Passa ai contenuti principali

arte e cibo: torta fedora e le nature morte di De Chirico

Plinio il Vecchio narra di una disputa tra due pittori greci del V secolo a. C. su chi sapesse meglio ritrarre la realtà attraverso l’illusione pittorica. Il giorno convenuto Zeusi scoprì il proprio dipinto: raffigurava un grappolo d’uva talmente verosimile che degli uccellini cominciarono a svolazzargli attorno tentando di beccare la frutta.

Oramai certo della propria vittoria, Zeusi incitò Parrasio a levare ora a sua volta la tela che copriva l’opera che voleva presentare. Solo in quel momento si accorse che il suo antagonista aveva dipinto proprio il drappo scomposto, con una tale verosimiglianza da ingannare perfino il suo occhio di pittore esperto, così gli concesse la vittoria.
Giorgio De Chirico, Natura morta con uva, 1922
La raffigurazione del cibo nei dipinti è, insomma, una questione davvero antica, che ha nei secoli avuto diverse fortune fino a diventare un genere vero e proprio tra ‘500 e ‘600, inizialmente con i Fiamminghi e poi, a mano a mano che la committenza non cercava più solo ritratti di famiglia, soggetti mitici o rappresentazioni sacre, presso i ricchi borghesi fino al secolo scorso.
Giorgio De Chirico, Interno metafisico con biscotti, 1968
Anche la pittura moderna e contemporanea se ne è occupata, e a tal proposito sono interessanti le parole scritte da Giorgio De Chirico nel 1940:

La natura morta ha nella lingua tedesca e nell'inglese un altro nome, molto più bello e molto più giusto. Questo nome è: Still Leben, e: Still life: “vita silenziosa”. È un quadro, infatti, che rappresenta la vita silenziosa degli oggetti e delle cose, una vita calma, senza rumori e senza movimenti, un’esistenza che si esprime per mezzo del volume, della forma, della plasticità. [...]

Un pittore di talento, dipingendo una natura morta dipinge veramente la vita silenziosa delle cose create dalla natura o fatte dagli uomini. La natura e la realtà non hanno problemi estetici, né preoccupazioni artistiche. È il dovere dell’artista di dare la bellezza alle cose che vede e che interpreta. Una brocca può essere molto modesta ed insignificante, al punto di non essere vista quando sta sulla tavola di un contadino, e può diventare un oggetto pieno di nobiltà e di fascino in una bella pittura. [...]

Davanti ad una bella natura morta si sentono spesso delle persone semplici, degli uomini senza pretenzioni intellettuali, esclamare: “Oh, come sono vere quelle mele, e quelle arance, sembra di poterle toccare! […] queste parole piene di sincerità, sono un avvertimento per quegli intellettuali […] ai quali lo snobismo potrebbe non solo atrofizzare, ma anche addirittura sopprimere ogni sentimento umano di gioia e di piacere. E dirò ancora che non importa se gli stessi uomini semplici, sinceri ed entusiasti, possono dire le stesse parole davanti a quadri di dubbio valore artistico; non importa,  poiché quello che conta è la gioia sincera che prova un uomo davanti ad una pittura.

Ho compreso fino in fondo la verità delle parole di De Chirico solo negli ultimi anni, quando lavorando in una galleria di arte antica ho vissuto letteralmente immersa tutto il giorno nella bellezza, cosa che mi ha riconciliato con il mondo attraverso la gioia. Così ho cominciato a ritagliare da tutti i cataloghi d’asta e le riviste d’arte che venivano cestinate immagini di nature morte, anzi di “vite silenziose”, per dirla alla De Chirico, ovvero quelle rappresentazioni che oggi, visto il momento, potremmo anche chiamare “sospese”....
ed ora me le sono incorniciate in un collage appeso in cucina, a ricordarmi che ogni gesto compiuto nella preparazione del cibo è esso stesso una rappresentazione della bellezza.

