Passa ai contenuti principali

risotto allo zafferano con pollo e uvetta, tra Afghanistan e Marchesi

Da qualche mese è tornata alla ribalta la questione afghana ed è come se di colpo avessimo scoperto che non bastano vent'anni di "mentalità", a volte proposta ed a volte imposta, sempre e comunque presentata come alternativa, per ribaltare una "cultura" profondamente radicata e come tale vissuta, per quanto recente o manipolata possa apparire vista dall'esterno. 

Esattamente undici anni fa scrivevo di questo strano modo in cui donne italiane militari provavano a fornire strumenti di pace e di benessere a donne contadine afghane rispettandone il quotidiano, la cultura e la fede, semplicemente attraverso la coltura dello zafferano

Questo, come altri progetti simili, sono ora stati spazzati via da un pasticcio storico/politico forse ancora peggiore di quello attraverso cui anche noi tranquilli abitanti di un Paese pacifico eravamo venuti a conoscenza vent'anni fa dell'esistenza dell'Afghanistan e di tutte le oscure trame di cui pareva protagonista.

Invece, ora come allora, è un luogo dove abitano persone comuni, che come noi tengono alla famiglia, al lavoro e alla serenità. E magari anche alla libertà di pensiero. Il quotidiano di quelle persone sta a mille miglia dai proclami politici ed ideologici di chi li governa. 

Un po' come da noi, si potrebbe dire amaramente. Con la sottile differenza che qui nessuno viene a strapparci da casa se ci siamo permessi di esprimere la nostra opinione, di lavorare per un ente che non piace al Governo, di ambire ad una laurea o ad una professione pur essendo donne.

Occorre secondo me una grande lucidità, adesso, per evitare che quanto di buonsenso è rimasto venga travolto dagli eventi, in modo che una popolazione che ha conosciuto un'alternativa, per quanto difettosa, e che si è in ogni caso sentita libera di abbracciarla o meno, possa credere che non tutto di questa esperienza "andrà perduto come lacrime nella pioggia".

Le soldatesse e le contadine del 2010 credevano fermamente che la cooperazione tra popoli e l'impegno quotidiano del singolo potessero cambiare davvero le cose. Oggi io vorrei coltivare non zafferano e uva passa, come facevano loro allora, ma la speranza che la luce nei loro occhi non sia definitivamente spenta e che possa trovare un modo per continuare a brillare.

Qualche giorno fa per #ilclandelrisottodelvenerdi mi avevano chiesto di ragionare sul riso oro e zafferano di Gualtiero Marchesi. Lego il mio omaggio al Maestro non tanto agli aspetti tecnici e colti del suo risotto, che ritengo inarrivabili, ma a quelli umani. 

Come racconta lo storico Alberto Capatti, quella ricetta nacque in modo lieve, perchè un amico dello chef aveva uno zio orafo e lo voleva onorare con un piatto speciale la sera che avrebbero cenato insieme da Marchesi. Complicità e cooperazione, anche lì.

Vorrei che questo mio risotto, che del capolavoro marchesiano coglie visivamente solo il concetto decorativo, di quello prenda invece proprio la levità e l'amicizia, per farne dono a quelle soldatesse e a quelle contadine, dovunque siano ora e qualunque possibilità di speranza possano oggi coltivare nel loro cuore. 

Spero tanto che l'amicizia e la levità possano essere per loro presenti, preziose come la luccicante foglia d'oro di Marchesi, e che le sappiano ricavare dalla semplicità... un po' come qui, dove il dorato è quello di uvetta e carote, le stesse che colorano il Quabeli pilau/Kabuli palaw, un riso pilaf tipicissimo della gastronomia afghana, che viene di solito cotto con zafferano e servito a strati con carne speziata, uvetta, carote e a volte mandorle o pistacchi. 

RISOTTO ZAFFERANO E POLLO CON QUADRATO DI UVETTA DORATA
ingredienti per 4 persone:
300 g di riso Arborio
2 sovracosce di pollo
1 grossa cipolla
2 carote
50 g di uvetta, possibilmente bionda e morbida
3 o 4 noci
1/2 cucchiaino di zucchero
1 foglia di alloro 
1 cucchiaino di zafferano in stimmi
4 bacche di cardamomo
1/8 di cucchiaino di semi di cumino
60 g di burro
1 cucchiaio di olio extravergine
sale
pepe nero in grani

Mettere in freezer 20 g di burro. Ricavare circa 180 g di polpa dalle sovracosce, eliminando pelle e cartilagini.

