Passa ai contenuti principali

per Alina... young&easy!

Ho anche un'amica di diciassette anni... incredibile ma vero! Nel vorticare della sua indaffaratissima vita, tra compagni di scuola, amici, spasimanti, studio, sport, viaggi, musica, film, facebook, telefonino, shopping, patente, fratello e genitori vari... se ne esce ogni tanto anche con un sms per me, una telefonatina a sorpresa, una confidenza sottovoce mentre il resto del mondo è occupato in un'altra stanza a darsi importanza come solo gli adulti sanno fare quando tentano di prendersi sul serio...

Dire che la adoro è riduttivo: da quando la conosco lei mi ha sempre sorpreso per il suo fantastico mix di intuito e sensibilità elevatissimi miscelati ad alcuni atteggiamenti spettacolarmente infantili. Nella sua incredibilità è una delle persone più credibili in assoluto che io conosca. Così, dopo un paio di mesi di esperimenti in privato, è stata la prima persona a cui ho mostrato il mio blog "dal vivo", giusto il giorno prima di aprirlo ai visitatori esterni. E lei non si è smentita: ha scorrazzato per un po' all'interno del blog e poi se ne è uscita con una proposta davvero carinissima... "potresti anche metterci una sezione di ricette d'effetto però semplici da realizzare, per le ragazze giovani che sono alle prime armi ma hanno voglia di imparare a cucinare bene". Eh già... che ci voleva?!

Dunque ecco qui l'inaugurazione ufficiale dell'etichetta "young+easy": ricette divertenti nella presentazione ed insieme facili nelle lavorazioni e nella reperibilità degli ingredienti, affiancate tra parentesi anche da delle note alternative per semplificare o abbreviare al massimo il procedimento. Guardando ai post precedenti queste caratteristiche sono presenti qua e là, anche se magari le spiegazioni sono meno dettagliate ed alcuni di essi propongono degli abbinamenti di sapori un po' insoliti per dei teenager cresciuti con il mito di pizza e hamburger. Dato che pure lei  ne è golosa ma sa apprezzare (come spero presto i suoi amici)anche proposte più evolute, io qui segnalo tutte le precedenti ricette dall'esecuzione "facile", proponendomi comunque d'ora in poi di  descrivere i passaggi con più chiarezza.

Idee young+easy: la pasta con prosciutto e fichi (ovviamente realizzabile con qualsiasi formato di pasta già pronta); la teglia di patate, pomodori e feta; l'acquapancotto (condito magari con un mix di formaggi garattugiati o con formaggini sott'olio già pronti); la pannacotta di more (eliminando eventualmente i semi di papavero ed utilizzando dei frutti di bosco misti surgelati, se non si trovano le more fresche); l'insalata di pasta, bistecca e avocado (senza semi di zucca ed eventualmente anche senza cipollotti...); la torta salata di fagiolini e gorgonzola (usando una base pronta di sfoglia o di brisèe); gli  involtini di scampi e lardo (tralasciando la parte delle tagliatelle, che si fatica a tenere ben unite, e sostituendo eventualmente gli scampi con dei gamberi freschi crudi già sbucciati ed il lardo con delle fette di pancetta tesa); la macedonia con cetrioli (per evitare gli alcolici si può sostituire il Maraschino/Cointreau con della spremuta d'arancia); il salmone in padella (tralasciando polenta e funghi...); l'insalata con pesche e brie; l'antipasto di fichi e formaggio (per semplificare gli ingredienti si può sostituire il formaggio svizzero con parmigiano giovane o altri formaggi tagliati a scaglie sottilissime, i semi di senape con semi di sesamo e l'olio di noci con olio d'oliva); i tagliolini all'orientale (già descritti anche con ingredienti semplificati).

Cominciamo invece da oggi con una ricetta "dedicata" vera e propria che prevede dei panini a forma di cuore. Io li ho ricavati dallo stesso impasto della focaccia di patate (senza unirvi sfilacci e formaggio!), suddividendo delle palline di pasta in stampini a cuore e spolverandoli con semi di papavero prima della cottura. Una volta sfornati e raffreddati ho tagliato via la calotta e poi ho ricavato un incavo al centro di ogni panino con l'aiuto di uno stampino per biscotti a cuore più piccolo del panino stesso.

Lo stesso effetto si può comunque ottenere da dei bocconcini già pronti acquistati dal panettiere, che se non sono a forma di cuore si possono tranquillamente usare tondi, oppure da un pancarrè intero da ritagliare con l'aiuto di due stampi per biscotti a forma di cuore uno più grande ed uno più piccolo, o ancora chiedendo al panettiere quei piccoli bastoni di pane sagomati che loro usano per le tartine, da tagliare a fette spesse 4 cm. invece che a fettine sottili.