Dunque per approfondire (e per la relativa ricetta a tema) rimando all'articolo sulle nature morte antiche e contemporanee che esce oggi sul Calendario del Cibo Italiano per la Giornata Nazionale del Cibo nell'Arte (ma che apro con un dipinto italiano di biscotti...), mentre consiglio la lettura del precedente articolo di Maria Teresa per un inquadramento storico generale del tema in ambito italiano.
Giorgio De Chirico, Biscotti ferraresi, 1916
Qui sul blog oggi, invece, mi riallaccio a De Chirico, che ha rappresentato in modo iconico più volte nelle sue tele, post-metafisiche e non, vari dolcetti tipici di Ferrara, dove visse qualche anno. Lui era nato in Grecia ma aveva ascendenze siciliane, forse per questo  trasformò in “oggetto pieno di nobiltà” anche una fetta di torta nel suo dipinto del 1919 intitolato “Il dolce siciliano”.
Giorgio De Chirico, Il dolce siciliano, 1919
A occhio si direbbe una classica cassata, ma io preferisco interpretare l'immagine come quella di un dolce dai colori simili ma più semplice ed intima, una torta fedora: pan di Spagna farcito con crema di ricotta e decorato con mandorle, pistacchi e ciliegine. Il suo nome ricorda, chissà perchè, una delle città invisibili di Calvino, in specifico la città del desiderio. Evidentemente nulla succede per caso.

Fotografo la fedora attorniata di libri, come nel dipinto, nonostante io non abbia alcuna pretesa di riprodurre visivamente un’opera d’arte con la mia banale fotografia: ma i libri sono essi stessi "oggetti nobili" a prescindere, come non cedere dunque alla tentazione di una vera somma di piaceri e bellezze, come ci si aspetta quando si entra in contatto con l'arte?
IL DOLCE SICILIANO DI DE CHIRICO, VISTO COME UNA FEDORA
N.B.: per il pan di Spagna ho seguito le indicazioni dell'unica sfida dell'MTChallenge che avevo saltato, causa mancanza forno per trasloco, e che così oggi dopo cinque anni ho finalmente recuperato! Vale la pena di leggere nella ricetta tutti i trucchi per un pan di Spagna perfetto, che qui non ho riportato.

ingredienti:
per il pan di Spagna
300 g di uova intere a temperatura ambiente
200 g di zucchero
150 g di farina 00 (più lo spolvero per lo stampo)
50 g di fecola di patate
sale
burro per lo stampo

per la bagna
300 g di acqua
200 g di zucchero
2 cucchiai di rum
4 cm di scorza di arancia

per la farcitura e il decoro
700 g di ricotta (qui 500 di pecora e 200 vaccina)
60 g di zucchero a velo
60 g di cioccolato fondente
60 g di mandorle a filetti (nel mio caso sgusciate)
80 g di pistacchi a granella (nel mio caso sgusciati)
10 ciliege candite (nel mio caso, amarene sciroppate)

Setacciare farina e fecola insieme un paio di volte. Accendere il forno a 170 °C modalità statica. Imburrare e infarinare uno stampo a cerniera da 24 cm di diametro.

Montare le uova con lo zucchero e un pizzichino appena di sale nella planetaria con la frusta a velocità media per circa 10-15 minuti, fino a che le uova hanno quadruplicato il loro volume, "scrivono" e fanno "il becco".

Unire le farine poche per volta, lavorando delicatamente a mano con una spatola dal basso verso l'alto per incorporarle senza smontare l'impasto.

Versare l'impasto nello stampo, livellandolo delicatamente, e cuocere per circa 25 minuti, facendo la prova dello stecchino dopo 20 minuti e prolungando eventualmente la cottura fino a 30.

