Passa ai contenuti principali

jambalaya, ricetta meticcia per necessità e per virtù

In questi giorni mi piace proporre piatti stranieri buoni e facili da cucinare anche con ingredienti italiani di semplice reperibilità in una spesa sotto casa. Tra le tradizioni gastronomiche in cui è più immediato andare a pescare c'è quella americana della Louisiana, di cui tempo fa avevo parlato qui.

Tra gli ingredienti che si usano più diffusamente a New Orleans e dintorni c'è il riso, che è protagonista di tanti piatti tipici almeno quante sono le differenti tradizioni culturali che nei secoli lì si sono incrociate: la cucina locale ha fatto di necessità virtù traendo il meglio da ogni spunto ed ha così creato uno stile gastronomico meticcio molto tipico dai sapori unici e riconoscibili come assolutamente locali.

L'argomento mi appassiona e ne parlerei per ore (addirittura anni fa mi fu offerto di scrivere un libro sulla storia della cucina americana!). Cerco di limitarmi ma credo sia indispensabile una premessa prima di entrare in cucina, importante per comprendere il clima gastronomico della Louisiana e la scelta della ricetta di oggi.

La cucina della Louisiana si è sviluppata tra '500 e '700 attraverso l'ibridazione delle tradizioni alimentari dei Nativi americani con quelle dei Conquistadores e dei negrieri spagnoli e portoghesi, con quelle degli schiavi africani e con quelle degli Acadiani, i Francesi dal Canada, che in momenti storici diversi hanno occupato varie zone dello Stato, per finire con l'apporto degli emigrati italiani e tedeschi nel corso dell'800.

Ne emergono non una ma ben due anime locali per cultura, lingua, musica e gastronomia, con differenze a volte sottili a volte evidentissime. Parlando di cibo, la cucina creola, che oggi prevale a New Orleans, è considerata più "cittadina" ed elegante, discende dalle famiglie importanti spagnole e francesi che governavano la città ed è materialmente opera dei loro schiavi di cucina, abili ad utilizzare i prodotti più diversi e preziosi per preparazioni delicate e cremose.

La cucina cajun, (contrazione di Acadian), attestata nelle zone paludose del sud, sulla costa e nelle praterie, si rivela più rustica e diretta, utilizza interiora, cacciagione, spezie decise e olio. E usa rarissimamente il pomodoro, molto apprezzato invece nella cucina creola, come il burro. I due stili culinari convivono allegramente in Louisiana, citandosi, battibeccando e tutt'oggi arricchendosi a vicenda, ma soprattutto confondendo in merito tutti i turisti che si recano a New Orleans, cui si racconta semplicemente che creolo è cittadino o col pomodori, cajun campagnolo o senza pomodoro.
Tutto ciò per dire che, combattuta se presentare una ricetta creola o una cajun,, ho deciso di parlare della jambalaya, un piatto a base di riso e carne che si dice derivi il proprio nome dal dialetto provenzale jambalaia (quindi origine cajun!), che significa sia riso cotto pilaf che miscela di ingredienti. Però secondo la tribù dei Nativi Atapaka il termine è semplicemente la pronuncia spagnoleggiante della loro formula per augurare buon appetito: sham, pal ha! Ya!, ovvero "sii sazio, non magro! Mangia!". Quindi origine più antica e creola!

In effetti il bello della jambalaya è proprio che, per ragioni sia storiche che geografiche, ne esistono davvero una versione creola e una cajun ed il piatto fa realmente da ponte tra i due stili di cucina, raccontando la storia del Paese in cui nasce. Entrambe le varianti aromatizzano il riso con un soffritto detto holy trinity ("santa trinità", di cipolla, sedano e peperone verde, a volte con in più l'aglio, denominato the pope o the blessed mother) e con una salsiccia di maiale a grana grossa affumicata di nome andouille aromatizzata con decisione con aglio e spezie... tra cui pepe la salsiccia cajun e peperoncino quella creola. Riso, trinità e andouille rappresentano il sapore base di tutte le jambalaya possibili.