L'operazione è più facile a farsi che a dirsi, l'unica accortezza a cui bisogna prestare attenzione è che con lo stampino piccolo non si deve premere fino in fondo ma fermarsi a circa un centimetro dalla base bel panino, aiutandosi poi con un coltellino per tagliare e sollevare il cuoricino di pane piccolo al centro del taglio senza spezzettarlo.



Questi piccoli contenitori di pane possono poi essere passati in forno a 180° ben spennellati di olio  fino a che risultano dorati, oppure (come ho fatto io) si possono friggere brevissimamente in una padella antiaderente con 3 o 4 cucchiai di olio ben caldo, pochi per volta, voltandoli appena coloriscono, e friggendo poi i coperchietti a parte perchè richiedono una cottura ancora più breve. Questa volta non ci ho pensato, ma dalla prossima proverò a documentare meglio le varie fasi perchè ogni cosa risulti più chiara possibile.

I cuoricini dorati sono buoni anche da soli come fingerfood, leggermente spolverati di sale e poi riempiti di qualsiasi cosa (insalata russa; tonno sott'olio ben sgocciolato, tritato e miscelato ad un cucchiaino di maionese; mais in scatola ben sgocciolato e saltato in padella con poco olio ed un po' di prosciutto a dadini; fontina fusa in padella e colata bollente nell'incavo, spolverizzando con un po' di pepe; patè di quel che si vuole decorato con erbe fresche tritate, eccetera...).

Qui li usiamo invece per vivacizzare una crema di pomodori e verdura. Si può prendere una qualsiasi lattina di zuppa Campbell del gusto preferito e scaldarla con le quantità di acqua o latte indicate (come faccio a saperlo?... lo ammetto: peccati di gioventù!), oppure una busta di minestra liofilizzata  o anche semplicemente mettere nella pentola una minestra pronta surgelata... ma dove sta allora il gusto di imparare a farsi le cose buone da sè?!... Dai: ci proviamo?



Passato di pomodori e verdure con crostini ripieni

ingredienti per 4 persone:
3 pomodori lavati, tagliati a pezzetti e privati dei semi (o una scatola di pelati)
1 patata, sbucciata, lavata e tagliata a dadini grandi come nocciole
1 carota sbucciata, lavata e tagliata a rondelle
1/2 cipolla sbucciata e tagliata a fettine sottili
1 costa di sedano lavata, privata degli eventuali fili duri e tagliata a fettine sottili
1 zucchina lavata e tagliata a rondelle
1 mazzetto di spinaci (se freschi privati delle radici e poi lavati a lungo sotto l'acqua corrente, se in busta semplicemente  sciacquati e sgrondati dall'acqua in eccesso)
(o, invece di tutta questa verdura, una busta di verdure miste per minestrone surgelate)
1 litro di brodo vegetale (o 2 dadi per brodo vegetale)
4 cucchiai di olio extravergine di oliva
sale

e poi:
4 panini a cuore scavati e dorati come spiegato sopra
4 cucchiaiate di formaggio squacquerone (o crescenza o stracchino)
1 cucchiaio di erbe di provenza (o salvia, rosmarino, timo e maggiorana tritati e miscelati)
4 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato
1 cucchiaino di pepe nero, bianco e rosso in polvere (o anche di un solo tipo)

Mettere il brodo a scaldare in una pentola con il coperchio (oppure un litro d'acqua, e quando bolle ci si uniscono i dadi e si rimesta fino a che sono ben sciolti), e nel frattempo versare 2 cucchiai d'olio in un'altra pentola che possa contenere poi tutto insieme e scaldare a fuoco medio.

Versare nell'olio tutte le verdure a pezzi tranne i pomodori (quelle surgelate non c'è bisogno di scongelarle, però è meglio suddividerle in piccoli blocchi se si sono troppo accorpate) e farle cuocere un paio di minuti, fino a che sono un po' lucide (nel frattempo scolare i pelati dal loro liquido di conserva).

Unire i pomodori, cuocere per un altro paio di minuti rimestando con cura, quindi versarci sopra tanto brodo quanto serve a coprire a filo le verdure

Coprire con un coperchio abbassare la fiamma e cuocere circa 30 minuti, rimestando ogni tanto per controllare che il brodo non si consumi troppo e le verdure non attacchino sul fondo (se serve si può aggiungere ancora qualche cucchiaio di brodo).

