Passa ai contenuti principali

il senso giapponese del legame tra cibo e natura: Riserva San Massimo e un risotto alle patate dolci

riso pronto da mietere

Qualche settimana fa, dopo il post sullo tsukimi e sulla festività giapponese legata alla raccolta del riso, mi era venuta curiosità di verificare come avvenisse la stessa mietitura in Italia. Per un grande colpo di fortuna e per la grande disponibilità di chi mi ha accolto ho potuto parteciparvi in diretta in uno degli scenari più incredibili che si possano immaginare a pochi chilometri da Milano: Riserva San Massimo.
percorso tra i campi dorati

All'interno di questa riserva naturale di oltre 800 ettari, a sua volta parte del Parco della Valle del Ticino, i campi in cui viene coltivato con tecnologie a basso impatto ambientale riso di altissima qualità nelle varietà Carnaroli e Rosa Marchetti, sono alimentati da fontanili e risorgive naturali e circondati da boschi, frutteti autoctoni e brughiera, dove trovano il loro habitat naturale caprioli, volpi, aironi e molte specie animali e vegetali che contribuiscono alla conservazione della biodiversità.
boschi e canali inframmezzati ai campi

Per la visione giapponese della vita, dell'alimentazione e del rapporto tra uomo e natura una visione imprenditoriale come questa è davvero un modello, ma credo che lo debba rappresentare oggi anche per l'Occidente, in cui sta per fortuna crescendo la sensibilità nei confronti di stili di vita sostenibili e di una autentica qualità degli alimenti.
chicchi di riso

E' una vera gioia ora rituffarsi nelle immagini della Riserva e dei sue dorate distese di riso per la sensazione di naturale e rispettosa fusione tra campi coltivati e natura selvaggia del contesto, testimonianza immediata del rispetto profondo per la terra, coltivata e non da parte del risicultore. Ed è un piacere farlo ora che il clima si è fatto decisamente autunnale e servire in tavola fumanti piatti di riso diventa particolarmente invitante.
il perfetto risotto alla parmigiana servitomi in Riserva

Avendo vissuto la risaia con sentimento istintivamente giapponese, la mia sfida a questo punto è di trovare un legame tra i due mondi anche in un piatto. Dalla seconda metà dell'800 in poi i Giapponesi siano venuti in contatto sempre più ampiamente con ingredienti, tecniche di culinarie ed abitudini alimentari occidentali, tanto da creare una cucina yoshoku (in cui si "importano" prodotti o tecniche straniere, ad esempio la potato sarata) ed alimentarne una wafu (piatti cucinati in Occidente "in stile giapponese", tipo i teryaki buger).

Per quanto riguarda il riso, però, l'adozione di risi e costumi stranieri è sempre stata molto difficile: il riso viene concepito quasi solo in purezza, accompagna altre portate miscelandosi raramente ad esse, viene cucinato solo per assorbimento ed ingredienti aggiuntivi compaiono in modo molto misurato nei takikomi gohan e solo se tipicamente di stagione, come in questo periodo le castagne nel kuri gohan,  le patate dolci nel satsumaimo gohan o la zucca nel kabocha gohan.

Addirittura i donburi (ciotole di riso bianco con sopra altri ingredienti) nacquero solo in epoca Edo (1603-1867), quando si serviva riso sormontato da anguilla brasata come spuntino da teatro, gustoso ma semplice da mangiare; si diffusero un po' in epoca Meji (1868-1912) ma rimasero poco apprezzarti, utilizzati prevalentemente come makanai, pasto per i lavoratori della ristorazione da comporre a fine giornata con avanzi e invenduto.

Figuriamoci dunque modificare la cottura del riso perchè assorba altri aromi e sfruttarne l'amido per legarlo in un velo cremoso invece di lasciare i chicchi ben separati... come è venuto in mente a me decidendo di usare lo squisito Carnaroli di Riserva San Massimo per un risotto!
titolare e tecnico a confronto ai margini di un campo

Il mio piatto, un po' come questo minestrone, sta a cavallo tra wafu e yoshoku,: ignorando il fatto che sto cucinando all'estero (rispetto al Giappone!) riso e metodo tradizionali italiani accolgono ingredienti assolutamente giapponesi in sostituzione dei classici brodo e vino, e per verdura la patata dolce rappresenta l'autunno in modo molto nipponico, e contribuisce con la sua dolcezza a far virare il gusto decisamente lontano dall'Italia.

Però sulla parte dei latticini, ovvero burro e formaggio che per tradizione italiana donano grassa cremosità e saporito umami al risotto, mi ferma la storica diffidenza giapponese nei loro confronti; opto per l'umami di funghi, soia e miso, mentre per la cremosità, oltre all'amido del riso, mi aiutano le patate dolci, grattugiate invece che lasciate a dadini giapponesi. Il gasso invece è del quasi del tutto eliminato: in Giappone non se ne sente praticamente mai la necessità.

Il risultato è spettacolare: sufficientemente "distintivo" per far sentire a casa un Giapponese negli aromi e familiare ad un Italiano per le consistenze, ma sufficientemente "esotico" per apparire diverso dalla propria cultura ad entrambi. Il passo successivo, trovare un modo goloso perchè la fusione di riso italiano e gusto giapponese risultino perfettamente "naturali" ad un palato nipponico, credo mi sarà parecchio più difficile!