Se la "virtù" della jambalaya è la certezza di idee ed ingredienti di partenza, la sua "necessità" è dettata dall'area geografica e dalle condizioni economiche di chi la cucina, perchè in ogni zona (e in ogni famiglia) storicamente si utilizza ciò che si preferisce in base all'offerta del territorio e alle possibilità di spesa.

Così se l'aggiunta di ulteriori verdure, tipo carote, peperoncini freschi o okra, dipende dalla stagione e dal gusto personale, e quella di spezie ed erbe della propria tradizione, per i bocconi di carne che arricchiscono la pietanza è tutta un'altra storia: schiavi e classi più povere hanno sempre infatti usato ciò che trovavano, se lo trovavano, in aggiunta alla semplice ricetta base di riso e verdure, unici ingredienti che potevano certamente permettersi.

Così a New Orleans e nei dintorni, dove prevale la cucina creola, di solito si usano, oltre alla andouille, salumi, pollo, tacchino, maiale, gamberi e/o crawfish (gamberi di fiume); nelle zone più lontane dalla città, come sulla frastagliata costa sud della Louisiana dove è si è maggiormente radicata la cucina cajun, oltre a speziature più intense ed affumicature più decise, si aggiungono a volte anche carni di animali lì più comuni, compresi anatre, ostriche e rane ma anche alligatori e castorini. Nel cento-ovest della Louisiana, invece, la parte più "continentale" dello stato, sempre di impronta cajun, scarseggiano gli ingredienti marini ma compaiono cinghiale e cacciagione.

L'Americano medio, anche in Louisiana, oggi usa in genere pollo e bustine di aromi preconfezionate, ma noi che andiamo alle radici delle tradizioni possiamo dire che, al di là delle carni e delle spezie, ciò che davvero distingue la versione cajun (o dry, asciutta, o brown, scura) da quella creola sono l'assenza del pomodoro ed il metodo di preparazione.

Per la Cajun jambalaya viene abbrustolita la carne nel suo grasso in una pesante pentola di ghisa ed i suoi residui sono quelli che rendono il riso brown. Nel suo fondo, eventualmente con poco olio, si soffrigge la trinità, poi si versano brodo e aromi e, al bollore, si unisce di nuovo la carne, che deve sobbollire a lungo per insaporire il brodo. Il riso si versa nella casseruola alla fine, cuocendolo per assorbimento (come il pilaf francese!), coperto e senza mescolare, fino a che è morbido, asciutto e... saporitissimo. Di pomodoro qui nemmeno l'ombra, tassativamente.

La jambalaya creola invece, detta anche wet, umida, red, rossa, o Spanish, spagnola, ha l'imprescindibile colore rosso del pomodoro, che si ipotizza fosse probabilmente il primo sostituto dello zafferano, insieme alle spezie caraibiche, per gli antichi Spagnoli desiderosi di riprodurre localmente la loro amata paella.

Si prepara quasi come un nostro risotto, rosolando le carni con la trinità, unendo poi il pomodoro e le altre eventuali verdure ed infine i crostacei; quando è tutto insaporito si uniscono insieme brodo e riso e si cuoce rimestando, spesso all'inizio e per niente alla fine, fino a che il riso è cotto; c'è chi alla ripresa del bollore lo finisce di cuocere scoperto in forno... tipo paella spagnola, appunto!

La ricetta che mi mostrò ai tempi del mio viaggio un'amica di New Orleans è detta white jambalaya; è poco apprezzata dai veri intenditori ma molto diffusa tra le madri di famiglia perchè l'assenza di verdure la rende gradita anche ai bambini (!) ed è super-veloce da preparare: si saltano salsiccia e gamberi nell'olio e intanto si lessa il riso con il mix di spezie in bustina (il fatidico jambalaya mix in polvere di cui mi fece dono), poi si unisce il riso al condimento e si fa insaporire brevemente tutto insieme, volendo con un tocco di salsa di pomodoro. Oserei stenderci sopra un pietoso velo.