A fine cottura, quando tutte le verdure sono morbide, assaggiare e, se serve, aggiungere un pizzico di sale, quindi spegnere la fiamma e con un frullatore ad immersione ridurre tutto in crema, muovendo lentamente il frullatore come per rimestare ed anche variandone ogni tanto l'altezza; ci vorranno in tutto almeno 3 o 4 minuti, perchè la crema non rimanga grumosa... ma se il passato non piace si può anche servire la minestra così com'è!

Si può lasciar riposare coperto per una mezz'oretta se si preferisce il passato tiepido, oppure riaccendere la fiamma e scaldarlo di nuovo. Nel frattempo lavorare il formaggio in una ciotolina con un pizzico di sale, metà del pepe e tutte le erbe, in modo da mescolare bene il tutto, poi con l'aiuto di un cucchiaio suddividerlo nella cavità dei quattro panini dorati.

Dividere il passato in 4 fondine, spolverare con il resto del pepe e condire con l'olio rimasto facendolo scendere a filo per formare quasi un cerchio sulla superficie del passato, poi proprio all'ultimo minuto deporre su ognuno un cuore ripieno ed una manciatina di parmigiano, mettere i coperchietti sopra il parmigiano e servire subito, prima che la minestra penetri sul fondo del pane ammorbidendolo.


  • rivoli affluenti:
  • l'ultimo libro che Alina mi ha prestato (e che devo ancora renderle!): Khaled Hosseini, Il cacciatore di aquiloni, Edizioni Piemme

Commenti

  1. e qui proprio mi sconvolgi! i cuoricini????? tutto, tutto mi sarei aspettata da te, tranne i cuoricini!!!!! ahahahahahaha e ti sto prendendo un pò in giro :-)
    ad ogni modo, l'idea è veramente simpatica e mi sa che te la copierò alla prima occasione.
    buona giornata!

    RispondiElimina
  2. @babs: evabbè... almeno hai sorriso!

    RispondiElimina
  3. di solito bastano 2 cuori e 1 capanna !!!!!!! ma 2 cuori e una minestra è più creativo!!!!!

    RispondiElimina
  4. @pistacchietta: grazie, è uno dei complimenti più "creativi" che mi è capitato di ricevere...

    RispondiElimina

Posta un commento

post più popolari

MTC di settembre 2014: un sacco di riso!

Diceva un vecchio slogan anarchico: "con l'ironia abbatteremo il potere e un sacco di riso lo seppellirà". 
A no? Erano risate?! Va be'... per un MTC di questa portata ci si può anche concedere una licenza!

Premessa...
... avevo scritto un post lunghissimo per raccontare perché e per come ho scelto questo tema per l'MTChallenge di settembre 2014. Poi l'ho ridotto della metà, lasciando solo alcune note che mi sembravano indispensabili, e l'ho mandato alla Gennaro per un parere. 

E lei ha detto che un terzo di quanto le ho mostrato era già troppo! Allora ho ricomposto alcuni dei contenuti in articoli di supporto da pubblicare più avanti ed ho cassato il resto. Qui è rimasto il riassunto della selezione della selezione, ovvero il puro tema dell'MTC. Che, mi spiace, adesso vi tocca leggere per intero!

Se scegliere un ingrediente invece che una ricetta tende ad allargare gli orizzonti, questa volta scegliere IL RISO, come capirete, li spalanca frantumando ogni…

MTC giugno 2011... verso Oriente!

Continuo a pensare che le giudici titolari e aggiunte dell'MTC fossero completamente fuori quando hanno passato a me il testimone e nessuno potrà convincermi del contrario, anche perchè potevano ben immaginare in che gorgo storico-etnico-confusionale avrei trascinato la sfida... ma si sono fidate lo stesso! No, è oggettivo: non possono essere completamente normali...

Accertato questo, dichiaro anche di non essermi mai emozionata tanto nello scrivere un post e soprattutto nel proporre una ricetta, sentendo tanti occhi puntati addosso ed il fiato trattenuto di tanti MTC addicted... Ebbene sì, rilassatevi (o disperatevi) pure: come temevate, questa volta si va davvero tutti in Giappone!

Niente succede per caso, si sa. Tanto è vero che l'eterno girovagare di Marco Polo (a cui faccio da qualche tempo da vivandiera) l'ha portato proprio a questo punto del suo viaggio a confrontarsi con Cipango, il Paese del Sol Levante... Come potevo non cogliere il suggerimento di un siffatto des…

riso Otello: un nero integral(ista)

Il primo giorno di autunno una ricetta con le ultime verdure estive, che sono ancora buone visto che sembra far più caldo ora che nei mesi trascorsi...

