Passa ai contenuti principali

pasta e zucchine a somma di tradizioni napoletane: spaghetti con scapece

In questi giorni qui sul blog abbondano il riso e le cucine straniere, quindi creo un piccolo intermezzo con una ricetta tutta italiana di pasta condita con le zucchine, di cui ho appena fatto incetta nell'orto paterno. Ma non si tratta del piatto che ovviamente viene alla mente per primo, quegli spaghetti alla Nerano inventati nel 1952, insieme da un cuoco e un principe, nella locale trattoria Maria Grazia e che utilizza zucchine fritte, abbondante basilico e una mantecatura di provolone del Monaco e parmigiano.

La versione più povera del celeberrimo piatto, sua popolare antesignana, è la (sempre partenopea) pasta 'nguacchiata, condita con zucchine fritte ed il loro olio di frittura, oltre ad una spolverata di pepe e pecorino, se disponibili. Ma io, se di zucchine fritte e del loro vivere nella tradizione partenopea non posso fare a meno, vado di altra specialità campana, che non nasce per condire la pasta. Oggi l'essere che mi vive a fianco non mangia con me, quindi posso usare l'aceto, che io apprezzo tanto ma a cui lui è intollerante. Quindi mi gusto uno spaghetto condito con scapece di zucchine, in tutta la sua aspra e profumata delizia!
Il termine, come l'analogo genovese scabeggio, deriva dallo spagnolo escabéche e definisce una marinatura a base di aceto che anticamente serviva a conservare più a lungo possibile dei cibi cotti, utilizzo derivato dalla tradizione degli Antichi Romani. Ma c'è chi preferisce una leggenda aneddotica alla semplice diffusione di una parola per contaminazione linguistica tra popolazioni che si sono conosciute e frequentate a fondo...

Il testo più famoso pervenuto fino a noi in merito agli usi gastronomici romani è quello scritto circa nel 400 d.C dal "gourmet ante litteram" Apicio, mentre esca in diverse lingue neolatine arcaiche (e anche adesso in rumeno) era la parola per cibo. Una leggenda vuole che sia stata proprio di Apicio la decisione un giorno di condire le zucchine con l'aceto al posto del solito coprente garum (salsa a base di colatura di pesce), e che la cosa fu trovata di una tale bontà che il piatto venne definito da quel momento esca Apicii, da cui, in parallelo, sia scapece che scabeccio che escabéche.

Per alcuni linguisti, invece, i termini italiani derivano da quello spagnolo, a sua volta un'evoluzione dell'arabo iskebech, che nella lingua iranica (cioè di origine indoeuropea) da cui nasce l'arabo indicava una marinatura della carne in aceto, uva passa e spezie persiane. Sia come sia, oggi a Napoli scapece indica delle zucchine fritte e marinate con aceto, aglio e menta fresca, mentre nel resto del Suditalia si riferisce alla marinatura con aceto ed aromi (in genere cipolla, aglio ed erbe) di qualsiasi cosa, ovvero quello che al Nord si chiama di solito carpione.

Quindi se dico "spaghetti con scapece" in Campania capiscono subito che sono conditi con zucchine all'aceto... meno male che l'essere oggi non c'è, perchè essendo napoletano subito si lamenterebbe del fatto che ho cucinato qualcosa di "acetoso" e della sua intolleranza che lo lascia digiuno!