Ed eccoci finalmente arrivati davvero in cucina: quale versione preparo oggi io?
 Partiamo dal presupposto che al supermercato sotto casa in questi giorni ho trovato solo peperoni rossi, e già parto male per la trinità che predilige quelli verdi. Aggiungiamo che ovviamente non ho sottomano nessun tipo di salsiccia affumicata e che rimedio con un pezzo di speck. Ovvio, niente gamberi di fiume ne' di mare, trovo solo delle mazzancolle tropicali, che sono meglio di niente ma la cui pesca è dannosissime per l'ambiente, quindi: giuro, non lo farò mai più!

Inoltre, come purtroppo capita a tutti in questo periodo, all'ora in cui ho potuto finalmente entrare nel supermercato non ho più trovato ne' pollo ne' alcun taglio di maiale (ne' tanto meno anatra o cinghiale, per non dire dell'alligatore...), quindi ho ripiegato su del semplice prosciutto cotto un po' grasso. Infine non posso procurarmi per ora il riso a chicco lungo (e rifiuto qui il parboiled suggerito dalla mia amica), ne' mi sembrava adatta alla ricetta la peraltro scarsa quantità di profumato basmati che avevo in casa.

Decido quindi per il Carnaroli di Riserva San Massimo, ottimo riso che abbonda nella mia dispensa. E ad un Carnaroli mi sembra si addica di più la cottura creola, relativamente simile alla risottatura italiana, a maggior ragione visto che non ho nemmeno carni per insaporire potentemente un brodo cajun che si rispetti. Questo mi da obbligo morale di inserire il pomodoro... così non solo aderisco alla "creolanità" del piatto, ma in modo fortunoso mi avvicino alla sua possibile, latente italianità, visto che la conserva di pomodoro fu portata in zona dai Siciliani.

Si usano di solito pomodori freschi e/o passata, ma ovviamente oggi non ho neppure quella: ne avevo usato l'ultima bottiglia ieri per la pizza e ho dimenticato di ricomprarla. Di uscire di nuovo non se ne parla quindi, in regime un po' autarchico, uso proditoriamente l'acqua di pomodoro ricavata ieri scolando la passata, che ovviamente non butto mai, rafforzata da un po' di concentrato. Di necessità virtù pure io, insomma...
JAMBALAYA, PER VIRTU' CREOLA, PER NECESSITA' UN POCHINO ITALIANA
ingredienti per 4-6 persone:
330 g di riso Carnaroli
1 piccolo peperone verde (qui purtroppo grande e rosso)
1 cipolla
1 gambo sedano con le foglie
1 spicchio di aglio
150 g di prosciutto cotto grasso (ma meglio pancetta fresca di maiale; in più ci vorrebbero 200 g di lonza e/o 4 cosce di pollo)
100 g di speck (ma ci vorrebbe salsiccia affumicata, tipo quelle trentine o ungheresi)
20 mazzancolle (meglio gamberi) con il guscio, c.a 180 g
950 ml di brodo di pollo o di verdura (nel mio caso acqua e dado di manzo... chiedo pietà!)
180 ml di acqua di pomodoro
 2 cucchiai di concentrato di pomodoro (oppure ne'acqua ne' concentrato ma 200 ml di passata)
1/2 cucchiaio di jambalaya mix (che si può fare in casa miscelando le poveri o un trito fine di: cipolla, aglio, prezzemolo, sedano, peperone verde, alloro, peperoncino, pepe nero e sale, oppure lo si può sostituire con quantità a gusto di peperoncino o di paprika)
1/2 cucchiaio di prezzemolo tritato
1 cucchiaio di erba cipollina tagliuzzata (o 1 cipollino verde)
1 cucchiaino di origano
1 cucchiaino di timo
1 foglia di alloro
3 cucchiai di olio di mais (io extravergine di oliva...)
sale

Rosolare velocemente le mazzancolle, in un tegame ampio o in una casseruola dai bordi alti, con un cucchiaio di olio, timo e origano fino a che i gusci cambiano colore, poi sgusciarle (tranne qualcuna che servirà per decorazione) e metterne da parte la polpa, conservando il fondo di cottura nel tegame.