Sollecitata da alcuni dubbi posti sulle modalità di cottura del riso integrale e sull'utilizzo di varietà di riso "esotiche", ho pensato di provare le risposte sul campo e chiarire soprattutto le idee a me stessa, la prima che ha tutto ancora da imparare.

Così, per prendere due piccioni con una fava, ho scelto un riso sia nero che integrale. No, non famoso ed idolatrato riso Venere, fantastica varietà di nobile origine cinese che, grazie a opportune ibridazioni, ora è coltivato anche in Italia. 

Ho pescato invece una varietà tutta italiana: il riso Otello, che deriva anch'esso da varietà cinesi ma è di concezione e di coltivazione tutta nostrana. Chissà se il nome è stato ispirato ispirato dal famoso personaggio shakespeariano, dalla sua pelle scura e dalla sua natura piuttosto integralista...



Si utilizza ridotto in farin…

Milano matsuri: una festa popolare giapponese... sotto casa!

Il 26 maggio nessuno mi cerchi: non ci sarò! Il 26 maggio succederà una cosa bellissima, tanto che non sto più nella pelle dalla voglia che arrivi presto, e trascorrerò l'intera giornata a Milano vivendo un'esperienza giapponese davvero unica. A meno di non abitare in Giappone, intendo, cose così in Italia non si vedono spesso...

A Milano tra via Keplero e piazza Carbonari (pochi passi dalle stazioni metrò di Zara o Sondrio) una domenica tutta dedicata alle tradizioni giapponesi. Non le solite che conoscono tutti, tipo sushi o manga, ma proprio quelle popolari, i divertimenti delle persone semplici che affollano una festa di piazza... insomma: un vero e originale matsurigiapponese, con le sue bancarelle, i suoi suoni, i suoi profumi ed i suoi colori!


In alcune città d'Italia si sono tenuti degli eventi denominati "matsuri", ma mai è stata ricostruita la vera atmosfera della sagra di paese giapponese, mai è stata presentata una così vasta gamma di autentico stre…

il riso parla. E sceglie la ricetta vincitrice dell'MTC

Anche se ad alcuni questo MTC è sembrato difficilissimo e ad altri una passeggiata, la base della sfida era semplice: cuocere con una tecnica tra le tre indicate la varietà di riso più adatta all'ispirazione di partenza e confezionarci una ricetta personale.

Le regole, oltre alle pure indicazioni tecniche, altrettanto chiare: che ci si inventasse tutto di sana pianta o si prendesse spunto da piatti regionali, classici o etnici, era fondamentale capire che cosa si stesse facendo e perché. E farlo con cura e sorriso, al meglio del proprio gusto per la cucina.

Il criterio personale di giudizio del giudice del mese varia di volta in volta. Il mio l'avevo però esplicitato da subito: il confronto non era davvero con il riso ma piuttosto con se stessi. Così diventavano importanti lo spirito di armonia dell’insieme, la cura positiva dei gesti, la fantasia degli abbinamenti e la conseguente, inevitabile bellezza "naturale" del piatto finale. 
In generale ogni piatto condiviso su…

acquaviva scorre... sciuè sciuè!

Arrivo all'ultimo giorno utile con il mio modesto contributo all'iniziativa Pasta Bufala e fantasia! Reinventa la tradizione, contest organizzato da Le Strade della Mozzarella e Pastificio dei Campi.

Scopo specifico di questo confronto di idee è interpretare un piatto della tradizione usando delle nuove tecniche di cottura e di preparazione, che abbiano naturalmente come protagonista l'abbinamento di pasta prodotta a Gragnano dal Pastificio dei Campi e Mozzarella di Bufala Campana DOP. 

Nel giudicare la ricetta saranno valutati l'utilizzo della tecnica in rapporto al risultato ottenuto, la valorizzazione della pasta e della mozzarella, la qualità innovativa rispetto a preparazione tradizionale. Che ci faccio io dunque in questo gruppo di esperti gourmet? La mia cucina non ha mai brillato per inventiva tecnica... 

Forse la mia personale sfida in questo caso è quella di confrontarmi con prodotti che ovviamente conosco ma con cui "non sono nata": le mie origini f…

precisazione:

Per carattere tendo a tenermi in disparte e so che un comportamento simile in rete rema contro la normale volontà di visibilità di un blog che si rispetti: ho ricevuto spesso critiche per questo.
Mi hanno anche fatto notare che non sempre racconto le manifestazioni a cui sono invitata da aziende e che non polemizzo con chi ha utilizzato i miei testi o le mie foto senza citare il mio blog.
Ringrazio con passione chi mi rivolge queste critiche per affetto e chi mi sopporta lo stesso, nonostante non segua i loro consigli!