In genere a Napoli qualsiasi condimento di zucchine chiede gli spaghetti, e in questo caso il sapore dell'ortaggio marinato è decisamente più complesso ed avvolgente del solito. Per questo utilizzo gli Spaghettoni del Leone di Rustichella d'Abruzzo: sono realizzati con solo grano duro abruzzese, hanno una sezione di ben 2.6 mm e vengono trafilati al bronzo ed essiccati a bassa temperatura. Si tratta insomma uno spaghetto corposo, che chiede parecchi minuti di cottura ed è pensato per sughi importanti e strutturati... perfetto, quindi per i miei:
SPAGHETTI CON SCAPECE
per 4 persone:
300 g di spaghettoni del Leone
4 zucchine
2 piccoli spicchi di aglio 
½ bicchiere di vino bianco secco 
3 cucchiai di aceto bianco
2 rametti di menta 
1 rametto di basilico 
1 bicchiere di olio extravergine, per friggere 
sale
pepe 

Tagliare le zucchine a rondelle molto sottili, tamponarle in modo che non siano umide e friggerle, una manciata per volta, nell'olio caldo in un pentolino con i bordi alti, scolandole su carta assorbente a mano a mano che vengono pronte, poi salarle leggermente. 

Scaldare il vino con l’aceto, le foglie di menta tritate  (tranne qualcuna) e l’aglio ridotto a listarelle, facendo sobbollire per un paio di minuti in modo che la parte alcolica del vino evapori. 

Distribuire le zucchine in una pirofila alternandole alle foglie di basilico (tranne qualcuna) e irrorare con l’aceto, lasciando marinare un paio di ore. 

Lessare la pasta in abbondante acqua salata per circa 14 minuti, scolarla al dente e unirla alle zucchine.
Condire con 3 cucchiai di olio di frittura delle zucchine e una bella macinata di pepe, 
quindi servire, tiepido o a temperatura ambiente, decorando con le ultime fogliette di basilico e di menta (io per sbaglio le avevo tritate e ho usato solo basilico!).
  • rivoli affluenti:
  • tutti i prodotti di Rustichella sono disponibili anche on line qui
  • per capire come Apicio condiva le zucchine basta andare alla fonte: Apicio, Manuale di gastronomia, ( c.a 400 d.C) traduzione Adriana Bertozzi, Rizzoli, 2009, ISBN 978-88-17-02977-3.
  • Commenti

    1. Ciaoo, è da tanto tempo che faccio la scapee mia figlia ne va matta e sono contenta perchè le faccio esattamente come dici tu solo che per marito non metto la menta. Non ho mai pensato di abbinarla alla pasta prossima volta. Un abbraccio e buona fine settimana.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. ho usato qui vino e aceto per evitare di aggredire la pasta con un sapore troppo acido e devo dire che ha funzionato. Adesso vediamo che ne dice tuo marito...

        Elimina
    2. I am really proud to discover you, your blog is really great! I like its interface, and loved the content too. Above all, keep it up!

      voyance discount gratuite

      RispondiElimina

    Posta un commento

    post più popolari

    MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

    Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

    una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

    Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

    MTC giugno 2011... verso Oriente!

    Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

    riso Otello: un nero integral(ista)

    Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

    a tu per tu con il Fleischkäse svizzero, questo sconosciuto di famiglia

    Nel curioso elenco dei cibi svizzeri che hanno caratterizzato la mia infanzia mi rendo conto che, fatto strano, sul blog non ho ancora parlato del  Fleischkäse, una via di mezzo tra un polpettone ed un würstel gigante di cui da bambini venivamo spesso nutriti. Ma un episodio di vita vera me lo ha messo sotto il naso proprio l'altro giorno, ed eccomi qui con il mio reportage storico-familiare. Alcuni Svizzeri, come quelli di casa mia, vivono il   Fleischkäse come un salume, da comprare pronto, intero o affettato sottile in buste, da servire in tavola come fosse prosciutto cotto o da infilare nei panini per merenda con maionese, senape e cipolline sottaceto (Be'... che c'è?! Se mia mamma per evitare che noi figli mangiassimo troppa Nutella la teneva in frigo ad indurire, così era più difficile da spalmare e sul pane se ne metteva di meno, perché stupirsi di quella che lei invece considerava una merenda "sana"?!) Altri amanti del  Fleischkäse  lo compran

    Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

    Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

    precisazione:

    Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
    Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
    Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!