Se si usano le cosce di pollo ridurne la polpa a pezzetti e conservare le ossa, se si usa la lonza ridurla a dadini di 1,5 cm circa. Ridurre a dadini anche il prosciutto e lo speck (o la pancetta e a rondelle la salsiccia).

Portare ad ebollizione a parte il brodo con l'acqua di pomodoro (se si usa), le eventuali ossa del pollo e una manciata della sua polpa (e/o di lonza), i gusci e le teste delle mazzancolle, le foglie del sedano, l'alloro, il jambalaya mix (se si usano peperoncino o paprika vanno aggiunti dopo, non qui) e, se serve, un pizzico di sale. Lasciar sobbollire una mezz'oretta, filtrare e tenere in caldo: si ottengono circa 900 ml di brodo saporito.

Tritare cipolla, sedano, aglio e peperone (solo mezzo se è quello rosso) e saltarli a fuoco medio nel fondo delle mazzancolle fino a che la cipolla è morbida e trasparente (circa 10 minuti). Se avanza il mezzo peperone rosso tagliarlo a striscioline.

Versare i salumi (speck e prosciutto qui, pancetta fresca e salsiccia in tempi più felici) nel tegame e cuocere fino a quando il loro grasso si è leggermente strutto.

Unire la carne di pollo e/o lonza e far sbiancare; versare quindi nel tegame il riso e tostarlo brevemente, quindi aggiungere (i peperoni a listarelle, la paprika o peperoncino) la passata di pomodoro (o il concentrato) e, dopo un paio di minuti, il brodo filtrato.

Mescolare bene facendo prendere bollore a fuoco basso e cuocere circa 15 minuti, mescolando di tanto in tanto. Io per prudenza ho preferito coprire il riso di brodo, aggiungendone poi a mestolate quando si asciugava, ma ne ho comunque usati 850 ml, quindi la prossima volta sarò più creola: farò consumare leggermente di più il brodo prima di filtrarlo e lo verserò tutto subito sul riso.

Un paio di minuti prima del termine di cottura del riso unire le mazzancolle sgusciate e regolare di sale e spezie, se serve.
 Unire il prezzemolo, mescolare un'ultima volta e spegnere. Dividere la jambalaya nei piatti individuali, decorare con le mazzancolle intere e una spolverata di erba cipollina tagliuzzata (o cipollotto a rondelle finissime) e servire.
  • rivoli affluenti:
  • il riso di Riserva San Massimo è anche in questo periodo sempre reperibile, ovviamente on line.

Commenti

  1. Pensa che proprio l'altra sera in un telefilm ambientato a Chicago, il protagonista di una festa tra amici era proprio questo piatto, che mi aveva incuriosito molto...ora tu presenti una versione fattibile. Quasi quasi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh bello, che film era? Sono curiosa. Ma... jambalaya a Chicago era tipo pizza a Milano o il cuoco era credibile?

      Elimina
  2. Thank you for these very interesting tips, it's really nice to come across articles as interesting as yours! I wish you health, longevity, success, happiness and peace of heart.

    Voyance discount rose

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

a tu per tu con il Fleischkäse svizzero, questo sconosciuto di famiglia

Nel curioso elenco dei cibi svizzeri che hanno caratterizzato la mia infanzia mi rendo conto che, fatto strano, sul blog non ho ancora parlato del  Fleischkäse, una via di mezzo tra un polpettone ed un würstel gigante di cui da bambini venivamo spesso nutriti. Ma un episodio di vita vera me lo ha messo sotto il naso proprio l'altro giorno, ed eccomi qui con il mio reportage storico-familiare. Alcuni Svizzeri, come quelli di casa mia, vivono il   Fleischkäse come un salume, da comprare pronto, intero o affettato sottile in buste, da servire in tavola come fosse prosciutto cotto o da infilare nei panini per merenda con maionese, senape e cipolline sottaceto (Be'... che c'è?! Se mia mamma per evitare che noi figli mangiassimo troppa Nutella la teneva in frigo ad indurire, così era più difficile da spalmare e sul pane se ne metteva di meno, perché stupirsi di quella che lei invece considerava una merenda "sana"?!) Altri amanti del  Fleischkäse  lo compran

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!