Mettere le ossa ed il resto della carne del pollo in 1 l abbondante di acqua con 1/2 cipolla sbucciata, 1 carota a pezzi, l'alloro, 4 o 5 grani di pepe e portare a bollore. Lasciar sobbollire una mezz'ora, poi salare il brodo e filtrarlo, tenendo da parte i pezzi di carota.

Mettere in infusione lo zafferano in un bicchierino di brodo caldo e rimettere su fuoco basso il resto del brodo. 

Ridurre la carota cruda a bastoncini; tritare finemente la carota lessata insieme alla mezza cipolla cruda rimasta. Sgusciare le noci e tritarne grossolanamente i gherigli.

Ridurre la polpa del pollo non utilizzata per il brodo a dadini di 1 cm e dorarli in 20 g di burro con il cucchiaio di olio. 

Quando la carne è ben sigillata levarla dal tegame e nel suo fondo struggere in trito di cipolla e carota, unendo cumino e cardamomo leggermente pestati. 

Quando la cipolla è bella  morbida unire il riso e tostarlo fino a che "canta". Aggiungere metà dell'uvetta, coprire con una mestolata di brodo caldo e cuocere poi con aggiunte graduali di brodo, usando verso metà cottura quello con gli stimmi di zafferano ed unendo i dadini di pollo al riso qualche minuto prima di spegnere. 

Intanto cuocere le carote a bastoncini nel burro rimasto a fuoco basso con lo zucchero per una decina di minuti. Quando le carote sono caramellate unire l'uvetta rimasta e le noci ed insaporire tutto un minuto a fuoco vivace, quindi spegnere.

Mantecare il risotto con il burro ghiacciato, distribuirlo nei piatti (marchesianamente neri) e decorare al centro con il misto di uvetta carote e noci formando un quadrato centrale, se si riesce un po' più regolare del mio.

  • rivoli affluenti:
  • Alberto Capatti, La ricetta della ricetta. Storie e percorsi attraverso 500 anni di testi gastronomici, Slow Food Editore, 2020, ISBN 978-88-8499-656-5
  • ho volutamente usato un riso poco blasonato, visto che l'Arborio è un incrocio anni '60 tra il Vialone nostrano e il lungo chicco del Lady Wright americano, è il riso di produzione italiana più versatile, più conosciuto e più esportato all'estero, e tra quelli adatti ai risotti forse il meno costoso
  • per analoghi motivi di rispetto reciproco, dal risotto "classico" levo le sfumature alcoliche, ma mi permetto di sostituire il pollo al più classico agnello e di diminuire le dosi delle spezie del quabeli pilau per lasciare a riso, zafferano e uvetta il ruolo di assoluti protagonisti
  • per non sprecare nulla, con il pollo e la cipolla scolati dal brodo, si ottiene un piccolo antipasto tagliandoli a dadini e mescolandoli con maionese e prezzemolo tritato.

Commenti

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

a tu per tu con il Fleischkäse svizzero, questo sconosciuto di famiglia

Nel curioso elenco dei cibi svizzeri che hanno caratterizzato la mia infanzia mi rendo conto che, fatto strano, sul blog non ho ancora parlato del  Fleischkäse, una via di mezzo tra un polpettone ed un würstel gigante di cui da bambini venivamo spesso nutriti. Ma un episodio di vita vera me lo ha messo sotto il naso proprio l'altro giorno, ed eccomi qui con il mio reportage storico-familiare. Alcuni Svizzeri, come quelli di casa mia, vivono il   Fleischkäse come un salume, da comprare pronto, intero o affettato sottile in buste, da servire in tavola come fosse prosciutto cotto o da infilare nei panini per merenda con maionese, senape e cipolline sottaceto (Be'... che c'è?! Se mia mamma per evitare che noi figli mangiassimo troppa Nutella la teneva in frigo ad indurire, così era più difficile da spalmare e sul pane se ne metteva di meno, perché stupirsi di quella che lei invece considerava una merenda "sana"?!) Altri amanti del  Fleischkäse  lo compran

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!