Lasciare leggermente intiepidire poi sformare e far raffreddare completamente, rovesciando il pan di Spagna su una gratella. Se non lo si usa subito, una volta ben freddo avvolgerlo in pellicola perchè non si asciughi ulteriormente,
Per lo sciroppo portare a bollore acqua e zucchero con la scorza d'arancia, lasciar sobbollire per un paio di minuti, quindi spegnere, unire il rum e far intiepidire. Levare poi la scorza e, se non si usa subito, coprire.

Lavorare la ricotta ben scolata con lo zucchero a velo fino a che è bella spumosa; sbriciolare il cioccolato in pezzettini grandi come piselli.

Levare con un coltello a seghetta uno strato sottile sopra il pan di Spagna e lungo i bordi, per eliminare la parte dorata, poi tagliarlo in due parti in orizzontale.

Versare sulla base tagliata circa metà della bagna, in modo che si inzuppi in modo uniforme.

Spalmavi sopra un bello strato di ricotta, arrivando fino ai bordi, poi cospargere con il cioccolato e coprire con il secondo disco di pan di Spagna.

Rivestire completamente il dolce, sia sopra che ai lati, con il resto della ricotta, conservandone un paio di cucchiaiate (io mi sono dimenticata).

Se non sono già a granella e scaglie ridurre separatamente sia mandorle che pistacchi in granella e poi tostare le mandorle.

Rivestire con i pistacchi i bordi della torta e con le mandorle la superficie orizzontale, e tenere il dolce in frigo almeno due ore (ma molto meglio 24) ben coperto prima di servire.

Quando si leva dal frigo spremere dei ciuffetti di ricotta sulla superficie del dolce ed adagiarci una ciliegia candita (nel mio caso le amarene sciroppate, ben scolate, senza ricotta sotto).
  • rivoli affluenti:
  • le immagini dei dipinti di De Chirico sono prese quiqui, qui e qui
  • chiedo scusa ai puristi per variazioni rispetto alla ricetta originale della fedora, ma sono dovute all'assortimento limitato del supermercato sotto casa.

Commenti

  1. Un grande grazie per questo bellissimo approfondimento che completa il tuo articolo sul Calendario
    A volte chi parla di arte, non riesce a catturare l'attenzione perché troppo usa un linguaggio troppo tecnico, tu invece con la semplicità di chi ama a fondo la pittura trasmetti emozioni
    ........ e la torta Fedora? Golosissima
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Manuela, sapere che mi leggi con tanta passione mi allarga il cuore.

      Elimina
  2. Thank you very much for all your proposals on this site. Your shares are very interesting and very enriching. Congratulations.

    Voyance gratuite

    RispondiElimina
  3. Bellissimo post e bellissima foto...non mi resta che replicare la ricetta!
    P.s. il pan di Spagna è talmente bello che incornicerei quello!

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di ricette svizzere quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle.

L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle.

Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina, questa salsa …

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!
In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

storia di un addio e di fidelin saraceni ai finferli

Molti dicono che sia impossibile ma lei ne è convinta: il primo ricordo di cui Alissa ha sempre avuto memoria è di se stessa piccolissima, sdraiata nella carrozzina sulla strada davanti alla vecchia Baita in quel paesino di montagna. E' di lei che guarda in su, verso il cielo, mentre nevica. La carrozzina è di sky blu fuori e di tessuto bianco dentro; un telo di sky blu abbottonato sulla struttura copre le coperte in cui lei è avvolta ed una visierina di plastica trasparente a mezza altezza la ripara dai fiocchi, che scendono lenti.

Vero che la carrozzina poi venne usata anche quando nacque la sorella, ma all'epoca Alissa aveva 14 mesi. Dicono che i ricordi si formino dai tre anni ma per allora la carrozzina era già stata data via. A lei non pare di averne mai vista una foto e, anche se fosse, sarebbe stata in bianco e nero, da dove spunta il ricordo del blu?
Forse è per questa strana visione che si è sempre sentita a casa in quel paesino. O forse perché ci ha trascorso tutte…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!