aromatizzare le lenticchie con limone o sapori aspri, abbinamento che il mio palato approva in pieno. Cercavo però qualcosa di meno "diretto" questa volta. Mi è venuto in aiuto un meraviglioso ananas, arrivato in dono dentro un cesto di frutta.

Che ne direbbe un gourmet indiano di accostare l'acidità dell'ananas, insieme alle sue note dolci, alla rustica "tipicità" delle lenticchie, specie se, al modo occidentale, sono preparare con il pomodoro? 

La risposta arriva da Rinku Bhattacharya, autrice depositaria dell'antica sapienza culinaria indiana, che nei suoi testi conferma come nell'India meridionale siano diffusi piatti che abbinano legumi e frutta. Grande popolo... grande saggezza... Così, quando in specifico ho visto anche un piatto proprio di lenticchie e ananas... non mi sono più tenuta!

Ho voluto però conferire al mio piatto un'aria meno "etnica" rispetto alle sue ricette tradizionali, sfruttando il concetto indiano di una speziatura importante ma riportandone gli aromi ad una dimensione più vicina a quella delle preparazioni di legumi nostrane.

Ho dunque eliminato le spezie orientali più intense e ho confermato il nostro pomodoro, puntando su profumi più domestici (almeno per me) anche per il brodo. Poi ho introdotto un insaccato, come da nostra tradizione. Però non è esattamente italiano. Ed è a sua volta portatore di spezie, quelle che fanno storicamente dell'Ungheria il ponte gastronomico tra sapori europei e levantini. Questo è il risultato...



Crema festosa di lenticchie e ananas alla paprika

ingredienti per 4 persone:

220 g di lenticchie 
1/2 ananas fresco*
50 g di kolbász (salsiccia essiccata ungherese**)
1 carota
1 cipolla
1 spicchio di aglio
1 cubetto di zenzero da 1 cm
1 cucchiaio abbondante di concentrato di pomodoro
1/2 cucchiaino di semi di cumino
1 cucchiaino di paprika dolce affumicata
4 o 5 grani di pepe nero
4 o 5 steli di prezzemolo
3 chiodi di garofano
1 foglia di alloro
2 cucchiai di olio extravergine
zucchero di canna
sale

Ammollare le lenticchie per 2 ore in acqua fresca, poi sciacquarle bene. Separare le foglie dai gambi di prezzemolo e lavare bene anche questi ultimi. 

Preparare un brodo vegetale con 1 litro abbondante di acqua fresca, la carota sbucciata e tagliata in 3 rocchetti, la cipolla sbucciata, incisa in 4 spicchi uniti alla base e steccata con i chiodi di garofano, lo zenzero sbucciato e leggermente pestato, i soli gambi del prezzemolo e una presina di sale, facendo sobbollire un'oretta; lasciare poi raffreddare e filtrare.

Pestare grossolanamente l'aglio, il pepe ed il cumino in un mortaio fino ad ottenere una pasta rustica.

In un tegame di coccio scaldare 1 cucchiaio di olio; versarvi la pasta di aglio e tostare meno di un minuto, quindi unire la paprika e lasciar insaporire per 10 secondi.

Versare nel tegame le lenticchie scolate, unire il pomodoro e l'alloro, coprire con 800 ml di brodo, portare a bollore e cuocere a fuoco basso per circa 50 minuti, mescolando ogni tanto ed aggiungendo del brodo se serve.

Intanto pulire l'ananas eliminando buccia, "occhi" e torsolo. Ridurne 120 g in dadini e frullarne altri 120 g. Tagliare quindi dal rimanente delle fette molto sottili e intagliare con un coppapasta a stella, ricavandone almeno 8 belle stelline. 

Tagliare la salsiccia ungherese a rondelle sottili. Da 4 fettine ricavare con un piccolo stampino 8 stelline più piccole di quelle di ananas, e tagliare le altre a pezzetti. 

Eliminare l'alloro e ridurre in crema le lenticchie con il frullatore a immersione. In base alla rusticità o all'eleganza che si intende dare al piatto si possono lasciare le lenticchie intere oppure ridurle proprio in crema, passandola poi al setaccio per ottenere una vellutata. Io ho scelto una texture intermedia.

Unire quindi la salsiccia a pezzetti, l'ananas frullato e quello a dadini e mescolare bene, rimettere sul fuoco e cuocere altri 10 minuti.



Quando la crema è ben calda e profumata regolarne se serve la densità, alzando il fuoco per asciugarla o unendo brodo per allungarla, e controllarla di sale e, se serve, di zucchero, in modo che, insieme alle lenticchie, si sentano dell'ananas sia la dolcezza che la leggera asprezza. Questa la consistenza che ho scelto io, perfetta sia per una piccola zuppa che come morbido contorno.



Dividere la crema in ciotole individuali, decorare ogni porzione con una o due stelline di ananas fresco sopra cui posare le stelline piccole di salsiccia. Spolverizzare con le foglie di prezzemolo tritato e completare, volendo, con un filino o di olio (che in foto ho dimenticato entrambi...). 



Se si tiene la crema più densa può diventare un dip da aperitivo in cui intingere dei grissini al sesamo; se la si lascia decisamente brodosa diventa una zuppa, a cui può essere aggiunta un po' di pastina, magari stelline o un formato natalizio.



*L'ananas è stato un omaggio di Dole, ottimo produttore di frutta di cui avevo già parlato qui e che ringrazio di cuore per la cortesia

**La kolbász è un salume stagionato, leggermente affumicato, aromatizzato con paprika e cumino; ne parlerò meglio in un prossimo post. Se non lo si trovasse può essere sostituito con un salame affumicato di quelli tedeschi facilmente reperibili, aumentando leggermente nella ricetta le dosi si paprika e cumino. 
  • rivoli affluenti:
  • un bel libro sull'uso delle spezie indiane inaspettatamente (per noi) legato al luogo e alla stagione è sempre suo: Rinku Bhattacharya, Spices & Seasons. Simple, Sustainable Indian Flavors, Hyppocrene Books, 2014, ISBN 978-0781813310

Commenti

  1. Vien voglia di spalmarla su un crostone di pane caldo <3

    RispondiElimina
  2. Il peggior difetto di un piatto???
    Per me senza dubbio mancare di curiosità.
    Può essere ottimo, ma al secondo boccone sai già come proseguirà "il viaggio", tutto uguale, senza colpi di scena, senza stimoli, senza curiosità.
    Io sono peggio di una scimmia, per me la curiosità è tutto....soprattutto in cucina!
    Sai che ho in menù un'insalata di lenticchie e mandarini?? Funziona.

    Baci canari e buone curiosissime feste!!

    RispondiElimina
  3. @libera: guarda... è buonissima in tutte le maniere! E lo testimonia un superscettico che se ne è spazzolato doppia dose...

    @fabiana: ti adoro! Se pensi che qui sul blog il primo piatto con le lenticchie che ho pubblicato era con l'uva... Ma in fatto di curiosità mi sa che noi ce la intendiamo bene. Ovvio che ora esigo assolutamente la tua ricetta coi mandarini...

    RispondiElimina
  4. Ciao,
    una breve nota per dire ti amo il tuo blog, in modo da non privare me stesso!

    RispondiElimina
  5. Grazie, ho recentemente stato alla ricerca di informazioni su questo argomento per anni e il vostro è il più grande che ho scoperto fino ad ora. Ma, per quanto riguarda la linea di fondo? Sei sicuro circa la fonte?

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!