Passa ai contenuti principali

Siena 2: storie di pepe, tra panpepato e... pollo indiano!

Il murg kaalee mirch, pollo al pepe nero, è un piatto tradizionale dell'India del Sud la cui ricetta esisteva anche prima che arrivasse in India il pomodoro, ingrediente che oggi rientra nella ricetta "moderna". E uno si chiede: ma che c'entra l'India?! Il titolo parla di Siena!

Be', proprio l'India meridionale era l'area da cui in epoca medievale e rinascimentale veniva importato tutto il pepe che arrivava nelle botteghe degli speciali, figure professionali a cavallo tra farmacisti, medici e droghieri. Spezia ritenuta afrodisiaca, rara e preziosissima già per i Romani del IV secolo a.C., ...... l'area italiana ne aveva durante il Rinascimento il monopolio per l'importazione in Europa.

Molti dolci antichi nacquero dunque nelle nostre zone con l'aromatizzazione di pani o focacce con miele, frutta e spezie. A Siena, in specifico, grazie ai suoi intraprendenti mercanti e ai creativi speziali,, il pepe e l'altrettanto costoso zucchero divennero protagonisti di un panpepato tutto diverso da quello di altre zone, tanto che in un documento del 1566, De Secreti Rationali, si testimonia che i panpepati “senesi siano li megliori”.
La leggenda  vuole il panpepato prodotto di convento: secondo alcuni la monaca responsabile della dispensa trovò vari sacchi rosicchiati dai topi, per salvare il salvabile mescolò quel che era stato risparmiato; per altri creò invece un dolce corroborante per i soldati che, grazie a quell'eccezionale sostentamento, sconfissero i Fiorentini nel 1260, per altri ancora la monaca lo avrebbe prodotto per aiutare gli abitanti della città a resistere all'assedio che mirava alla fine della Repubblica Senese.

Di certo se ne preparavano nei conventi, ma la produzione maggiore è probabile fosse nelle spezierie, che dovevano utilizzare il pepe invenduto prima che perdesse l'aroma. Cotto nei forni comuni, era poi venduto in città nelle locande, negli empori alimentari e dagli ambulanti. Oggi in Siena il panpepato viene invece preparato nei forni e nelle pasticcerie, come il Forno Ravacciano e la Pasticceria Nocino, di cui parlerò diffusamente nel prossimo post.

Quando CNA Siena, in collaborazione con il Calendario del Cibo Italiano mi ha chiesto, di preparare una ricetta con il panpepato per un flash-mob tutto senese in occasione della Giornata Nazionale del Panpepato, avendo io una mente più salata che dolce e molto legata alla storia ed alla geografia del cibo, ho subito pensato a una ricetta tipica della zona di origine della spezia che da il nome a questa delizia senese e che le fosse più o meno contemporanea. Ecco perchè l'India del Sud, dove non conosco dolci a base di pepe ma dove in tema di miscele di spezie non scherzano affatto, ed ecco perchè la versione "antica" del  murg kaalee mirch, quella senza pomodoro!
Come in India ovviamente ogni cuoco ha il suo mix personale di spezie a base pepe per questo pollo, anche quello delle spezie del panpepato è, oggi come ottocento anni fa, un segreto di ogni produttore. Esiste in generale, sotto il nome di "miscela toscana", un misto che  può racchiudere il mondo e, tra l'altro, condire carni, aromatizzare salumi e, appunto, profumare dolci.

Dopo aver analizzato diverse miscele, storiche e non, ho scelto di utilizzare solo le spezie comuni quasi a tutti i mix, quelle certamente presenti nella poudre forte classica medievale. A cui ho aggiunto in specifico il ginepro, nota tipica delle carni all'italiana che è assente dalle miscele per dolci o da quelle di chiara eredità orientale. Perchè il ginepro? Per colpa del dolceforte!