RISOTTO FILOGIAPPONESE ALLE PATATE DOLCI E FUNGHI
ingredienti per 4 persone:
280 g di riso Carnaroli autentico Riserva San Massimo
4 funghi shijtake secchi
160 g di patata dolce, al netto di bucce e scarti
1 spicchio di aglio
780/800 ml circa di brodo dashi (kobudashi per un piatto vegetariano)
1 cucchiaino colmo di pasta di miso chiaro*
1 cucchiaio circa di salsa di soia*
4 cucchiai di sake
1 cucchiaino di mirin
1 ciuffetto di prezzemolo
1/2 cucchiaio di semi di sesamo neri
1 cucchiaio di olio di arachidi
pepe sansho
Mettere a bagno i funghi in 100 ml di brodo dashi caldo per 20 minuti. Grattugiare grossolanamente la patata dolce e finemente l'aglio.

Affettare i funghi ammorbiditi eliminandone i gambi, filtrare il brodo d'ammollo ed unirlo al resto del dashi. Separare i gambi dalle foglie di prezzemolo e tritare queste ultime, tenendo i gambi.

Scaldare l'olio in un tegame dai bordi alti, unire aglio, gambi di prezzemolo, patate e funghi e far insaporire un paio di minuti.

Versare nel tegame il riso e farlo tostare qualche minuto fino a che si è ben insaporito.

Versare sake e mirin e lasciar sfumare, quindi unire qualche mestolo di brodo dashi e mezzo cucchiaio di salsa di soia; cuocere a fuoco medio, mescolando di tanto in tanto ed unendo altro brodo a mano a mano che si asciuga.

Quando il riso è morbido ma ancora al dente levare i gambi di prezzemolo, sciogliere il miso nell'ultima mestolata di dashi e versare nel tegame; regolare di sapidità unendo eventualmente ancora un goccio di salsa di soia e spegnere.
Spolverizzare con il prezzemolo tritato, i semi di sesamo e un pizzico di pepe sansho, dividere nei piatti individuali e servire.
Come direbbero in Riserva San Massimo: la qualità di questo riso è "frutto della ricchezza naturale della nostra biodiversità".
  • rivoli affluenti:
  • la magia della Riserva San Massimo è difficile da racchiudere tutta in un solo post. Temo servirò riso a profusione nel blog, nel prossimo futuro...
  • (* lo shiromiso non contiene glutine ma in caso di celiachia meglio controllare la confezione; allo stesso modo va usata salsa tamari certificata al posto della soia per un piatto gluten free)

Commenti

  1. Thank you very much for all your proposals on this site. Your shares are very interesting and very enriching. Congratulations.

    Voyance par mail gratuite immediate

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà".  A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza! Premessa... ... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere.  E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero! Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO , come capirete, li spalanca fran

una salsa di cipolle svizzera per würstel e per mamme lavoratrici

Lo so: sono rimasta indietro di una puntata! Parlavo di  ricette svizzere  quando un'irrefrenabile tentazione di cibo americano  si è intrufolata in cucina ed ha avuto  la meglio. Riprendo ora il filo con un piatto che ho proposto pochi giorni fa anche alla mia cara mammina svizzera in occasione del suo compleanno: Bratwurst con salsa di cipolle. L'aspetto curioso non sta tanto nel tipo di würstel utilizzato, una salsiccia bianca di vitello il cui nome per alcuni significa "salsiccia di carne spezzettata" e per altri "salsiccia da arrostire". In Germania di solito viene speziata in modo deciso con pepe, noce moscata e/o cumino, mentre in Svizzera il suo sapore è molto più delicato. In Ticino ne esiste una versione mignon, una "collana" di micro-salsiccine detta cipollata  non perchè contenga cipolle ma perchè, appunto, di solito si serve in salsa di cipolle. Ma, a casa della mia mamma lavoratrice senza tempo ne' passione per la cucina,

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici  titolari  e aggiunte  dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali... Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone! Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera ) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con  Cipango , il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un s

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi... Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare. Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia.  Ho pescato  invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il  nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integral ista... Si utilizz

a tu per tu con il Fleischkäse svizzero, questo sconosciuto di famiglia

Nel curioso elenco dei cibi svizzeri che hanno caratterizzato la mia infanzia mi rendo conto che, fatto strano, sul blog non ho ancora parlato del  Fleischkäse, una via di mezzo tra un polpettone ed un würstel gigante di cui da bambini venivamo spesso nutriti. Ma un episodio di vita vera me lo ha messo sotto il naso proprio l'altro giorno, ed eccomi qui con il mio reportage storico-familiare. Alcuni Svizzeri, come quelli di casa mia, vivono il   Fleischkäse come un salume, da comprare pronto, intero o affettato sottile in buste, da servire in tavola come fosse prosciutto cotto o da infilare nei panini per merenda con maionese, senape e cipolline sottaceto (Be'... che c'è?! Se mia mamma per evitare che noi figli mangiassimo troppa Nutella la teneva in frigo ad indurire, così era più difficile da spalmare e sul pane se ne metteva di meno, perché stupirsi di quella che lei invece considerava una merenda "sana"?!) Altri amanti del  Fleischkäse  lo compran

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso... A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsuri giapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori! In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati " matsuri ", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di aute

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!