Passa ai contenuti principali

polpettone ai friarielli e mozzarella affumicata, con storie di linciaggi

Il vantaggio di viaggiare è che puoi portarti a casa ingredienti rari, sconosciuti... e pure freschi, se il viaggio è sufficientemente breve. La cosa buffa è che non parlo di prodotti stranieri ma di specialità napoletane, che mi sono procacciata in una (troppo breve) toccata e fuga dovuta a ragioni di famiglia e che non ho potuto fare a meno di cucinare al volo appena rientrata. Anche perchè il povero essere napoletano che mi vive a fianco mi avrebbe linciato se non avessi provveduto immantinente!

La mozzarella di bufala affumicata napoletana è un tesoro difficile da reperire fuori zona e altrettanto dicasi per i friarielli. Almeno questi ultimi sono vagamente sostituibili con cime di rapa, mentre per la mozzarella nessuna scamorza affumicata miscelata anche a una buona mozzarella di bufala bianca può avvicinarsi nemmeno lontanamente al concetto.

All'invito a cena per una coppia di amici segue subito una riflessione su un menù di timbro napoletano: classicamente i friarielli legano con la salsiccia napoletana a punta di coltello... ma quella non me la sono portata! E mentre ragiono che l'abbinamento tra l'amarognolo dei friarielli e la dolce fumosità della mozzarella potrebbe rivelarsi anche fenomenale... una mozzarella e mezza delle due arrivate a Milano erano sparite dalla vaschetta sulla credenza.

Ovviamente lì le avevo lasciate, sapendo che avrei rischiato il linciaggio da parte dell'essere napoletano che mi vive a fianco se avessi osato riporle in frigo. Ma lasciargliele sotto gli occhi non si è rivelata una buona mossa. E ora che mi invento con mezza mozzarella per quattro?!

Così ho pensato di fare in modo che la perfezione di quella affumicatura potesse invadere un piatto più sostanzioso di un mazzo di friarielli. E mi è venuto in mente il pollo: un ingrediente che desse sostanza ma fosse abbastanza neutro da non disturbare la coppia di sapori protagonisti.

E la via del polpettone farcito, semplice e poco pretenziosa, mi è sembrata la più diretta. Gli ospiti hanno apprezzato, e quando con candore l'essere napoletano ha raccontato la storia delle mozzarelle sparite in poche ore, un boccone per volta, mi hanno chiesto come ho resistito all'istinto di linciarlo!
POLPETTONE CON MOZZARELLA AFFUMICATA E FRIARIELLI
ingredienti per 4 persone:
3 sovracosce di pollo, circa 750 g in tutto
1 bel mazzo di friarielli, c.a 700 g
120 g di mozzarella affumicata
1 uovo
4 cucchiai di grana grattugiato
1/2 panino secco a crosta sottile
1/2 bicchiere di acqua della mozzarella
2 cucchiai di vino bianco secco
1 grosso spicchio di aglio
1 foglia di alloro
4 cucchiai di olio extravergine
sale
pepe nero al mulinello

Mondare i friarielli privandoli dei gambi più duri, tagliuzzarli e saltarli con l'aglio tagliato in due e l'alloro in 2 cucchiai di olio per due minuti a fuoco vivace.

Salare, versare meno di mezzo bicchiere di acqua, coprire e stufare per 5 minuti a fuoco medio, asciugare poi a fiamma viva l'eventuale eccesso di liquido, regolare di sale, pepare, spegnere, levare aglio e alloro (senza buttarli) e lasciar intiepidire.

Ridurre a pezzetti mozzarella e lasciarla scolare. Spezzettare il pane secco e ammollarlo nell'acqua di conservazione della mozzarella. Spellare e disossare il pollo e tritarne la polpa.

Unire al pollo l'aglio di cottura tritatissimo, il pane ben strizzato, l'uovo, il grana, sale e pepe.

Spalmare la carne su un foglio di carta forno in strato uniforme, disporvi i friarielli ben strizzati e la mozzarella.
Arrotolare il tutto aiutandosi con la carta forno e sigillare bene le estremità.
Trasferire il polpettone con la carta in uno stampo che lo contenga a misura, disporvi sopra la foglia di alloro e condire con il vino e 2 cucchiai di olio.

Cuocere in forno ventilato a 180 °C per circa 50 minuti, fino a che il polpettone è sodo e la sua superficie dorata.
Servire a rondelle, caldo se si vuole la mozzarella che cola, tiepido (come qui) per delle fette più uniformi.
  • rivoli affluenti:
  • qualcuno dei miei precedenti polpettoni: qui!

Commenti

  1. Proprio bello...te lo copierò! Come hai tritato il pollo? Tritacarne? Non mi dire al coltello...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho usato il tritacarne del KA, ci vuole un attimo. Beata te che hai la mozzarella affumicata sotto mano!

      Elimina
    2. Comunque bello il piatto nero!

      Elimina
  2. Salve,
    Offerte di prestiti tra privati, veloci e affidabili
    Sono una persona seria e onesta che concede prestiti che vanno da 5.000€ a 500.000 € a ogni persona che cerca un prestito di denaro per coprire un bisogno, saldare un debito, realizzare un progetto, riattivare la sua attività, un'altra preoccupazione. Ti chiedo di essere contattato direttamente con me.

    fedora.rigotti51@gmail.com
    Whatsapp +39 3891124366

    Salve,
    Offerte di prestiti tra privati, veloci e affidabili
    Sono una persona seria e onesta che concede prestiti che vanno da 5.000€ a 500.000 € a ogni persona che cerca un prestito di denaro per coprire un bisogno, saldare un debito, realizzare un progetto, riattivare la sua attività, un'altra preoccupazione. Ti chiedo di essere contattato direttamente con me.

    fedora.rigotti51@gmail.com
    Whatsapp +39 3891124366

    Salve,
    Offerte di prestiti tra privati, veloci e affidabili
    Sono una persona seria e onesta che concede prestiti che vanno da 5.000€ a 500.000 € a ogni persona che cerca un prestito di denaro per coprire un bisogno, saldare un debito, realizzare un progetto, riattivare la sua attività, un'altra preoccupazione. Ti chiedo di essere contattato direttamente con me.

    fedora.rigotti51@gmail.com
    Whatsapp +39 3891124366

    RispondiElimina
  3. My warm congratulations for your site! It helped me a lot and Long live your site. Above all, never be discouraged; your blog is really great, especially since all your sharing is interesting.

    Voyance Email

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!
In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di ricette svizzere quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle.

L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle.

Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina, questa salsa …

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!