Nonostante io abbia pensato la ricetta all'indiana, il dolceforte è una prestigiosa realtà toscana (la mia versione a profiterole spero non sia presa come sacrilegio!) che, escluso il cioccolato qui come il pomodoro là, ha più in comune con il murg indiano di quanto si pensi: la nota acida di aceto, ad esempio, non è poi così lontana dal lime usato nel pollo indiano (io qui però uso limone), dove la cremosità viene dallo yogurt e non dal cioccolato, ma dove la speziatura assomiglia terribilmente... a quella del panpepato!
POLLO AL PAMPEPATO CON ISPIRAZIONE INDIANA
ingredienti per 4 persone:
800 g c.a di pollo a pezzi
60 g di panpepato, privato dell'ostia di fondo
1 limone
1 cipolla ramata
1 spicchio di aglio
10? g di zenzero fresco
2 cucchiai di yogurt
1 foglia di alloro
1/2 cucchiaino di mix di spezie in polvere: cannella, noce moscata, macis, garofano, coriandolo, grani del paradiso* e, ovviamente, pepe
4 bacche di ginepro
10 grani di pepe nero
4 cucchiai di olio extravergine toscano
sale
4 fette di pane sciocco toscano, per servire (in India sarebbe riso bianco)
Sminuzzare 45 g di panpepato e lasciarlo a bagno in 50 ml di acqua con il succo di mezzo limone per mezz'oretta (con il pampepato fresco e morbido basta, se se ne usa uno più stagionato allungare acne a un'ora).

Frullare il tutto con aglio, zenzero, mezza cipolla a pezzi, il mix di spezie e yogurt; salare leggermente, versare sul pollo e far marinare coperto per 30 minuti.
Tritare finemente il resto della cipolla e stufarla in 2 cucchiai di olio insieme con l'alloro e il ginepro. Quando la cipolla è trasparente unire il pollo scolato e rosolarlo su tutti i lati.

Unire la marinata e 200 ml di acqua, portare a bollore, coprire e cuocere per circa 35-40 minuti, fino a che il pollo è tenero, unendo se serve qualche altro cucchiaio di acqua e rimestando ogni tanto perchè il fondo tende leggermente ad attaccare.

Grattugiare la scorza del mezzo limone spremuto; pestare grossolanamente i grani di pepe al mortaio.

Quando il pollo è pronto regolare eventualmente di sale, unire il pepe e la scorza di limone mescolare bene, spegnere e far riposare qualche minuto coperto.

Ridurre a dadini il pane toscano e saltarli separatamente con un filo di olio. Tagliare anche il resto del panpepato a dadini e rosolarlo nella padella del pane  fino a che le mandorle sono dorate, levando subito dal fuoco.
Servire il pollo con a fianco i crostini di pane e decorare con i dadini di panpepato dorati e il mezzo limone rimasto tagliato a spicchietti.

Commenti

  1. Un piatto imperdibile! Metto subito la tua ricetta tra quelle da rifare prestissimo. Davvero intrigante!

    RispondiElimina
  2. Sei davvero una forza della natura. Le tue ricette sono sempre viaggi tra profumi e sapori lontani con quell'atmosfera di casa che avvolge. Bravissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e il "viaggio" a Siena è stato davvero fruttifero!

      Elimina
  3. Insomma, un pollo Tandoori alla senese: ho l'acquolina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non esattamente tandoori vista la mancanza del forno... ma hai colto il concetto!

      Elimina
  4. Sono incantata: leggere i tuoi post è fare un viaggio meraviglioso ogni volta. Non solo per le suggestioni che crei, ma per la tua grande conoscenza della storia dei cibi e del loro utilizzo. Il tuo saper raccontare mi entusiasma ogni volta.
    Così come la tua follia creativa, che è andata a pescare un legame lontano con i profumi indiani: che dire - per un'amante del pollo, come la sottoscritta, questo piatto è una vera meraviglia.
    Sei davvero fantastica! Grazie Annalena.
    Un forte abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la mia non è follia creativa... è follia e basta, temo.

      Elimina
  5. Amo la storia e la geografia del cibo e dei luoghi che racconti, è come esserci fisicamente dentro! e questo pollo s'ha da prova' ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di ricette svizzere quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle.

L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle.

Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina, questa salsa …

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!
In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!